WWE Extreme Rules 2021: i nostri pronostici



by   |  LETTURE 2628

WWE Extreme Rules 2021: i nostri pronostici

Primo PPV del nuovo periodo autunnale per la WWE, un periodo storicamente scarno di grandi eventi e storyline avvincenti, che quest’anno arriva dopo una successione di show veramente interessanti a causa del grande ritorno del pubblico nelle arene.

A pochissimi giorni di distanza dalla Draft, la WWE ci propone un evento che dovrà chiudere alcune questioni aperte a SummerSlam ma che dovrà anche apparecchiare il futuro dei due show principali. Andiamo, dunque, ad analizzare e pronosticare tutti i match della card di Extreme Rules 2021.

Liv Morgan vs Carmella:
Stranamente questo match trova spazio in un PPV, ma sono contento di questa scelta.

Sono contento per le due atlete e per la divisione femminile di SmackDown, che nell’ultimo anno ha sofferto parecchio nel creare delle storyline interessanti che non riguardassero il titolo massimo. La rivalità tra Liv Morgan e Carmella doveva sbocciare già mesi fa e sembrava che fosse partita nel periodo di Money in the Bank, ma il tutto è stato messo in pausa più e più volte; ecco perché sono rimasto sorpreso quando Liv Morgan ha lanciato la sfida per Extreme Rules un po’ dal nulla.

La WWE doveva capitalizzare la grande popolarità dell’ex Riott Squad quest’estate, ma apprezzo comunque il tentativo di non far cadere il suo personaggio nel dimenticatoio. Penso che questo match serva proprio a lanciare Liv Morgan in singolo, che prima o poi arriverà almeno a competere per un titolo, mentre per Carmella è decisamente ora di cambiare aria e di approdare per la prima volta in carriera nel roster di Raw, dove può dire la sua nel ruolo di heel.
Vincitrice: Liv Morgan

Unites States Championship: Damian Priest vs Sheamus vs Jeff Hardy:
L’elemento più strano in questo match è sicuramente la presenza di Jeff Hardy, aggiunto all’ultimo e senza troppe ragioni.

La rivalità tra Sheamus e Damian Priest procedeva a gonfie vele da settimane e c’era bisogno di uno scontro finale dopo il buon match di SummerSlam, ma la WWE ha preferito aggiungere Hardy nel ruolo di wild card, rendendo forse il risultato finale meno prevedibile.

Ho la sensazione che il rematch tra Priest e Sheamus fosse stato giudicato troppo poco accattivante e quindi la compagnia ha deciso di sconvolgere le carte in tavola, ma personalmente avrei gradito di più l’incontro inizialmente previsto.

Ciò non toglie che questo triple threat ha tutte le potenzialità per essere uno dei momenti più divertenti dell’intero PPV. La posizione di Jeff Hardy di scheggia impazzita può far pensare ad un cambio di titolo, ma io penso che la costruzione e l’attenzione che è stata data a Damian Priest nell’ultimo periodo sia stata troppo grossa per far terminare il suo regno dopo poco più di un mese.

A meno che non sia diretto a SmackDown, l’Archer of Infamy è stato troppo protetto per perdere alla prima difesa in PPV e credo che dovrebbe essere presentato come uno dei punti saldi di Raw nei prossimi mesi.
Vincitore e ancora campione: Damian Priest

SmackDown Tag Tam Championship: The Usos vs Street Profits:
Ad Extreme Rules assisteremo a quello che è uno dei migliori scontri tra tag team che la WWE può attualmente offrire.

Dopo la prestazione nel main event della puntata di SmackDown al Madison Square Garden ho grandi aspettative per questo match, nella speranza che possa replicare il livello di adrenalina regalato poche settimane fa. C’è bisogno di una contesa che non veda l’interferenza di Roman Reigns e che possa dare un finale chiaro e decisivo allo scontro tra i due tag team, magari elevando anche la condizione della categoria stessa, che ne avrebbe bisogno.

Nonostante gli Street Profits siano sempre adatti a detenere le cinture, in questo momento la Bloodline è l’act più caldo e vincente dell’intera federazione e non penso che sia già arrivato il momento di far scricchiolare gli equilibri all’interno della stable, cosa che una sconfitta degli Usos sicuramente provocherebbe.
Vincitori e ancora campioni: The Usos

Raw Women’s Championship: Charlotte Flair vs Alexa Bliss:
Questo è senza dubbio il match che ho più difficoltà a pronosticare.

Si tratta di uno scontro diretto tra le due personalità della divisione femminile che possono dare di più a livello di immagine extra-ring (senza nulla togliere alle loro abilità sul quadrato), uno scontro quasi inedito ed una rivalità che può regalare tanto.

L’incertezza deriva dall’impossibilità nel decifrare quali siano i piani per questo personaggio di Alexa Bliss. Nonostante le reazioni del pubblico confermino che funzioni, non è un character che vedrei con un titolo alla vita, ma una conferma di Charlotte presenterebbe un altro problema: cosa si fa dopo? Non riesco a vedere tante avversarie che siano all’altezza di Charlotte Flair ed ho paura che con lei come campionessa la scena titolata possa rimanere completamente impantanata, mentre con Alexa Bliss si aprirebbero molti nuovi scenari.

Siccome ho paura di come la WWE possa gestire un regno titolato con personaggio come quello di Alexa Bliss, pronostico la vittoria di Charlotte, ma spero che questo incontro, oltre ad essere qualitativamente buono, possa essere un punto di svolta per l’ex Goddess, sia in caso di vittoria che in caso di sconfitta.
Vincitrice e ancora campionessa: Charlotte Flair

SmackDown Women’s Championship: Becky Lynch vs Bianca Belair:
Ciò che a prima vista poteva sembrare un clamoroso disastro si è trasformato in un’idea piuttosto vincente.

A SummerSlam Becky Lynch ha compiuto il suo tanto atteso ritorno seppellendo Bianca Belair ed il suo regno titolato. Per fortuna quel segmento si è risolto in un turn heel dell’irlandese, che in realtà ha semplicemente mostrato una parte più opportunista del suo carattere.

A guadagnare da tutto questo è sicuramente Bianca Belair, sempre molto sostenuta dal pubblico nonostante dei primi mesi da campionessa non troppo convincenti. Penso che tutta questa storyline dovrà portare prima o poi ad una nuova vittoria della EST, ma probabilmente non è ancora questo il momento.

Se è vero che questa strategia sta funzionando, direi di non accelerare i piani e di lasciare Belair vivere appieno la sua rincorsa al titolo femminile; una sua vittoria ora non avrebbe senso ed andrebbe a rendere inutile tutto ciò che è successo da SummerSlam in poi.

Bisogna fare molto attenzione anche alle reazioni che riceve Becky Lynch: The Man è sempre apprezzata dal pubblico ed è proprio il suo essere heel che l’ha resa popolare in primo luogo, quindi il pay-off della scalata da underdog di Bianca Belair deve essere realizzato solo quando sarà chiaramente lei a ricevere i favori del pubblico.
Vincitrice e ancora campionessa: Becky Lynch

WWE Universal Championship: Extreme Rules Match: Roman Reigns vs “The Demon” Finn Bàlor:
L’unico match a stipulazione speciale dell’evento si terrà tra Roman Reigns e Finn Bàlor, un incontro che forse non ne aveva neanche bisogno vista la presenza già ampiamente caratterizzante del Demon.

In mezzo a due grandi sfide come quelle contro John Cena e Brock Lesnar, Roman Reigns dovrà affrontare un Finn Bàlor che ha saputo comunque catalizzare l’attenzione verso di sé, tanto da far credere a molti dei suoi fan in una possibile vittoria, anche in condizioni parecchio svantaggiose.

Sono tanti gli appassionati a pensare che il Demon non dovrebbe subire sconfitte, ma questo Roman Reigns è veramente superbo. Bisogna riconoscere a Finn Bàlor la capacità di rendersi credibile anche quando la sua presenza nella scena titolata è pura transizione, segnale di quanto sia apprezzato dai tifosi che non lo vedono mai fuori luogo in queste occasioni, ma il Tribal Chief non può assolutamente cedere la sua cintura in un evento come questo, prima di affrontare avversari con uno star-power elevatissimo, come Brock Lesnar il prossimo mese.

Mi auguro di assistere ad un match ben combattuto e teso fino alla fine, ma sulla vittoria finale è pochissimi dubbi.
Vincitore e ancora campione: Roman Reigns

Un WWE Extreme Rules poco estremo

Dopo due eventi giganteschi come Money in the Bank e SummerSlam e prima di due eventi altrettanto grandi come Crown Jewel e Survivor Series, Extreme Rules non può che configurarsi come un evento di transizione, anche giustamente visto che le storyline più importanti hanno bisogno di respirare.

Nonostante questo la card sembra promettente, con diversi match che possono essere ottimi dal punto di vista qualitativo ed altri, come quelli per i titoli femminili e Reigns vs Bàlor, che sono molto importanti per via degli atleti coinvolti.

Unica pecca: questo Extreme Rules è molto poco “extreme”, con un solo match a stipulazione speciale, peraltro annunciato dal nulla a pochi giorni dall’evento. La WWE ha fallito completamente nel creare delle tipologie estreme di match che si associassero bene agli incontri da proporre, mancando completamente il tema dell’evento; chiamare questo show Payback sarebbe stata una mossa più intelligente.

Grande assente anche un match valido per il WWE Championship; Big E vs Bobby Lashley avrebbe completato la card di questo PPV ma probabilmente la vittoria di Big E è troppo fresca per aggiungere ulteriore carne al fuoco.

Nella speranza di assistere ad un evento che si riveli realmente divertente, auguro a tutti voi un buon Extreme Rules.