The Greater Good - Volume 10: La meritata vittoria di Liv Morgan



by   |  LETTURE 722

The Greater Good - Volume 10: La meritata vittoria di Liv Morgan

Il trionfo di Liv Morgan è qualcosa di cui avevamo sincero bisogno. Scelgo di aprire così il decimo volume del Greater Good, la rubrica curata dal sottoscritto “The REAL Messiah” Aldo Fiadone nonché creatore e conduttore del Pro Wrestling Culture, uno dei podcast più seguiti e apprezzati sul mondo del wrestling nel nostro paese.

Money in the Bank è passato agli archivi in via ufficiale e lo fa rendendo memorabili pochi momenti, ma in modo intenso. Liv Morgan ha vinto la valigetta e la stessa sera ha scelto di incassarla su Ronda Rousey riuscendo positivamente e quindi a laurearsi nuova SmackDown Women's Champion.

Il percorso di Liv parte da lontano... orfana della Riott Squad, inizia un percorso in solitario che, lentamente, la porta ad essere sempre più apprezzata fino al push dello scorso inverno all'interno del feud contro “The Man” Becky Lynch.

L'irlandese, seppur in modo sporco, ha dato un gran contributo per contribuire alla crescita della sua avversaria, ma ahimè il booking team ha scelto di rendere ogni volta Becky la reale vincitrice, specie attraverso sporchi metodi.

Passano i mesi e Liv viene momentaneamente parcheggiata nella categoria tag per dare spazio al momento di Bianca (l'ennesimo) e al ritorno di Ronda. Gerarchicamente e televisivamente giusto essendo loro due alcuni dei nomi che più tirano nella federazione.

Poi i vari segmenti con Alexa Bliss, altri importanti riferimenti al suo percorso, al suo rapporto col pubblico, alla sua crescita di settimana in settimana e poi, eccoci dinanzi al PPV che, in un modo o nell'altro, l'ha finalmente consacrata.

Forse vi sto parlando di quello che sarà uno dei regni femminili più brevi della storia o forse no, rimane di fatto che la bella Liv merita questo momento e merita di goderselo fino in fondo, perché la passione e i sacrifici devono ripagare in un modo o nell'altro, anche di fronte ad atlete e personaggi svogliati (ciao Ronda) e altri profili nettamente sopravvalutati fino a questo momento (ciao Bianca).

Alla prossima, sempre con il Greater Good e, ovviamente, a giovedì con un nuovo numero del Pro Wrestling Culture. Where the big boys play.