La UFC rimuove la marijuana dalle sostanze bandite e Riddle della WWE festeggia



by   |  LETTURE 1192

La UFC rimuove la marijuana dalle sostanze bandite e Riddle della WWE festeggia

Molti tra i wrestler che sono passati in WWE e che tuttora lavorano per i McMahon, hanno avuto un passato di abuso di droghe leggere, con la marijuana che è una delle sostanze prsicotrope che viene più spesso utilizzata, soprattutto per i suoi effetti "benefici" su corpo e mente, visto che allevia i dolori e le ansie di chi ne fa uso.

Nel corso degli anni, diversi dei wrestler sotto contratto con la WWE sono stati multati dalla dirigenza della federazione per averne fatto uso, come ad esempio Rob van Dam, che continua a professare come il THC sia una sostanza benefica al 100% o Evan Bourne, che adesso si fa chiamare Matt Sydal sui ring della AEW e delle altre compagnie indie mondiali, per non parlare di Brian Kendrick, Sean Waltman, Jack Swagger, Jeff Hardy e anche Randy Orton.
Tutti questi wrestler, prima o poi, sono stati infatti multati dalla WWE, perchè sosrpresi con la sostanza proibita in circolo nel sangue.

La UFC non vieta più l'utilizzo di THC ai suoi atleti

Negli ultimi giorni, la compagnia numero uno di arti marziali miste al mondo, la UFC di Dana White, ha deciso di levare la marijuana dalle sostanze illegali per i suoi atleti, rimuovendo di fatto il THC dalle sostanze bandite per poter lavorare con loro.
Dopo essere stato sospeso proprio a causa dell'utilizzo della marijuana, con Matt Riddle che ha così preferito passare al pro-wrestling, lo stesso atleta di Monday Night Raw ha voluto festeggiare l'avvenimento su Twitter, scrivendo di aver avuto il più grande regalo di compleanno si possa ricevere, benchè sia arrivato con qualche anno di ritardo.


In WWE invece, la situazione appare ancora abbastanza incerta, in quanto la sostanza dovrebbe essere ancora ritenuta illegale, ma diverse volte la federazione ha chiuso un occhio sui suoi atleti, vedi Randy Orton, visto che dopo la terza violazione al Wellness Program della federazione, un atleta deve essere licenziato.

L'ultima violazione arrivata in WWE, sembra quindi essere quella di Andrade, qualche anno fa, con la compagnia che da allora sembra non aver colto più nessun wrestler in flagrante.