WrestleMania 35: i nostri pronostici (parte 1)


by   |  LETTURE 2572
WrestleMania 35: i nostri pronostici (parte 1)

Finalmente ci siamo! Lo show più importante dell’anno dista pochissimi giorni e tutte le storyline più importanti dell’ultimo periodo stanno per concludersi nel più grande spettacolo dello sport-entertainment.

Abbiamo assistito ad una Road to WrestleMania molto tortuosa, piena di stravolgimenti di piani improvvisi da una settimana all’altra e che non ha contribuito a creare quell’hype che solitamente rende questo periodo dell’anno così speciale.

Comunque sia, la card finale è stata scritta ed abbiamo ben 15 match attualmente annunciati. Per dare il giusto spazio a tutti coloro che si sono guadagnati un posto al Grandest Stage Of Them All, questa volta ho deciso di dividere i pronostici in due parti, con la seconda che potrete leggere domani.

Mi piacerebbe anche leggere tutte le vostre opinioni in merito ai match di quest’anno, con tanto di pronostici, nella sezione dei commenti sotto all’articolo. Ecco l’analisi di tutti i match della prima parte della card di WrestleMania 35.

Kickoff: Andre The Giant Memorial Battle Royal:
Anche quest’anno la WWE ha organizzato questa mega-Battle Royal per includere nello show tutti quei wrestler che non hanno trovato posto nei match principali.

Questa volta, però, c’è una storyline dominante che riguarda la furia di Braun Strowman contro i due presentatori di Saturday Night Live, Michael Che e Colin Jost. Visto che la seconda ora del Kickoff andrà in diretta su USA Network, credo che questo match sarà messo in scena sul finire del pre-show, in modo che questo segmento possa avere la maggiore attenzione mediatica possibile.

Ormai è chiaro che il Monster Among Men non è considerato dalla federazione come un main eventer da titolo massimo, ma come un big man in grado di stupire costantemente il pubblico, quindi trovo piuttosto azzeccata la scelta di proporre Braun Strowman in questo ruolo nello show più importante dell’anno; non sarà di certo un angle che i fan di wrestling ricorderanno in eterno, ma sicuramente la popolarità del buon Strowman si impennerà negli USA.

Alla fine credo che la vittoria del trofeo di Andre The Giant andrà proprio a lui; se proprio in un modo o nell’altro dovesse essere eliminato (speriamo non dagli host di SNL), credo che l’unica Superstar tra quelle annunciate che potrebbe aggiudicarsi la Battle Royal sia Andrade, ma il mio pronostico rimane il Monster Among Men.
Vincitore: Braun Strowman

Kickoff: WrestleMania Women’s Battle Royal:
Sono convinto che questa Battle Royal poteva essere evitata quest’anno: se solo avessero deciso di organizzare un buon match per il titolo di SmackDown, magari includendo anche più di due atlete, tutte le donne più importanti del main roster avrebbero avuto un ruolo nello Showcase Of The Immortals e non ci sarebbe stato il bisogno di creare quest’altra contesa “di consolazione”.

Purtroppo Asuka (e l’intera divisione di SmackDown) è stata sacrificata agli dei del wrestling per rendere il main event per i titoli femminili ancora più appetibile, ed ora tutte le donne dello show blu si trovano rinchiuse in questo spot da Kickoff.

Mi auguro che la contesa venga portata avanti con dignità e non come un tutti contro tutti confuso e difficile da comprendere. Tra le donne non annunciate per il match credo che Lacey Evans farà una sua apparizione, semplicemente per fare una delle sue sfilate o addirittura per prendere parte alla Battle Royal, che a quel punto potrebbe anche vincere, cominciando quel grande push di cui nelle ultime settimane si è tanto parlato.

Tuttavia, viste le tante lamentele dei fan per l’improvvisa fine del regno titolato di Asuka, credo che la federazione concederà la vittoria alla lottatrice giapponese, un po’ per creare un momento di festa per il pubblico ed un po’ per chiedere scusa all’ex campionessa per il grande torto che le è stato fatto.
Vincitrice: Asuka

Kickoff: WWE Cruiserweight Championship: Buddy Murphy vs Tony Nese:
Alla fine anche questo match, come si poteva supporre, è finito nel Kickoff: spero con tutto il cuore che i pesi leggeri riescano a fare un’ottima impressione, ma con una card esagerata come questa, non c’era proprio tempo per includere anche questo incontro nella main card.

Si tratta, tra l’altro, di una contesa molto strana visto che la compagnia ha incredibilmente deciso di concedere a Tony Nese il titolo di primo sfidante alla cintura dei Cruiserweight. A memoria, credo sia la prima uscita in PPV per Nese ed è strano che il match di più alto profilo per 205 Live includa quello che sostanzialmente è un esperimento.

Avrei sicuramente scommesso su lottatori più affermati come Cedric Alexander, Drew Gulak o nuovi personaggi come Oney Lorcan. Malgrado ciò, Tony Nese è un ottimo atleta e non vedo l’ora di vedere cosa è in grado di fare in un palcoscenico così importante.

La storia è quella dell’amico sconsiderato del campione che ottiene la sua rivalsa ribellandosi e sorprendendo l’ex amico nel match conclusivo della loro rivalità. C’è un solo problema: il suo avversario è Buddy Murphy.

Negli ultimi mesi, Murphy si è dimostrato un atleta eccellente e completo, e 205 Live ha bisogno di lui come campione attorno al quale far girare lo show. Non per forza tutte le storie devono avere un lieto fine.
Vincitore e ancora campione: Buddy Murphy

SmackDown Tag Team Championship: The Usos vs The Bar vs Rusev & Shinsuke Nakamura vs Aleister Black & Ricochet:
Match sancito all’ultimo da Alexa Bliss per punire le azioni degli Usos durante il Gauntlet Match tra le coppie.

Nonostante l’idea sia buona, il tutto sembra molto casuale, a partire dai partecipanti: va bene il Bar e Rusev e Nakamura (anche se devo ancora capire perché si ritrovano in un tag team insieme), ma perché includere Black e Ricochet dopo che per più di un mese hanno girato attorno ai titoli di coppia di Raw? E perché non sono stati inclusi Matt e Jeff Hardy, dopo che il più grande tra i fratelli è anche passato a SmackDown senza alcun motivo? Il lottato sarà sicuramente molto piacevole e favorirà il ritmo della serata, ma, in una card così piena di match, era veramente necessario sancire anche questo? In un anno in cui il match per un titolo femminile viene sacrificato anche per mancanza di tempo, perché i titoli di coppia sono in palio in un incontro così casuale? L’unica risposta che mi riesco a dare è che la WWE voglia dare una soddisfazione agli Usos dopo anni di performance nei pre-show, ed è proprio per questo che credo che le cinture non cambieranno detentori.
Vincitori e ancora campioni: The Usos

United States Championship: Samoa Joe vs Rey Mysterio:
Al momento in cui sto scrivendo non è stato fatto alcun annuncio in merito a questo match e all’infortunio sostenuto da Rey Mysterio durante l’ultima puntata di Raw.

Se l’infortunio fosse legittimo, questa sarebbe una grande sfortuna per la WWE, che si ritroverebbe costretta a modificare un match del suo show più importante a pochissimi giorni dal suo inizio. Però, in caso contrario, visto che si parla tanto di un possibile match di John Cena e visto che i rumors lo volevano sfidare Samoa Joe, questo si potrebbe rivelare un grandissimo momento in cui il leader della C-Nation compierebbe il suo tanto atteso ritorno.

Sarebbe una mossa intelligente e che accontenterebbe molti fan. D’altra parte la rivalità tra l’attuale campione US e Rey Mysterio non è mai decollata e mi sorprendo che ci sia stata la volontà di inscenare un match con così poca costruzione per un PPV che rischia di sforare le 6 ore.

Avrei senz’altro preferito un match a più persone includendo anche Andrade, R-Truth, Ali e Kevin Owens.
Vincitore e ancora campione: Samoa Joe

WWE Women’s Tag Team Championship: Sasha Banks & Bayley vs Nia Jax & Tamina vs Natalya & Beth Phoenix vs The IIconics:
Per la prima volta i titoli di coppia femminili verranno difesi al Grandaddy Of Them All, con le campionesse che dovranno respingere le offensive di un team di Raw, uno di SmackDown ed uno che include una Hall of Famer.

Anche se la contesa appare come un concentrato di confusione, bisogna apprezzare la costruzione di questo match, che ha visto l’evoluzione di vere rivalità tra le contendenti, uno sforzo non facile o scontato quando ci sono otto Superstar coinvolte.

Mi sembra un ottimo modo per dare risalto a questa neonata divisione di coppia; la speranza è che il match vero e proprio non sia regnato dal caos o che non sia una semplice successione di spot da WrestleMania Moment con un minutaggio scarso; proprio per ordinare di più l’azione, io avrei optato per la stipulazione del match ad eliminazione.

Per quanto sarebbe bello (e per molti fastidiosissimo) vedere le IIconics uscire vincitrici dallo Showcase Of The Immortals, credo che la WWE non sia ancora pronta per concederle questo onore e credo che le prime campionesse di coppia necessitino di un regno abbastanza lungo, che non si può concludere dopo meno di due mesi.

A proposito, occhi puntati su Beth Phoenix che sembra in forma smagliante.
Vincitrici e ancora campionesse: Sasha Banks & Bayley

Intercontinental Championship: Bobby Lashley vs “The Demon” Finn Bàlor:
Finalmente il Demone tornerà su un ring WWE, e lo fa in occasione del Grandest Stage Of Them All.

Nonostante la grande attesa che c’è per questo personaggio (motivo per cui la federazione ha fatto bene ad annunciare la sua presenza in anticipo), la rivalità fra Finn Bàlor e Bobby Lashley non è stata delle migliori: troppo stirata tra le puntate di Raw di avvicinamento a WrestleMania, lenta, di poca importanza e con dei cambi di titoli evitabili.

Mi viene anche da chiedermi perché il wrestler irlandese abbia deciso di sfoderare la carta del Demone in occasione del suo incontro con Lashley ma non contro Lesnar. La spiegazione che mi do (non sufficiente) è che ogni qual volta che il Demone si presenta, Finn Bàlor vince; questo vuol dire che il Demone non poteva presentarsi alla Royal Rumble perché Bàlor non doveva vincere contro il campione universale.

In virtù di questo ragionamento, Finn Bàlor conquisterà il titolo intercontinentale dopo il fallimento dello scorso anno e si libererà di Bobby Lashley, con il quale combatte praticamente dal turn heel di quest’ultimo.

Ho molte aspettative per l’entrata di Finn Bàlor, che potrebbe rivelarsi una delle migliori della storia di WrestleMania.
Vincitore e nuovo campione: Finn Bàlor

Farewell Match: Kurt Angle vs Baron Corbin:
Cosa c’è ancora da dire sulla discutibilissima scelta dello sfidante per il match d’addio di Kurt Angle? Non voglio ripetere considerazioni già fatte in altre occasioni su questo sito, mi limito a condividere il mio stato di delusione per questa brutta sorpresa.

Non disprezzo Baron Corbin, anzi, penso che sia un grandissimo lavoratore che ha svolto molto bene i suoi compiti nel nuovo ruolo che gli è stato assegnato, solo che questo ruolo è talmente infelice che sta danneggiando anche il lottatore dietro al personaggio.

Credo che Corbin abbia disperato bisogno di un periodo di pausa durante il quale il personaggio possa essere rinfrescato, perché il pubblico comincia a non tollerarlo più; una sua uscita di scena dopo la sconfitta con Kurt Angle sembrerebbe l’ipotesi più facile.

Tuttavia, siccome l’ex Constable riesce talmente bene a scatenare l’odio del WWE Universe, se la federazione avesse deciso di concedere proprio a lui la vittoria in questo match? È un’idea malsana, ma pensateci: in questo modo Baron Corbin diventerebbe uno degli heel più fischiati che abbiano mai avuto.

L’immagine del MetLife Stadium che si rivolta a questa decisione è allo stesso tempo disgustosa e suggestiva. Spero che le mie siano solo pure fantasie e che non rispecchino i veri piani del creative team.
Vincitore: Kurt Angle

Siete d’accordo con questi pronostici? Ci vediamo domani per la seconda parte dei pronostici di WrestleMania 35!