WWE Survivor Series War Games 2022: i nostri pronostici

La Bloodline entra per la prima volta nel War Games mentre Bianca Belair e Becky Lynch si alleano per sconfiggere il Damage CTRL

by Leonardo Lucarini
SHARE
WWE Survivor Series War Games 2022: i nostri pronostici

La WWE presenta il suo ultimo PLE del 2022 con una grande novità: il ritorno dei War Games. Il concept di Survivor Series viene reinventato con l’introduzione nel main roster del famoso match a due ring, dopo il successo riscosso a NXT.

I match a squadre non saranno più a eliminazione ma verranno combattuti all’interno di questa struttura, per uno spettacolo da non perdere. Andiamo, dunque, a commentare e pronosticare l’intera card di WWE Survivor Series WarGames 2022.

United States Championship: Seth Rollins vs Bobby Lashley vs Austin Theory:
Austin Theory è stato coinvolto in una delle narrazioni più sorprendenti ma interessanti dell’ultimo mese. Dopo aver toccato il fondo con il mancato incasso della valigetta del MITB, l’ex protetto di Vince McMahon ha apportato diversi cambiamenti al suo personaggio, presentando una versione nuova e migliorata di sé.

Nonostante questo sabato sia coinvolto in un incontro contro due colossi come Seth Rollins e Bobby Lashley, Theory risulta sì la mina vagante del match ma anche l’elemento più discusso. La sua risalita lo porterà a diventare uno dei volti della WWE del futuro, ma penso che non sarebbe ancora il caso di dargli una vittoria importante.

Se sono stati fatti dei passi avanti con lui, è bene che il percorso di crescita continui ancora un po’, senza chiuderlo prematuramente con la vittoria del titolo degli Stati Uniti. Voglio vedere cosa accadrà al suo personaggio anche dopo la sconfitta in questo PLE; anzi, mi aspetto una sconfitta persino rocambolesca, in modo tale da creare in lui ancora più rabbia.

Il titolo rimarrà quindi sulla vita di Seth Rollins, una certezza che può tranquillamente continuare a regnare su Raw aiutando allo stesso tempo le nuove leve a crescere. Meno speranze, invece, per Bobby Lashley, a cui però manca un obiettivo a lungo termine.
Vincitore e ancora campione: Seth Rollins

SmackDown Women’s Championship: Ronda Rousey vs Shotzi:
In una divisione femminile dove lo star-power è basso come quella di SmackDown, la WWE si deve ripiegare su atlete in rampa di lancio come Shotzi.

Non che ci sia del male, anzi, Shotzi aspettava da tempo un momento come questo per farsi conoscere meglio, ma è una scelta che evidenzia l’impossibilità di proporre una contesa di grande livello in un Big 4.

Penso che questo incontro abbia un duplice scopo. Il primo è senza dubbio quello di riaffermare l’alleanza tra Ronda Rousey e Shayna Baszler, la miglior cosa che sia successa durante il regno della Baddest Woman on the Planet.

La direzione per le due è sicuramente azzeccata, anche se spero che prima del ritiro di Ronda Rousey si arrivi anche ad un match con la Queen of Spades. Il secondo è la preparazione dello scontro tra la campionessa e Raquel Rodriguez, forse la maggiore minaccia attualmente presente a SmackDown.

Temo un po’ per la qualità della contesa, ma allo stesso tempo spero che Shotzi possa riprendersi da alcune uscite non proprio all’altezza di quest’anno, facendo ricredere tutto il pubblico. Sulla vincitrice non ci sono dubbi, e mi aspetto un trionfo anche netto.
Vincitrice e ancora campionessa: Ronda Rousey

AJ Styles vs Finn Bálor:
Il Judgment Day continua ad essere uno dei picchi di interesse dello show del lunedì sera e la sua rivalità con The O.C.

porterà all’incontro tra i due “leader” a Survivor Series. L’unica pecca di questo incontro è che sembra un po’ poco utile: qualunque sia il risultato, cambia poco a livello di equilibri della storyline.

Infatti non penso neanche che la rivalità terminerà con questo match in quanto manca ancora il coinvolgimento di Rhea Ripley e Mia Yim in un potenziale 4vs4. Finn Bálor ha vinto molto ultimamente, AJ Styles molto poco, ma penso che sarà comunque The Prince a portarsi a casa la vittoria, essendo il Judgment Day molto più lanciato, anche in ottica di future rivalità.

Penso che questa stable possa continuare ad essere uno dei punti cardine di Raw anche nella Road to WrestleMania, e non solo per lo scontro fra Rey e Dominik Mysterio.
Vincitore: Finn Bálor

War Games Match: Bianca Belair, Asuka, Alexa Bliss, Mia Yim & Becky Lynch vs Damage CTRL, Nikki Cross & Rhea Ripley:
Il War Games femminile vede uno scontro interno alla divisione di Raw, con il Damage CTRL pronto a sfidare la squadra capitanata da Bianca Belair.

Le partecipanti sono tutte di alto livello qualitativo e l’inserimento all’ultimo secondo di Becky Lynch aggiunge quel qualcosa in più alla contesa. Rispetto al match maschile, che sarà una vera guerra, qui mi aspetto un incontro ben combattuto, grazie al quale ricostruire gli equilibri della divisione femminile.

Penso che la vittoria andrà al team delle heel, ma non per ricostruire Bayley come sfidante di Bianca Belair. Credo che ormai il tempo delle Damage CTRL sia passato da questo punto di vista e che ci si debba spostare su altre storyline.

Bensì il match servirà a costruire Rhea Ripley come prossima sfidante della campionessa, e soprattutto a rimetterla in carreggiata nella divisione femminile, nella quale non compete da diverso tempo. Per le Damage CTRL si apre invece una possibile rivalità con Becky Lynch, la quale, incredibilmente, non ha mai avuto una reale storyline con Bayley.
Vincitrici: Damage CTRL, Nikki Cross & Rhea Ripley

War Games Match: Bloodline vs Brawling Brutes, Drew McIntyre & Kevin Owens:
Come nel match femminile, anche questo War Games sarà utile a porre le basi per la Road to WrestleMania del prossimo anno, e qui ci sono ancora più dinamiche da costruire.

Vincerà il team dei babyface e ci sono diverse ragioneiper cui questo deve accadere. Sicuramente Sheamus e Kevin Owens usciranno da questo incontro come futuri sfidanti di Roman Reigns, ma non credo che questa sia la conseguenza più importante.

Ciò che c’è da continuare a raccontare è l’equilibrio della Bloodline, che questo sabato comincerà a scricchiolare. La Bloodline deve iniziare a perdere per arrivare a WrestleMania con il regno di Roman Reigns seriamente a rischio, e Survivor Series è il momento giusto per farlo.

Ma soprattutto le dinamiche interne a questa stable devono iniziare a dare i loro frutti: bisogna capire cosa succederà fra Sami Zayn e Jey Uso, come si comporterà Solo Sikoa, quali membri risponderanno correttamente agli ordini di Roman Reigns, e come si svilupperà la relazione tra Kevin Owens e Sami Zayn.

Credo che nei prossimi mesi quest’ultimo sarà l’elemento chiave di SmackDown ed il suo comportamento nel War Games sarà essenziale per capire come si evolverà la direzione della Bloodline.

Mi auguro anche qui di assistere ad un grande match, che sarà senza dubbio più cruento e ricco di storytelling rispetto a quello femminile.
Vincitori: Brawling Brutes, Drew McIntyre & Kevin Owens

L'esperimento dei War Games a Survivor Series

L’aggiunta dei War Games a Survivor Series è stato sicuramente un bene e tutto l’interesse per questo PLE è trascinato da questa stipulazione.

Il resto della card non è da grandissimo evento, ma ha comunque il potenziale di chiudere il cerchio su una serata da ricordare. Sono un po’ dispiaciuto per il mancato annuncio dell’incontro far Bray Wyatt e LA Knight, che pensavo fosse assicurato fino a qualche ora fa, ma spero comunque in un segmento extra-ring.

I due War Games hanno tutte le carte in regola per essere un vero successo: i partecipanti sono di livello e sono ben assortiti, manca solamente un booking eccelso per potere giudicare questo esperimento come pienamente riuscito.

Anche per Survivor Series è tutto. I pronostici dei PLE della WWE tornano nel 2023, giusto in tempo per l’inizio della Road to WrestleMania.

Bloodline Bianca Belair Becky Lynch
SHARE