The Prizewriter - SOS edition - Come salvare la WWE, Ed. 2


by   |  LETTURE 999
The Prizewriter - SOS edition - Come salvare la WWE, Ed. 2

Ciao amici ed amiche del Prizewriter! Continua il ciclo dell'SOS edition, per cercare di salvare la barca della WWE, che, per continuare la metafora navale, sta veramente affondando. Almeno per quanto riguarda il lato creativo e narrativo.

Se la scorsa edizione avevamo ragionato sul significato dell'assenza di un General Manager per gli show; e di tutti i vuoti narrativi che ne conseguono (e pare proprio che a Stamford abbiano preso nota) questa volta tocca ad un altra significativa fonte di black out narrativi.

Incoerenze. Storture. Sovraesposizioni e sprechi. Ovviamente in causa abbiamo la Wild Card Rule. La trovata peggiore, nel momento peggiore. Perchè è doloroso pensare, anche solo per un istante, ciò che questa scellerata regola ha comportato nell'economia della sceneggiatura degli show settimanali.

Già nell'ultimo periodo (2019) era difficile seguire i due show separati, perchè l'approssimazione e la pochezza delle trame erano evidenti. Ma cosa dovremmo dire adesso, che si continuano a rivedere, al lunedì e al martedì, le stesse facce, che ripetono lo stesso copione, il piu delle volte pure estremamente deludente? Facciamo qualche esempio: è desolante la sovraesposizione di personaggi come Sami e Kevin, che andrebbe anche bene, se solo vi fossero piani seri per questi due splendidi performer...

Che continuano ad apparire solo per fare figuracce; o Shane e Roman, che continuano a portare avanti la tiritera, che dura da anni, della sfida del cagnone al potere... Un velo pietoso sull'inserimento del Deadman... O ancora wrestler di un roster che sfidano campioni di un altro brand, senza motivo apparente, salvo poi magari non apparire neanche a spiegare i motivi, e senza che nessuno abbia sancito il match.

Tutto questo quando già a roster divisi c'erano molti e molte wrestler meritevoli che faticavano, e parecchio, a trovare spazio... Mentre tantissimi di quelli presenti hanno un semplice cameo nello spogliatoio. Ma poi rivediamo ogni volta Kofi & co, Shane, Roman e McIntyre, The Planet Champions, Sami e KO, Alexa e Nikki, Bayley, R-Truth e Carmella.

Sempre le stesse facce, quando invece era molto più interessante averne di nuove da mostrare. Oltretutto alcune delle storyline attuali avrebbero anche un senso se non fossero inflazionate e sovraesposte, perchè il New Day che fiancheggia Kofi campione va bene, ma una sera a settimana...

Come anche il padre padrone Shane e le sue scorribande, od il rapporto controverso fra Alexa e la Cross... Dopo un po' ci si annoia. SDL è ormai diventato il recap di RAW, è ufficiale, e non ci sono santi che tengano.

Ammetto che ultimamente non lo riesco neanche più a guardare. E di sicuro non è tanto per l'innalzamento del livello di RAW, ma per l'abbassamento di quello dello show blu. Era un bel ricordo quando si aspettava la puntata di SDL per riprendersi dallo scempio della sera prima, adesso, per riprendersi dallo scempio di RAW, si può solo scegliere di non guardare la puntata che segue di un giorno...

Ricordo ancora a inizio anno, e sembra passata un' epoca, quando Bryan era campione ed intratteneva, come intrattenenvano i match a più uomini fra Andrade, R-Truth (grazie di esistere), Samoa Joe e Rey Mysterio...

Questa brand reunion è stata fatta nel peggiore dei modi, con un sacco di buchi logici e sprechi inammissibili, a scapito di ottimi performer, per ripetere storie brutte, che piuttosto che reiterare sarebbe bello cancellare.

Quindi quali soluzioni? Innanzitutto separare nuovamente i due roster. Non venitemi a dire che la reunion è la cosa migliore, con tutto questo ben di Dio in termini di qualità. E poi cercare di costruire storie piu coinvolgenti e coerenti. Ma questo è un altro discorso, per cui, state collegati, e avremo occasione di discuterne. A prestooo!