The Prizewriter - In rotta di Collision

Si avvicina l'impatto con il nuovo show del sabato targato AEW... Cosa aspettarsi?

by Ernesto Bosio
SHARE
The Prizewriter - In rotta di Collision

Finalmente ce l’ho fatta, eccomi qua a scrivere un pezzo sulla All Elite Wrestling!

Sarà ché è sempre più facile scrivere male di… Sarà perché al mal pancia causato dalle brutture della WWE è direttamente proporzionale il godimento nello sparare a zero sulle stesse…
Ma era da tempo immemore, con la compartecipazione del periodo comunque movimentato per chi ne scrive - ma evidentemente non per chi la scrive - di WrestleMania, non riuscivo a sedermi davanti al computer e a parlare della federazione di Jacksonville.

Lungi da me non considerarla (stiamo comunque dinnanzi al prodotto con probabilmente la maggior qualità complessiva, nel connubio fra wrestling ed entertainment) e non esserne un fan accanito. 
Lì c’è il Wrestling che ci piace. 

Summer of AEW

Il non avere nulla da dire a riguardo dipende forse dal fatto che il suo prodotto è tornato a diventare lineare, sensato, ordinato.
Le storie hanno uno sviluppo coerente, nulla di cui gridare al miracolo, ma neanche (quasi) nulla da eccepire, nell’appropinquarsi a Double Or Nothing. Questo un ppv indubbiamente di transizione, in attesa dei piatti più forti: Forbidden Door, All In London e All Out… e perché no… La premiere di Collision!

Ad oggi proprio su quest’ultimo argomento mi vorrei soffermare: molte sono le questioni che spontanee sorgono. 

Perché la truppa di Tony Khan sente la necessità di sdoppiarsi? È più per questioni economiche o creative?
Quali sono le motivazioni che hanno portato alla decisione di cancellare gli show (inutili) come Dark per proporne un altro che abbia la stessa dignità di partenza di Dynamite? 
Il nuovo prodotto Ring Of Honor ormai già caduto nel baratro del dimenticatoio sarà semplicemente il nuovo Dark? 
Dobbiamo avere paura che quanto stia succedendo sia solo un replay di quanto accaduto con l’esordio in pompa magna di Rampage (trait d’union il ritorno di CM Punk alla premiere)? Perché non è stato scelto di potenziare lo show del venerdì, ed invece si è sentita la necessità di ripartire da zero con un nuovo prodotto? 
Il tutto è stato organizzato solo per permettere un ritorno di Punk e dei suoi amici, lontani da performer con i quali hanno degli screzi dietro le quinte? 
Sarà un roster split a tutti gli effetti, o una riedizione del brand split molto soft della WWE? 
Verrà istituito un nuovo titolo mondiale, o invece si divideranno i campioni fra i vari show??
Le due ore aggiuntive sono forse troppe per riempirle di contenuti interessanti in modo adeguato?
Non si rischia di saturare un poco l'offerta con un nuovo giorno di programmazione?

Le domande sono tante, le risposte sono nebulose… e solo il tempo potrà fornirci delle risposte.

Nel Collision che vorrei…

I performer annunciati già per il roster poi sono abbastanza validi e soddisfacenti: Skorpio, Miro, Samoa Joe, Punk, Andrade, non Hobbs, Rosa… Ovviamente solo un abbozzo di quel che sarà, e potrà essere! I molti free agent, jolly di sorta o wrestler giapponesi, che normalmente fanno comparsate negli show, saranno in grado di creare card all'altezza, e poi magari vedremo il disfarsi di qualche fazione ridondante, per liberare i suoi membri validi a spiccare il volo in singolo. 

Andando a vedere sul sito le superstar sotto contratto, pare che ci sia (almeno da parte maschile) abbastanza talento per rimpolpare due roster. Nuovo spazio per non sottoutilizzare od obliare alcuni performer che meriterebbero altra considerazione.

Ma d’altro canto, avendo così tanti atleti singoli di alto livello, vere eccellenze del loro genere, ecco il confronto al ribasso del vederne on screen altri di caratura troppo inferiore. Piaga a cui siamo soggetti già oggi con un roster unico, e che già infastidiva da tempo. 

Forse, a ragionamenti fatti, vien da pensare che, sì, ci starebbe avere una sorta di esclusività dei roster. Ma almeno i campioni dovrebbero essere motili, ad eccezione magari di alcuni punti fermi esclusivi. I più logici sarebbero, come da nomenclatura, TBS Champion per Dynamite, e TNT Champion per Collision, in corrispondenza al canale dove verranno trasmessi. Con lo stratagemma dei titoli che permettono ai performer di spostarsi di roster poi, potresti averte interazioni e faide sempre nuove, basta un cambio di titolo per avere l’apparizione del performer suddetto nello show ove non poteva presenziare, garantendo un ricambio costante.

Comunque vada questo sarà un vero e proprio momento cruciale nella storia della All Elite Wrestling. In un momento di così tanta ricchezza di prodotti immetterne uno e con queste alte pretese non potrà che generare scompiglio, ed è questo, oltre ogni ipotesi, lo scopo di Khan, in un estate che si rivelerà scoppiettante per la sua federazione ed il mondo del wrestling in generale!

SHARE