SiAn's Social Pit - Intervista a Gabriel Bach



by SIMONESIAN

SiAn's Social Pit - Intervista a Gabriel Bach
© SimoneSian / Fair Use

Buongiorno e benvenuti al SiAn's Social Pit, la rubrica in cui intervisto i wrestler italiani, dando anche un'occhiata in modo specifico a ciò che condividono sui social. Stavo cercando un atleta da intervistare e pochi giorni fa ho avuto il piacere di assistere ad uno show della Crossover Wrestling, quindi mi è venuta un'illuminazione: quando mi ricapiterà più di poter intervistare Freddie Mercury? Nel primo numero della rubrica siamo stati nella scuola dell'allora Kia (ora Chiara Montessori), mentre oggi ci spostiamo al conservatorio e vi presento un altro nome noto nel panorama del wrestling nostrano, ovvero il "Drama King" Gabriel Bach

Intanto, benvenuto!
Grazie mille per questo fior fior di introduzione e grazie, soprattutto, per la pazienza di aver aspettato fino ad ora le mie risposte ahahahhahaha 

Parto subito con una domanda di rito: chi è Gabriel Bach? 
Sono io stupidoni! Narcisista, egocentrico, manipolatore, doppiogiochista, opportunista, primadonna e credeteci o meno, ho anche dei difetti. Cagate a parte, Bach è un musicista "fallito", che cova rabbia e un senso di ingiustizia verso il mondo, un mondo che gli ha negato il suo più grande sogno di diventare un musicista prodigio. Ora sfoga questa rabbia sui ring di tutta Italia componendo le più soavi melodie a suon di calci, pugni, schiaffi e ossa che si rompono 

E chi è invece Gabriele? Dove la gimmick rispecchia la realtà ed in cosa invece si differenzia? 
Bach nasce laddove Gabriele ha un'insicurezza: se Bach è estremamente confidente sulle proprie capacità, Gabriele ha bisogno di qualche parola di incoraggiamento in più, se Bach è così sfrontato del pericolo, Gabriele invece deve analizzare ogni singolo eventuale scenario prima di prendere un rischio e così via. Tuttavia siamo legati entrambi da due cose: testardaggine ed amore per la musica 

Sei ancora giovane (o forse lo dico per autoconvincermi, dato che hai qualche anno in meno di me), ma hai già parecchi anni di esperienza alle spalle. Come hai iniziato ad avvicinarti a questo sport? 
HO 25 ANNI E SONO ANCORA PERFETTAMENTE GIOVANE, CHIARO? Comunque, come tipo tutti della mia generazione ho scoperto il wrestling in piena Ruthless Aggression, il cosiddetto "boom". Tuttavia dopo le morte prima di Guerrero e poi di Benoit, ho pensato che non facesse più per me. Poi arrivò il 2011, l'eestate di Punk, e quello str**** mi ha affascinato sin da subito per come sapeva tenere il microfono. Se non erro la prima puntata che rividi dopo anni fu proprio quella della famosa della Pipebomb e da li' ripresi a seguirlo più assiduamente di come facevo sei anni prima. Due anni dopo conobbi una ragazza, presissima anche lei, e per impressionarla decisi di iscrivermi alla mia prima lezione. Risultato? La ragazza mi diede 2 di picche ed ora nemmeno ci parliamo più, ma almeno posso considerarmi uno dei volti del wrestling Italiano, da (quasi) 10 anni. Se fate due calcoli capirete perché sono meglio di voi (e lo sapete). 

Quali sono i tuoi wrestler preferiti attualmente? Ed a quali ti ispiri o ti sei ispirato per la tua carriera? 
Beh, uno l'ho citato nell'ultimissima riga della mia ultima risposta (MJF per i poco attenti), amo il suo character work, amo come parla, amo come si muove, amo come lotta, amo tutto di lui. Poi non posso non citare Daniel Bryan/Bryan Danielson (come preferite chiamarlo): se non avessi mai seguito la storyline del YES! Movement ed i conseguenti match a WM 30 non penso avrei mai preso la decisione di iniziare. Altri nomi da cui invece ho preso spunto negli anni per diversi fattori: Triple H, Stone Cold, William Regal, Johnny Saint, Perk Angle (no, non Kurt, PERK Angle), il sopracitato CM Punk, Kevin Owens e più recentemente come Mercury mi ispiro molto a Michaels. Mi fermo qui perché sono veramente troppi i wrestler da cui ho preso almeno una volta spunto ahahah 

Raccontaci un'esperienza che ti è particolarmente rimasta impressa, a tema wrestling. 
Ogni singolo weekend passato in Crossover. Ma se proprio devo raccontarne una: nel 2017 circa, in uno show che si teneva in Campania, mi sono letteralmente addormentato sul ring per qualche secondo. Venivo da 12 ore di pullman di cui ne avevo dormite esattamente Z E R O. Una volta arrivati alla location predestinata ci eravamo resi conto che il ring non ci sarebbe mai stato e quindi tutti a correre di fretta e furia per trovare una nuova palestra, montare il ring e poi lottare. Già alle 21 (orario di inizio show) ero cotto. Arrivato al mio match ad un certo punto l'avversario mi spinge contro il paletto e inizia a strozzarmi, io mi rendo conto che i cuscinetti che coprono i tiranti di metallo sono più comodi di quanto ricordassi, chiudo un attimo gli occhi e... perdo coscienza all'istante: Mi sono letteralmente addormentato. Fortuna che poi l'avversario è riuscito a svegliarmi subito con un simpaticissimo e per niente traumatico schiaffo! 

Evidentemente il wrestling non è la tua unica passione, quindi parliamo di musica. Ci sono molti riferimenti alla musica classica nel personaggio che porti sul ring e ti ho sentito cantare. Intanto, complimenti. Poi ti chiedo: quanto è importante questo tuo altro lato artistico? Hai preso lezioni o è solo un qualcosa che ti piace fare autonomamente? 
Grazie mille! Per me la musica è come l'acqua, non puoi passare una giornata intera senza bere acqua e non avere ripercussioni sul fisico, no? Stessa cosa io con lei: se non passo almeno le mie 2/3 orette al giorno ad ascoltarla ed a cantare vado in crisi, le stesse crisi che ha un tossicodipendente che non si fa una dose per intenderci. Le uniche lezioni che ho preso son state di pianoforte che ho praticato per 7 anni da quando ne avevo cinque, ma non chiedetemi di suonarvi qualcosa tipo MAI. Non mi va e non mi vedo abbastanza bravo. Per quanto riguarda il canto, invece, canto da quando ho memoria. Ho imparato ad armonizzare da autodidatta partendo dalle canzoni dei Pooh che i miei mi costringevano ad ascoltare, fino ad arrivare a roba un po' meno da balera (che poi anche i Pooh hanno fatto i loro signori album prima di quella cagata di Uomini Soli). 

Non vorrei essere ripetitivo, ma mi sembra giusto chiedertelo: hai anche un aneddoto a tema musicale che vorresti raccontarci? 
Una volta ho limonato il batterista della band con cui suonavo davanti alla sua ragazza (e altre persone che erano li a vederci). A me non piacciono gli uomini, ma il tema della serata era l'inclusività ed avevo qualche birra in corpo. Il resto è venuto da sé. 

Andiamo a far ciò che mi è più consono e diamo uno sguardo ai tuoi social. In svariati tuoi video smonti ironicamente i soliti preconcetti di chi cerca di denigrare il wrestling, come l'ormai famoso "È tutto finto". Pensi che in Italia prima o poi riusciremo a mettere da parte queste idee? 
Ma secondo me già siamo a buon punto, la gente sa che quello che facciamo è show, ma riconosce anche che le mazzate che ci prendiamo non possono essere simulate. Un suplex sul ring è sempre un suplex sul ring e la maggior parte della gente che si ricrede su questa diceria lo fa proprio dopo averci visti dal vivo. Gli scettici ci sono comunque, ma sono perlopiù persone frustrate o gente "in là con l'età", quindi cosa vuoi che possano mai capire... 

Allarghiamo la domanda: secondo te torneremo a goderci il wrestling come una volta? C'è qualche possibilità di tornare al boom dei primi anni 2000? 
Se continuiamo ad impegnarci ed a spingere i prodotti nostrani come stiamo facendo in questi ultimi anni, SENZA farsi "concorrenze" inutili che non giovano a NESSUNO, assolutamente sì. 

Domanda un po' più intima. In un post del 2021 hai raccontato che è stato un anno per te difficile, ti va di parlarcene? 
Nulla di più e nulla di meno rispetto a ciò che scrissi. Il 2021 era l'anno di "uscita" dal covid, ero disoccupato, appena uscito da una quarantena ed avevo il cuoricino spezzato dall'ennesima delusione amorosa. Come se non bastasse, il wrestling non mi stava più dando gli stessi stimoli di un tempo ed infatti per qualche tempo avevo iniziato a dare la priorità ai live con la mia (ormai ex) band. Poi non so esattamente cosa mi abbia fatto cambiare idea, ma fortunatamente mi sono ripreso. Ogni tanto ho ancora degli alti e bassi, ma quelli penso capitino a tutti 

Tra le varie immagini sul tuo profilo vedo anche molti riferimenti alla cultura pop, tra meme e giochi di parole. C'è qualche personaggio a cui ti ispiri o che ti diverte particolarmente? 
Dici sia ovvio rispondere Freddie Mercury per l'ispirazione? Comunque cerco di portare sul mio profilo e sul ring tutto ciò con cui sono cresciuto negli ultimi anni. Sono molto attaccato alla cultura di Internet dai tempi in cui il meme più gettonato era il Cereal Guy e sono cresciuto a pane, meme e YouTube. Tra i personaggi che più ho amato/amo non posso non citare Marco Merrino, Maurizio Merluzzo (non girargli l'intervista o se la tira fino all'anno prossimo), Dario Moccia, Yotobi, Filthy Frank (ci manchi Papa Franku), H3H3, idubbz e PewDiePie. Mi fermo qui o vado avanti per anni ahahah 

Termino ovviamente chiedendoti quali sono i tuoi progetti futuri e dove possiamo seguirti. 
Fare schifo ogni giorno un pochino di meno è sempre l'obiettivo, poi chissà dove mi porterà il futuro, per scoprirlo potete seguirmi come @bachcomelartista su qualsiasi social.

Grazie della chiacchierata e buona fortuna! 
Grazie a te! Ciaoooooooo0000000000