WWE Extreme Rules 2019: i nostri pronostici


by   |  LETTURE 2687
WWE Extreme Rules 2019: i nostri pronostici

Dopo sole tre settimane da Stomping Grounds, la WWE è di nuovo pronta a mettere in scena un nuovo PPV, l’ultimo prima di SummerSlam. Con la grande notizia dell’arrivo di Paul Heyman e Eric Bischoff si inizia a respirare un’aria diversa e per questo si pensa che molte storyline vedranno la propria conclusione questa domenica, in modo da partire da capo per la costruzione dell’evento più importante dell’estate.

Dieci match annunciati, otto titoli in palio e sole tre stipulazioni speciali, questo è Extreme Rules 2019. WWE Cruiserweight Championship: Drew Gulak vs Tony Nese:
A Stomping Grounds Drew Gulak ha terminato il regno piuttosto anonimo di Tony Nese ed è diventato campione al termine di un triple threat match che includeva anche Akira Tozawa.

Ad Extreme Rules arriverà la sfida in singolo contro l’ex campione, in un match che era invitabile. Finalmente è stato deciso di concedere un giro titolato a Gulak, colui che aveva il personaggio più forte e che sembrava più pronto a guidare 205 Live dopo gli abbandoni di Cedric Alexander, Buddy Murphy e Ali.

Come sempre, la contesa per il titolo dei pesi leggeri potrebbe risultare tra le migliori della serata, ma non è da escludere che la compagnia possa decidere all’ultimo secondo di spostare il match nel Kickoff.

A vincere sarà Gulak; non avrebbe senso tornare indietro e ridare la cintura a Tony Nese.
Vincitore e ancora campione: Drew Gulak

Raw Tag Team Championship: The Revival vs The Usos
Sulla carta, questo match potrebbe essere uno degli highlights del 2019.

Mi sorprende che la WWE lo abbia annunciato all’ultimo via social media, perché meriterebbe più risalto. A dirla tutta, pensavo che avremmo visto questa contesa solo a SummerSlam, visto quanto si era indebolita la rivalità tra i due team nelle ultime settimane.

Stiamo parlando dei due tag team migliori al mondo, lo scontro è inevitabile, ma la preparazione non è stata… il massimo. La mia speranza è che questo match ci dia solamente un assaggio di ciò che questi quattro atleti possono offrire e che il tutto culminerà a SummerSlam dopo una costruzione migliore.

Proprio per questo penso che, in questa occasione, saranno i Revival ad avere la meglio, mantenendo le cinture in modo sporco o in circostanze confuse, aprendo la possibilità di un rematch e consolidando questa nuova e rivisitata gimmik dei Top Guys.
Vincitori e ancora campioni: The Revival

SmackDown Tag Team Championship: Daniel Bryan & Rowan vs The New Day vs Heavy Machinery:
Anche in questo caso, sento puzza di match di transizione in vista di SummerSlam.

Devo dire che la divisione tag team di SmackDown mi sta sorprendendo, perché, anche se con poco materiale, stanno portando avanti delle rivalità semplici ma efficaci e questo triple threat mi sembra un ottimo modo per riproporre gli Heavy Machinery dopo l’ottima prestazione di Stomping Grounds e allo stesso tempo per presentare quelli che, secondo me, saranno i prossimi primi sfidanti alle cinture, il New Day.

Una rivalità con i campioni ambientalisti mi sembra l’ipotesi più naturale visto quanto accaduto durante la Road to WrestleMania e credo che lo scontro diretto avverrà al Biggest Party of the Summer.

Anche in questo caso, dunque, credo che i campioni manterranno, anche perché il loro personaggio va alla grande ed una sconfitta proprio ora li ucciderebbe.
Vincitori e ancora campioni: Daniel Bryan & Rowan

Aleister Black vs Cesaro:
Aleister Black torna a combattere in PPV per compiere il suo debutto in singolo da membro del roster di SmackDown e lo fa dopo settimane e settimane di promo nel backstage.

Alla fine Cesaro si è rivelato l’uomo che ha avuto il coraggio di bussare alla sua porta, il che ha sancito questo match. Capisco il motivo della scelta: se da una parte non mi piace per la natura “interbrand” della contesa (che spero terminino dopo Extreme Rules), dall’altra le incredibili doti atletiche di Cesaro potranno senza dubbio mettere in mostra quelle altrettanto competitive di Aleister Black.

Il risultato? Un match che potrebbe essere così buono da finire dritto dritto nella top 5 dei match migliori del 2019 a fine anno; se solo gli fosse concesso il giusto minutaggio, abbiamo davanti agli occhi un match che potrebbe intimorire anche il miglior match di un TakeOver di NXT.

La scelta da contrapporre a Black una Superstar di Raw permette anche di non sacrificare dei possibili avversari futuri per l’ex campione di NXT. L’unico aspetto negativo è che il risultato è scontato.
Vincitore: Aleister Black

Last Man Standing: Braun Strowman vs Bobby Lashley:
È bastato un semplice segmento ben pensato all’inizio di una puntata di Raw per revitalizzare completamente questa rivalità.

La guerra tra Strowman e Lashley si stava basando solo sulla forza bruta, su sfide piuttosto stupide, come il braccio di ferro ed il tiro della fune, ma la situazione si è fatta fortunatamente più seria con l’angle sopracitato, che stringe l’occhiolino alla nuova gestione di Paul Heyman.

Certo, una faida non si può costruire solo con un unico segmento, ma questo riesce a giustificare la stipulazione del match e la sua aggiunta alla card di un PPV. Non è chiaro dove si voglia andare con questa storyline, che secondo me verrà conclusa questa domenica, e non è così scontato il risultato: se istintivamente Braun Strowman sembrerebbe destinato a vincere l’incontro, il Monster Among Men non ha più lo status da main eventer che aveva un anno fa, mentre Bobby Lashley sta migliorando il suo personaggio ed una vittoria importante come questa sarebbe un enorme passo in avanti per lui.

Questa volta decido di dare retta ai rumors di un possibile nuovo push per Strowman, ma non mi sorprenderei nel vedere un esito diverso.
Vincitore: Braun Strowman

SmackDown Women’s Championship: Handicap Match: Bayley vs Alexa Bliss e Nikki Cross:
Stipulazione bizzarra per un match valido per un titolo singolo, e di solito questo non preannuncia niente di buono.

Continua la strana rincorsa di Alexa Bliss del titolo femminile dell’altro brand così come continua il suo controllo su Nikki Cross, ormai completamente nelle sue mani. A proposito di Nikki Cross, complimenti perché si è caricata sulle spalle il peso dell’intera storyline.

I suoi promo nelle ultime puntate di Raw e SmackDown, però, sembrano preannunciare una svolta sorprendente: si è insistito troppo sulla mancanza di forti amicizie dalla parte di Bayley, che domenica si ritroverà in inferiorità numerica, e ci sono stati dei chiarissimi segnali al ritorno di Sasha Banks.

Un ritorno che non vorrei vedere in queste circostanze, non a SmackDown, visto che la divisione femminile di Raw ha bisogno di una presenza forte come la sua, e non di nuovo in una storyline con Bayley; è tuttavia possibile che Sasha stessa abbia richiesto alla dirigenza di avere un feud decisivo con l’attuale campionessa e che questa promessa debba essere mantenuta.

Se così fosse, aspettiamoci un turn heel della Boss ai danni di Bayley per costruire il match a SummerSlam. Il turn, però, avverrebbe dopo il suono del gong, perché una vittoria dei duo Bliss-Cross non avrebbe il minimo senso per il futuro, così come non avrebbe senso Alexa Bliss campionessa a SmackDown con tutto il potenziale mal sfruttato che c’è in quel roster.
Vincitrice e ancora campionessa: Bayley

United States Championship: Ricochet vs AJ Styles:
Si possono alzare critiche su critiche verso il prodotto WWE, ma in questo caso non ci possiamo proprio lamentare.

Il feud tra AJ Styles e Ricochet è stato costruito alla perfezione, in modo lineare, continuativo, senza continui ripensamenti e con una direzione ben chiara. Non ci sono stati dei colpi di scena sconvolgenti, il turn del Club è avvenuto con le stesse modalità di quello di tre anni fa, ma non è stato commesso alcun passo falso ed il risultato è che questo match è uno dei più attesi della serata.

Complice di ciò anche le straordinarie doti atletiche dei due atleti coinvolti, ovviamente, sui quali sembra che Paul Heyman voglia giustamente puntare. Promozione a pieni voti da parte mia, quindi perché non continuare il tutto almeno fino a SummerSlam? Credo che il mio stesso pensiero sia condiviso anche a Stamford (a meno che non ci siano piani più importanti per il Club) e questo vorrebbe dire che il titolo deve rimanere alla vita di Ricochet.

Il One and Only ha vinto la cintura solo tre settimane fa, si deve ancora consolidare come campione e, se proprio ci dovesse essere un cambio di titolo, non credo che avverrebbe nel loro primo scontro in PPV, meglio aspettare un palcoscenico più importante.
Vincitore e ancora campione: Ricochet

WWE Championship: Kofi Kingston vs Samoa Joe:
Con l’arrivo di Heyman e Bischoff la speranza di tutti è che la WWE si liberi della Wild Card Rule; un primo passo sarebbe eliminare queste pazze idee di contrapporre ad un campione uno sfidante dell’altro roster.

Questo piccolo particolare rende l’esito dei match incredibilmente più scontati. In questo caso non c’è fine al peggio, perché questa storyline è completamente caduta nel dimenticatoio nell’ultima settimana, vittima specialmente dei fastidi fisici di Kofi Kingston.

Durante una puntata di Raw era anche stata lanciata l’idea di rendere l’incontro un Ladder Match e credo che il tutto sia stato cancellato per lo stesso motivo. Mi aspetto, dunque, una contesa non troppo lunga per non affaticare Kofi, che sarà sicuramente una delle star principali di SummerSlam.

Per Samoa Joe mi dispiace ma ci sono pochissime speranze di vittoria.
Vincitore e ancora campione: Kofi Kingston

Universal Championship, Raw Women’s Championship Winners Take All Extreme Rules: Seth Rollins e Becky Lynch vs Baron Corbin e Lacey Evans:
Alla fine le rincorse alle cinture di Baron Corbin e Lacey Evans sono state prolungate ancora di un mese ed in maniera anche decente.

Il grande angle di Stomping Grounds mi è piaciuto ed i segmenti di Raw che hanno raccontato questa storyline non sono stati così terribili. Secondo me questo match poteva tenersi in una semplice puntata di Raw, più che altro perché gli sfidanti non hanno il minimo di credibilità, soprattutto Lacey Evans, che non è mai parsa in grado di poter impensierire Becky Lynch.

La relazione tra The Man e Seth Rollins, così com’è stata presentata, dà un po’ il voltastomaco, è vero, ma io spero che questa non sia stata altro che una “simpatica” parentesi di un mese per portare avanti i rispettivi regni titolati in vista di avversari di maggiore spessore a SummerSlam, i cui nomi, attualmente, non saprei proprio prevedere.

La stipulazione speciale potrebbe regalare quello spettacolo in più che solitamente i tag team misti non riescono a dare e ci sarebbero vari possibili siparietti che potrebbero rendere la contesa altamente godibile.

Ho, quindi, buone speranze per la riuscita del match, diciamo che non ci farei girare il PPV attorno.
Vincitori e ancora campioni: Seth Rollins e Becky Lynch

No Holds Barred: Drew McIntyre e Shane McMahon vs Roman Reigns e The Undertaker:
La noiosissima rivalità tra Roman Reigns ed il potere dei McMahon continua ma prende un risvolto inatteso: il ritorno di Undertaker.

Senza troppe spiegazioni, il Phenom è tornato in WWE per minacciare il regno del terrore di Shane McMahon e lo fa alleandosi con colui che teoricamente avrebbe terminato la sua carriera… prima che arrivassero i grandi soldoni dall’Arabia Saudita.

Comunque sia, Undertaker avrà gli occhi puntati su di sé dopo la pessima performance contro Goldberg di Super ShowDown, ma io spero vivamente che riesca a farci dimenticare quella brutta uscita. I fan si sono divisi su questo argomento ma penso che la federazione sia riuscita a trovare un modo per rendere questa rivalità interessante, o almeno il capitolo di Extreme Rules, e penso anche che questa contesa sarà il main event del PPV.

Il match sarà condito da sguardi di intesa e di sfida tra Taker e Reigns e, ci posso mettere la mano sul fuoco, la WWE giocherà tantissimo su questa dinamica. La vittoria andrà ai soprannominati Graveyard Dogs, con Roman Reigns che sarà lanciato verso la conclusione della sua guerra contro Shane e con Undertaker che potrebbe avere un match di discreta importanza a SummerSlam.
Vincitori: Roman Reigns e The Undertaker

Extreme Rules 2019 è un PPV che presenta del buon potenziale ma che si porta dietro ancora gli orrori visti negli ultimi mesi in WWE.

Guardando solo la card, mi sembra già un enorme passo in avanti rispetto agli ultimi eventi a pagamento e spero che la federazione continui su questa direzione. Non fraintendetemi, la strada è ancora lunga, ma questa volta ci sono degli elementi per cui sono sinceramente interessato e ci sono dei match che potrebbero risultare ottimi, come Usos vs Revival, Styles vs Ricochet e Black vs Cesaro.

Mi auguro che lo show sia godibile e che spinga il pubblico a seguire le prossime puntate di Raw e SmackDown in vista di SummerSlam; qualche sorpresa ci starebbe proprio bene, come il ritorno di Sasha Banks di cui abbiamo già parlato o come il debutto del nuovo Bray Wyatt, sempre più imminente.

Unico neo dell’evento l’insoddisfacente numero di match a stipulazione estrema. Con questo vi saluto, auguro un buon PPV a tutti e vi do appuntamento ai prossimi giorni per tutti i risultati e gli approfondimenti di Extreme Rules 2019 sulle pagine di WorldWrestling.it.