Analisi del PPV UFC 260: Miocic vs Ngannou



by   |  LETTURE 1205

Analisi del PPV UFC 260: Miocic vs Ngannou

Abbiamo un nuovo sceriffo in città, il suo nome è Francis Ngannou ed è il nuovo campione dei pesi massimi. Andiamo ad analizzare la main card di questo evento davvero ottimo targato Ultimate Fighting Championship.

Lightweight Match: Jamie Mullarkey sconfigge Khama Worthy via KO

Non credo ci sia molto da dire, un KO fulmineo, direi anche in aspettato, dopo solo 46 secondi! Jamie Mullarkey si porta a casa la sua prima vittoria nella UFC dopo due sconfitte nelle prime due apparizioni.

Women's Flyweight Match: Miranda Maverick sconfigge Gillian Robertson via Unanimous Decision

E' stato esattamente il match che ci aspettavamo alla vigilia, un match lottato ad altissimi livelli da due fantastiche interpreti del Ju-Jitusu e del wrestling.

La giovanissima Miranda Maverick ha avuto la meglio con una terza ed una prima ripresa davvero fantastiche. La Robertson ha sofferto principalmente la sua incapacità di costruire un takedown con lo striking che è venuto totalmente a mancare, dovrà sicuramente lavorarci ma il tempo non le manca, ha solo 25 anni!

Mentre Miranda Maverick ha combattuto il match che ci aspettavamo, una buona fase in piedi che le ha permesso di costruire i takedown decisivi che le hanno permesso di vincere questo incontro.

Bantamweight Match: Sean O'Malley sconfigge Thomas Almeida via KO

Che performance, Sean O'Malley è da guardare con la cintura di sicurezza.

Capace di chiudere il match in ogni momento ed in ogni modo. Il buon Sugar aveva già vinto il match nella prima ripresa ma per cercare il KO con walk-off in stile Mark Hunt non ha chiuso l'incontro ed ha permesso ad Almeida di rialzarsi, ma era chiaro a tutti che il suo destino era segnato.

KO alla terza ripresa, brutale, netto! Ed un veterano di livello assoluto come Almeida è capitolato ai piedi del giovane O'Malley che veramente sembra poter ambire al top della categoria.

Welterweight Match: Vicente Luque sconfigge Tyron Woodley via submission

Mi dispiace, ma penso che sia arrivata la fine del percorso di Tyron Woodley in UFC, purtroppo era nell'aria, Dana White nella press conference post match è stato alquanto chiaro.

Per quanto riguarda il match, non è stato il Woodley rinunciatario delle ultime tre uscite, tutt'altro. Tyron ha provato ad imporre il suo ritmo dal primo secondo della contesa, è anche riuscito a mettere un colpo davvero importante, ma è stato proprio quel Overhand destro a farlo esporre per trovare una chiusura, che lo ha portato ad essere sorpreso con un colpo d'incontro che lo ha mandato giu.

Woodley ci ha provato in ogni modo a lottare fino alla fine, ma Luque ha avuto la freddezza di cercare una d'arce choke e chiudere il match dando a Woodley la sua prima sconfitta in carriera per sottomissione e la sua quarta e molto probabilmente ultima sconfitta consecutiva.

Heavyweight Title Match: Francis Ngannou sconfigge Stipe Miocic via KO

CHE PRESTAZIONE. Alzi la mano chi si aspettava di vedere un Francis Ngannou cosi. Abbiamo assistito ad un Predator calmo, concentrato e sopratutto...con un wrestling invidiabile!

Miocic ha cercato di portarlo a terra, ma addirittura è stato Francis a ribaltare la posizione, prima con uno sprawl da manuale e poi prendendo una imbrevedibile back mount! Credo che in quell'esatto momento Stipe abbia perso ogni tipo di fiducia.

Una volta tornati in piedi la potenza spropositata di Ngannou ha fatto la differenza e lo ha portato ad un KO TERRIFICANTE! Per quanto riguarda Stipe, forse si è presentato troppo leggero per la contesa, addirittura ben 13 kg sotto...forse ha sottovalutato l'avversario.

Resta comunque che Francis ha dimostrato di meritare il titolo Mondiale ed attualmente non vedo nessuno capace di impensierirlo. Qualcuno ha detto Jon Jones? Speriamo...ma il Jones visto contro Reyes e Santos non credo sia di certo favorito in un match-up simile...staremo a vedere.

Ora non resta che congratularsi con il nuovo campione dei pesi massimi, Francis "The Predator" Ngannou e ringraziare Stipe Miocic per uno dei regni più dominanti di sempre.