Shane McMahon ha tentato una clamorosa acquisizione della UFC qualche anno fa?



by   |  LETTURE 696

Shane McMahon ha tentato una clamorosa acquisizione della UFC qualche anno fa?

Nel corso della sua carriera da manager e da performer, Shane McMahon, primogenito di Vincent Kennedy McMahon, patron della compagnia numero uno al mondo di pro-wrestling, ha tentato in tutti i modi di emulare il padre, cercando di costruirsi la propria fortuna anche lontano dalla compagnia di famiglia.

Nella lunga assenza che ha portato via Shane dalle scene della WWE, infatti, il primogenito di Vince e Linda aveva cercato in maniera vana di tirare su la sua personale compagnia, con la quale cambiare il mondo delle tecnologie di trasformazione, con la lunga carriera parallela del ragazzo durata quasi 10 anni che però sembra essere naufragata prima del suo ritorno sulle scene della WWE.
Oltre ad avere altri numerosi hobby nella carriera manageriale, come quelli per le moto e per le auto, nel 2004 Shane sembrerebbe essere stato ad un passo dall'acquisizione della UFC, la più importante compagnia di MMA del mondo, attualmente nelle mani della WME-IMG ed il cui presidente è Dana White.

Shane McMahon è stato ad un passo dal comprare la UFC nel 2004?

Nelle tante rivelazioni effettuate nell'ultima puntata di Something To Wrestle With, l'attuale braccio destro di Vince McMahon, Bruce Prichard, ha voluto fare chiarezza sulla trattativa che c'era stata in gran segreto nel 2004, dove Shane McMahon, (con i soldi del padre), era quasi arrivato a comprare la UFC, dicendo:

"Bob Meyrowitz voleva mettere la UFC in vendita e cercava anche alcuni modi per cambiare, o comunque reinventarsi.

Così, io sapevo che Shane era interessato nel comprare la UFC a quel tempo, così incontrammo Meyrowitz e Campbell McLaren. Penso che inizialmente, loro non fecero una richiesta chissà quanto alta. Non chiedevano molto infatti, ma era comunque più di quello che Vince voleva pagare in quel momento, e la revisione dell'UFC da parte dei Fertittas, che erano stati capaci di portare a termine e la revisione delle regole apportata da Dana White e tutto il resto, sono stati la cosa migliore che potesse capitarle.

Non so se come compagnia avremmo mai potuto eliminare lo stigma della WWE che compra la UFC e soprattutto se saremmo mai riusciti a cambiare la UFC per come aveva bisogno di essere cambiata" .