World Wrestling Italia si racconta: il nostro intervento a Pro Wrestling Culture



by   |  LETTURE 1750

World Wrestling Italia si racconta: il nostro intervento a Pro Wrestling Culture

Si può scrivere di un tema di nicchia come il wrestling in due realtà diverse, in Italia, senza farsi la guerra e anzi portando avanti rapporti di pacifica convivenza e anche amicizia? Questa la domanda alla base dell'invito che Aldo Fiadone ha proposto a Marco Enzo Venturini, responsabile editoriale di WorldWrestling.it, e Daniele Donzì, conduttore del podcast SideTalk Slam a cura della redazione di WorldWrestling.it.

Aldo è una delle firme principali di Tuttowrestling.com, uno dei pilastri del wrestling web italiano, ma anche un vecchio amico di WorldWrestling.it di cui ha contribuito alla fondazione nel dicembre del 2014. Oggi conduce Pro Wrestling Culture, uno dei podcast ospitati da Tuttowrestling.com (QUI IL LINK alla pagina della rubrica sul sito in questione), e in questi giorni ha voluto impostare una puntata sui comportamenti, le discussioni e gli aneddoti del wrestling web italiano.

Per farlo ha scelto WorldWrestling.it, anche per lanciare un segnale a tutti gli appassionati della disciplina, fin troppo spesso bistrattati sul territorio italiano: marciare compatti per l'amore del wrestling si può, e probabilmente si deve.

Il progetto WorldWrestling.it (e non solo)

Ecco così che su Pro Wrestling Culture si è discusso della nascita e della crescita di WorldWrestling.it, il sito che state leggendo e che a Tuttowrestling.com, come alle altre realtà nazionali, non ha mai voluto fare la "guerra", quanto integrarle (ed esserne a sua volta integrato), con l'intento di fornire agli appassionati una voce diversa e un punto di vista in più su questo mondo che ci unisce e, purtroppo, talvolta ci divide.

Marco Enzo Venturini e Daniele Donzì hanno raccontato alcuni piccoli segreti sulla nascita e lo sviluppo di WorldWrestling.it e SideTalk Slam, su come intendiamo impostare il lavoro quotidiano che poi presentiamo a voi lettori e ascoltatori e sui progetti futuri. Non è mancata qualche riflessione più ad ampio raggio, come il destino del wrestling dopo i match "cinematografici" che la WWE ha proposto in questi mesi, come si deve collocare la AEW rispetto alla compagnia di proprietà di Vince McMahon e verso cosa si sta dirigendo la disciplina in Europa e in Italia.

Per scoprire tutto, vi invitiamo all'ascolto dell'episodio numero 35 di Pro Wrestling Culture (per il quale il conduttore Aldo Fiadone ha scelto il claim "Intensity. Integrity. Intelligence") e a continuare ad amare e seguire il wrestling. In maniera genuina, legale, passionale e senza preconcetti o inutili faide tra noi stessi appassionati:

Ascolta "Pro Wrestling Culture #35 - Intensity. Integrity. Intelligence" su Spreaker.