UFC 257, Poirier mette ko Conor McGregor: l'irlandese al tappeto al 2 round



by   |  LETTURE 1564

UFC 257, Poirier mette ko Conor McGregor: l'irlandese al tappeto al 2 round

Non è andato come previsto il ritorno sul ring della leggenda del MMA Conor McGregor. Il lottatore di origini irlandese ha affrontato nella notte ad Abu Dhabi, davanti a poco più di 2000 persone, l'americano Dustin "The Diamond" Poirier, ma non è andata come previsto per lui e per i suoi tifosi.

In un incontro abbastanza a senso unico un McGregor, sicuramente meno spavaldo del solito (d'altronde in questi giorni tutti hanno notato che era così) ha perso per la prima volta in carriera con un ko con l'americano che ha atterrato Conor al secondo round.

Già nel primo round McGregor aveva rischiato grosso con l'avversario che lo aveva portato a terra, ma ha tenuto fino al secondo dove una serie di colpi di Poirier hanno messo ko l'avversario. Per Poirier, lottatore di 32 anni con 27 vittorie e 6 sconfitte all'attivo, arriva un grandissimo successo che lo candida come primo candidato verso il titolo.

Alcuni mesi fa perdeva contro Khabib, ma ora con il ritiro di quest'ultimo e con la vittoria su McGregor, Poirier diventa il primo candidato per la cintura. Amato per i suoi modi di fare talvolta 'presuntuosi' (ricordiamo tutti le sue frasi nei confronti di wrestler WWE come John Cena e le sue sfide a Brock Lesnar), sarà questa la 'fine' di Conor McGregor? C'è sempre un piccolo collegamento tra McGregor e la WWE e nella notte la wrestler e sua connazionale Becky Lynch È apparsa sui social insieme a sua figlia per incitarlo.

Le dichiarazioni dei due al termine del match

Dopo la sconfitta sia McGregor che Poirier sono apparsi in conferenza e l'irlandese è stato visto in difficoltà e con le stampelle. Nonostante ciò ha fatto i complimenti all'avversario ed ha dichiarato: «Tornerò sul ring perché è quello che voglio fare.

Prenderò le mie botte. Adesso però sono distrutto, è dura da mandar giù. Voglio solo tornare in albergo, rilassarmi con i miei figli e riorganizzarmi». Dall'altro lato un Poirier molto carico ha dichiarato: "Sentivo che questa lotta era per il titolo, se non torna Khabib sono io il campione!"