WWE Royal Rumble 2023: i nostri pronostici

Tre match con tante implicazioni in palio, più ovviamente la rissa a 30 uomini e quella a 30 donne: cosa ci aspettiamo che avvenga nella notte di San Antonio

by Marco Enzo Venturini
SHARE
WWE Royal Rumble 2023: i nostri pronostici

Il 2023 torna ad essere un anno in cui la WWE presenta come Premium Live Event inaugurale la Royal Rumble, non solo uno dei Big Four ma anche uno dei suoi show storici (quella di questo sabato notte sarà la 36esima edizione) e un termine entrato nel lessico comune anche di chi poco conosce il wrestling (a non poche persone capita di sentir dire "è come una Royal Rumble" in una situazione di tutti contro tutti). Vediamo quindi che cosa possiamo attenderci dalla notte di San Antonio e dal conseguente inizio della nuova Road to WrestleMania nei nostri pronostici.

Mountain Dew Pitch Black match: Bray Wyatt vs LA Knight
Sarà il primo match di Bray Wyatt in WWE trasmesso in tv dall'opener della Night 2 di WrestleMania 37: era la notte dell'11 aprile 2021, e quello che restava del Fiend perse vergognosamente in un match disastroso con Randy Orton. Questo rende evidente la portata storica di uno scontro la cui faida è decollata in maniera piuttosto faticosa, trovando però via via senso settimana dopo settimana soprattutto per le varie implicazioni che il personaggio di Wyatt porta con sé.

Difficile immaginarlo subito sconfitto, e se anche avvenisse è più facile credere che sia a causa di uno dei suoi demoni (reali o immaginari) più che per una prova da urlo di un LA Knight catapultato in una storia più grande di lui. Resta comunque uno scenario molto difficile da immaginare, e che probabilmente il pubblico detesterebbe. Facile quindi immaginare una vittoria del favorito, magari anche schiacciante. Vincitore: Bray Wyatt

Single match for the WWE Raw Women's Championship: Bianca Belair vs Alexa Bliss
Scontro in qualche modo legato al precedente, visto che sulla Alexa che si è guadagnata il diritto di affrontare l'inaffondabile campionessa di Raw pende prepotentemente l'ombra del Bray Wyatt che fu. Era evidente l'esigenza del suo personaggio di andare incontro a un rilancio, e la protagonista lo ha reso con una presenza scenica a tratti di livello anche molto alto. Resta però una costruzione che spesso è stata caotica, e non è facile immaginare la EST che da sola ha distrutto (più volte) Bayley e le Damage Control perdere contro questa minaccia. Tanto più che, probabilmente, il momento in cui cedere la corona è previsto più in là. E contro un'avversaria più potente, tatuata e di pelle vestita. Vincitrice: Bianca Belair

Single match for the Undisputed WWE Universal Championship: Roman Reigns (c) (w/ Paul Heyman) vs Kevin Owens
Questo potrebbe apparire come un filler match, ma lo è soltanto se ci si concentra sul risultato finale. Vedere Roman Reigns abdicare dal suo eterno regno da campione e dall'ormai a sua volta molto lungo regno da bicampione appare in questo momento pressoché impossibile. Ma le implicazioni di questo scontro titolato, rematch di quello del 2021 nello stesso evento, sono infinite. Chiaro che molto, se non quasi tutto, ruoti intorno a Sami Zayn e la sua posizione di alleato prediletto del Tribal Chief e contemporaneamente storico migliore amico del suo sfidante. In più ci sono gli altri tre componenti della Bloodline, ognuno dei quali potrebbe ricavarsi un ruolo per aiutare o nuocere (volontariamente o meno) all'obiettivo del campione di confermarsi tale.

Cosa che avverrà: Roman Reigns che perde il trono prima di WrestleMania è uno scenario che nessuno può a questo punto immaginare. Ma questo non vuol dire che alla Royal Rumble non vedremo avanzare una vicenda che - stavolta sì - a WrestleMania potrebbe scrivere un capitolo importante nella storia dell'intero wrestling.

Le due Royal Rumble del 2023

Women's Royal Rumble match
Arriviamo al giorno della rissa femminile con soli 12 nomi già ufficialmente iscritti alla contesa. Non è un record negativo (nel 2020 furono addirittura 7), e contemporaneamente non può essere un buon segnale (soprattutto dopo un Raw Is XXX criticatissimo per il poco spazio concesso alle donne). Questo però non per forza è sintomo di un match di scarsa qualità in arrivo, e la riprova è proprio il precedente del 2020. Se però è complicato farsi un quadro complessivo su chi vedremo, chi tornerà e magari chi debutterà, ciò che la WWE ci ha fatto annusare in questi mesi è che la papabile vincitrice sia già ampiamente presente nell'elenco delle dodici.

Perché una Rhea Ripley che di fatto ha impedito al Judgment Day di fallire in maniera miserabile, se lo è caricato sulle proprie (larghissime) spalle e si è trasformata in una delle attuali sensazioni di Raw non può che tornare ad ambire al titolo di categoria. E il modo migliore per arrivarci, specie contro la Bianca attuale, è diventare la protagonista assoluta di questa Royal Rumble. Anzi, la sua mattatrice. Per poi, chissà, trasformarsi davvero nella prima donna dai tempi di Chyna a rappresentare una minaccia concreta anche per i colleghi maschietti. Proprio quello che a Ronda Rousey non è mai riuscito. Vincitrice: Rhea Ripley

Men's Royal Rumble match
Qui il quadro è più definito, e siamo a quota 19 partecipanti su 30. E la WWE sta proseguendo un trend che negli ultimi anni è stato una piccola costante: i nomi annunciati sono tutti di alto, o male che vada medio livello. Resta ovviamente il vergognoso precedente di un anno fa, quando le sorprese sembrarono in alcuni casi addirittura delle prese in giro all'intelligenza dei fan. Partiamo tuttavia da un livello rimarchevole. E sicuramente alcuni grandi nomi faranno parlare di sé (da Seth Rollins e Bobby Lashley al duo Drew McIntyre-Sheamus, per non parlare del freschissimo annunciato Brock Lesnar). C'è poi attesa per Austin Theory, ancora in corso di rilancio dopo la debacle della valigetta. E soprattutto per quel Gunther che promette di diventare il nuovo Braun Strowman, che comunque a sua volta sarà presente.

Chiaro però che ognuno di questi grandi nomi, nell'impressione di tutti, dovrà vedersela con il favorito d'obbligo. Stiamo parlando di quel Cody Rhodes che dopo il devastante infortunio di WrestleMania Backlash 2022 tornerà in azione proprio qui ed è pronto a scrivere l'ennesima favola moderna della storia del wrestling. Sarà lui l'eroe senza macchia e senza paura che dopo essere caduto torna in battaglia e affossa tutti i colossi che gli si parano davanti? L'impressione è che possa andare proprio così. Gli ostacoli non mancano, e alcuni di essi sono decisamente temibili. Ma trovare una storia migliore di questa da raccontare alla Royal Rumble e in vista della Road to WrestleMania è compito a dir poco arduo. Vincitore: Cody Rhodes

Royal Rumble
SHARE