The Prizewriter - Sogno o son desto?



by   |  LETTURE 1186

The Prizewriter - Sogno o son desto?

Ciao amiche e amici di WorldWrestling, un caloroso benvenuto ad una nuova edizione del PrizeWriter!

Se, ormai abituati a un prodotto così scarno, le premesse di questo draft erano state sempre critiche ed era stato definito come un ultima spiaggia per Raw, da quando questo è diventato effettivo abbiamo assistito a due delle migliori puntate degli ultimi anni.

Nel segno del 4

Se la settimana scorsa il n.1 contender ladder match a 4  era stato uno dei migliori match in show settimanale dell’intera annata, questa settimana abbiamo avuto 4 match da leccarsi i baffi, roba che di solito già vederne uno è tanto: Becky vs Bianca, Gable vs Balor, Priest vs T Bar e KO vs Big E. Anche se per essere puntigliosi tre su quattro sono finiti in roll up, chi doveva vincere ha vinto, e chi ha perso lo ha fatto con grande onore, e quasi sempre figurato meglio dei vincenti. Il miglior modo di trarre vantaggi da una sconfitta

Menzioni d’onore a Gable, finalmente un promo degno, e una prestazione maiuscola per quello che è un talento cristallino, e con l’impoverimento in quello stile dettato dalla departita di Bryan e dalla morte di NXT, un nome su cui puntare per ammaliare i puristi del wrestling (sempre che lo si voglia fare).

Altra menzione per Priest che finalmente spoglia i panni del latino sorridente, per riscoprire la sua parte satanica e crudele, un po' in una riedizione della gimmick di Aleister Black. Evidentemente per tutti e due non c’era posto, ma almeno su uno hanno deciso di fare un buon lavoro. Ottimo il modo in cui sta elevando la cintura USA, che dal buon regno Lashley (nella dimensione che gli competeva) in avanti si era abbastanza persa…

Ancora sugli scudi KO che senza bisogno di dirlo dimostra che è uno dei migliori in circolazione, con un promo sa buttare giu l’arena. Con un match sa buttare giu l’arena. Cosa vuoi di più?

Che questo RAW sia il teatro del suo allontanamento o della sua rinascita. Speriamo per la WWE la seconda…

Molto interessante aggiungerlo ad una già  intrigante scena titolata massima, dove Rollins torna ad essere incisivo, Big E si dimostra un campione “entertainy” ed in buona ascesa (a breve completeremo la profezia dei tre New Day campioni mondali, segnatevi queste parole). Finalmente un regno degno, dopo anni di nulla con quelli del terrore di Mcyintire e Lashley.

E pare sia arrivata finalmente l’occasione di dare risalto a una Liv acclamata a furor di popolo.

Un roster vastissimo

E tutto questo considerando che erano fuori ieri potenziali pezzi da 90 come Alexa, AJ Styles, Edge, e i non combattenti Orton e Riddle.

Ovviamente non mancano anche punti critici, che riguardano i titoli di coppia, come la pessima trasposizione in toto della scena titolata da SDL, con le noiosissime ed eterne sfide fra Dawgs e Profits e gli inteventi no sense di Omos. O ancora quella femminile, che ridicolizza una performer che fino a qualche mese fa vinceva  a WrestleMania il titolo, e adesso è impelagata in un patetico team con la super eroina…

Ma ADDIRITTURA l’interesse di vedere il prossimo episodio non c’era da tanto tempo…