100 volte SideTalk Slam: la nostra storia (e i tanti amici che ci hanno accompagnati)



by   |  LETTURE 277

100 volte SideTalk Slam: la nostra storia (e i tanti amici che ci hanno accompagnati)

Giovedì pomeriggio è stata una piccola, grande giornata di gloria per WorldWrestling.it, che ha festeggiato insieme a tanti amici un piccolo, grande traguardo. Raggiunto insieme, e frutto di tanto lavoro, passione, visione, volontà. E tantissima amicizia. Ma, soprattutto, dell'affetto che ci avete garantito nel corso di 100 lunghe settimane: quelle che hanno visto la messa in onda di SideTalk Slam.

Il nostro podcast ha infatti toccato le tre cifre, un risultato che era a portata di mano ma che una volta raggiunto ci ha fatto un pizzico di impressione. Anche perché insieme a noi c'erano tante facce amiche, ognuna delle quali ha scritto uno, due, cento pezzettini di questa storia che abbiamo costruito passo dopo passo. E che era nata senza troppe pretese, ma con idee chiare sin dal primo giorno: parlare di wrestling in compagnia, farlo in maniera competente ed educata, creare una famiglia per tutti. Chiunque abbia un'idea, un punto di vista diverso dagli altri e che volesse renderlo pubblico, era il benvenuto. E ben presto questo piccolo luogo del web si sarebbe connotato come un porto aperto per tutti coloro che amano il wrestling e vogliano parlarne. Come quasi subito abbiamo voluto spiegare nel corso delle dirette.

Non importa da dove veniate, quale sia il vostro percorso, per chi eventualmente scriviate: a SideTalk Slam ci sarà sempre posto per voi.

La nascita di SideTalk Slam e come è nato il suo nome

Che a WorldWrestling.it mancasse un podcast era qualcosa di chiaro da tempo. Mesi, forse anni. Ci è voluta l'iniziativa dell'amico Aldo Fiadone per rendere l'idea un progetto, ma mancava la persona giusta. Così proprio Aldo presentò al direttore Marco Enzo Venturini una persona che quest'ultimo nemmeno conosceva: Daniele Donzì. I due iniziarono a lavorare insieme su questo progetto, che dopo diverse settimane prese vita. Il giorno era il 5 aprile 2019, la settimana che portava a WrestleMania 35.

Mancava anche il nome, un nome che sintetizzasse tutto. E dopo diverse proposte bocciate o rimandate, ecco l'illuminazione: SideTalk Slam. Venne a Marco Enzo Venturini, mentre si trovava al lavoro. Anche in onore a tante rubriche del sito, che ricalcano (Dirty Deeds, End of Days, Show Stopper) o riscrivono (Eater of Words, The Prizewriter) mosse o nomi d'arte dei nostri beniamini del ring.

Le ore successive passarono setacciando il web: possibile che quel nome non fosse utilizzato da nessuno, nemmeno all'estero? La risposta alla fine fu: "No, non ci ha pensato nessuno". E partimmo, senza mai aver lavorato insieme, registrando la puntata #1 senza operare tagli. Sarebbe diventata un'abitudine.

Da 0 a 100, da una telefonata a uno show completo

Sono tante le tappe che SideTalk Slam ha vissuto da quel lontano giorno, in cui furono Andrea Gussoni e Leonardo Lucarini a farci compagnia nelle nostre analisi, i nostri pronostici azzardati, i nostri eterni markismi, le freddure e le scommesse a lungo termine. Non c'erano Elefanti nella Stanza, non c'erano Salti dello Squalo e non c'erano Domandoni. C'era solo la voglia di parlare di wrestling, e farlo in maniera educata e piena di passione. Una traccia che non si è mai estinta ed è rimasta il nostro segno distintivo. Da 99 puntate.

Non ci resta ora che ringraziare ognuna delle persone che hanno dedicato il loro tempo a questo progetto, nato in maniera semiamatoriale e ora diventato un piccolo punto di riferimento per tanti appassionati. E il buon Daniele Donzì, senza cui nulla di tutto questo sarebbe stato possibile. E quel "responsabile editoriale" con cui spesso ci si sbertuccia in diretta (se per finta o per davvero non lo saprete mai) non può che dirgli una sola e semplice parola: "Grazie". E grazie a tutti voi, amici vicini e lontani che ci avete permesso di dire la parola 100. Un traguardo che diventa un punto di partenza per SideTalk Slam, il porto aperto del wresting web italiano. Da dove è anche germinata, in maniera tanto improvvisa quanto efficace, l'idea che poi è diventata OpenWrestlingTV su Twitch.

SideTalk Slam: le presenze di tutti gli ospiti e qualche statistica

Daniele Donzì: 95
Marco Enzo Venturini: 77
Leonardo Lucarini: 27
Andrea Gussoni: 8
Alberto Neglia: 16
Massimiliano Costi: 28
Gabriele Marsella: 18
Flavio Del Duca: 12
Marco Baiocco: 9
Alessandro Tulelli: 18 (+1 benedizione in versione Padre Maronno)
Alberto Quaglio: 6
Aldo Fiadone: 5
Andrea Di Simone: 13
Fabrizio Ponciroli: 1
Ernesto Bosio: 10
Monica Passeri: 1
Sabrina Casiraghi: 1
Luca Carbonaro: 3
Andres Diamond: 2
Maxisawesome92: 3
Matteo Pagliarella: 13
Francesco Akira Begnini: 1
Michael Pepsiplunge: 2
Mario Tramo: 3
Leonardo Aquila: 4
Brandon Thurston: 1
Francesco Zerini: 1
Rachele Gagliardi: 1
Filippo Cenerini [Cenghe]: 1

Puntata 5: prima assenza Venturini
Puntata 6: torna Venturini, ma Donzì resta in conduzione
Puntata 15: debutta il counter delle puntate
Puntata 23: prima assenza Donzì
Puntata 25: debutta la intro
Puntata 48: il podcast debutta su YouTube
Puntata 50: nasce la scommessa su Aleister Black
Puntata 56: nasce il "team NXT"
Puntata 57: nasce la faida Venturini-Donzì
Puntata 80: la musica della sigla diventa definitiva
Puntata 85: primo episodio in inglese
Puntata 96: coincide con l'apertura di OpenWrestlingTV, ospiti esclusi dal conteggio