SiAn's Social Pit - Intervista a Conte McStevenson



by SIMONESIAN

SiAn's Social Pit - Intervista a Conte McStevenson
© SimoneSian / Fair Use

Buongiorno e benvenuti al SiAn’s Social Pit, la rubrica dedicata al wrestling italiano in cui intervisterò i wrestler del nostro Paese, dando anche un’occhiata a ciò che più mi è consono, ovvero i loro profili social. Alla tastiera come sempre il vostro SimoneSian ed oggi, al mio “microfono virtuale”, uno degli atleti che più mi ha colpito nell’ultimo periodo. Lui è l’emblema della classe, il Conte McStevenson.

Benvenuto!
E buonsalve a te!

Intanto ti chiedo di presentarti. Chi è il Conte McStevenson?
Conte McStevenson è un tipo strano: quando gli va bene è un tipo buono pronto a imporre le buone maniere a coloro che pensano di fare i furbi contro di lui nel ring, quando invece ha la luna storta crede di avere così tanta classe e stile da non dover degnare le persone delle sue buone maniere. Vai a capirlo.

E chi è invece Stefano? Quanto c’è di vero nel personaggio che porti sul ring ed in cosa invece siete magari anche molto diversi?
Stefano è una persona che non sa stare senza fare battute o memare ad ogni occasione possibile (anche quando non dovrebbe, hahaha), ma che la maggior parte del tempo è tranquilla e sempre aperta ad una parlata. Diciamo che quando Conte non ha la luna storta, lui e Stefano sono molto simili, entrambi buoni a meno che la persona che hanno contro non ricambi le buone maniere dimostrate. Quando invece si crede il Conte signore di tutto e tutti, se i due si incontrassero, Stefano sarebbe la persona che gli ride in faccia e che se ne va per non degnarlo di altre attenzioni. C'è classe anche in questo.

Come ti sei avvicinato al Mondo del wrestling? Cosa ti ha portato su questa strada?
Beh, il mio approccio è stato come quello di molti. Uno dei miei primi ricordi sono io che guardo Eddie Guerrero rubare il cappello di JBL su Italia 1 durante il 2004 e fu amore a prima vista. Smisi di guardarlo quando sparì dai palinsesti, per poi ritrovarlo e riprenderlo nel 2011 su Italia 2, ricordo era in corso la faida tra CM Punk e Triple H. Quando poi nel 2016 scoprii che esisteva il Wrestling Italiano sentii la necessità di entrarne a far parte. Nel 2018 mio padre trovò una scuola di wrestling vicino a casa mia (il polo di Lodi della ICW) e, come regalo di compleanno, mi iniziò a portare a frequentare gli allenamenti.

Hai esordito da nemmeno 2 anni, ma hai già attirato molte attenzioni e stai “scalando le gerarchie” del wrestling italiano. Giustamente, in quanto nobile. Ma come sono andati i primi match? Hai da subito portato questa gimmick o è nata con il tempo?
“Scalare le gerarchie”? Così mi fai arrossire. Diciamo che i primi match hanno avuto alcuni alti e MOOLTI bassi, come giusto che sia (credo), la cosa importante è che ho preso appunti sugli errori commessi e mi sono migliorato. Beh, la gimmick è sbucata fuori quando un mio caro amico, Rick Barbabionda, mentre avevo mille dubbi sul cosa avrei potuto fare mi disse di pensare a qualcosa che mi caratterizzava e di amplificarlo abbastanza per pensare a quale personaggio poteva abbinarsi bene. Siccome molti mi dicevano e dicono sono una persona anche fin troppo educata, scelsi l'ambito della galanteria/nobiltà, dal quale scaturì il concetto della "classe" che il Conte sbandiera tanto.

Ci sono wrestler a cui ti ispiri in particolar modo? Sia a livello di lottato che come personaggio che porti sul ring.
Sicuro l'ispirazione l'ho presa da Hunter Hearst Helmsley, anche Damien Sandow è uno dei miei preferiti, successivamente notai l'esordio di MJF in AEW ed iniziai a studiare il personaggio. Ci sono poi molti altri personaggi esterni al mondo del wrestling che non sto ad elencare per evitare di stendere questa intervista all'infinito. You are welcome!

Ti faccio una domanda particolare partendo da un’esperienza personale. Mi è capitato di assistere a vari tuoi match ed ogni volta i miei amici che erano insieme a me, pur non essendo esperti di wrestling, alla fine mi hanno confidato che eri stato il loro preferito (o il più odiato come heel, dipende dalle occasioni). E sono tornati agli show successivi, non dico solo per i tuoi match, ma hai dato involontariamente una grande mano. Intanto, pensi ci sia un motivo in particolare? E pensi che potrebbe esserci un modo studiato ed efficace per portare nuovo pubblico ad avvicinarsi alla disciplina?
Innanzitutto dì ai tuoi amici che gli voglio molto bene, hahaha. Cerco sempre di dare qualcosa per la quale la gente dopo gli show potrà ricordare me ed il match così da renderli anche magari propensi al tornare lo show successivo e credo che questo sia uno dei migliori modi per influenzare anche lo spettatore occasionale, che parlerà con i suoi amici di quello spot che ha visto durante un match e magari lo show successivo avrai lo spettatore dello show precedente più uno nuovo.

Direi che sta funzionando, almeno nel mio/nostro caso. Andiamo ora a dare un’occhiata ai tuoi social e la prima domanda è d’obbligo. Oltre ad essere un wrestler, sei anche un cosplayer. Hai un aneddoto particolare legato a questo Mondo? O che magari unisce questi tuoi due “Mondi”, essendo tu anche parte della Crossover Wrestling.
Diciamo che in quei fine settimana in cui non lotto se c'è una fiera cerco di andarci e di divertirmi a vestire i panni di qualche personaggio che non è Conte. Di aneddoti importanti c'è di sicuro il debutto del Conte, il suo primo match fu durante il Gardacon del Marzo 2022 sul ring targato Crossover Wrestling e fu un emozione unica quantomeno.

C’è un personaggio del Mondo dei videogiochi, anime e serie tv che ti piacerebbe interpretare, ma che ancora non hai avuto occasione di fare?
Il principe di Prince of Persia, punto a farlo da fin troppi anni ma mai riesco a trovare il tempo o il modo di prepararlo sfortunatamente.

Altra cosa che salta all’occhio è anche la tua partecipazione a vari video dei Pantellas, star ormai affermate di YouTube. Come nasce la collaborazione con loro?
La collaborazione nasce grazie ad un mio caro amico che conosco da inizio superiori, Alessandro Manno, che, frequentando un bar delle nostre parti, incontrò Roberto Sigurtà (colui che interpreta il professore dei loro video). Lui si rivelò in cerca di comparse per i loro video, cosa che poi abbiamo fatto abbastanza volte, tanto da essere presi in simpatia ed essere scelti poi anche per dei ruoli più centrali. Una bella esperienza ogni volta.

Mia curiosità: vedo che hai un canale Twitch. Tornerai a fare live o è un progetto che hai abbandonato?
Avessi il tempo farei live ogni giorno. Per ora le live sono sospese ma chissà, un giorno magari troverò il modo di riprendere a farle. Non mi spiacerebbe.

Chiudo come sempre chiedendoti quali sono i tuoi progetti futuri e dove possiamo seguirti sui vari social?
Sicuro lottare ovunque possibile. Sto puntando al momento a trovare qualcosa fuori Italia/Europa, solo il tempo potrà dirlo. Per seguirmi...oh, be, sicuro il mio account Instagram @conte_mcstevenson. Sarei anche su X, ma lo uso sporadicamente.

Grazie e buona fortuna!