WWE WrestleMania 37 (Night Two): i nostri pronostici



by   |  LETTURE 1563

WWE WrestleMania 37 (Night Two): i nostri pronostici

Siamo giunti anche alla seconda serata dell’evento più importante dell’anno, WrestleMania. Senza ulteriori indugi, addentriamoci nei pronostici dell’ultima parte della card di WrestleMania 37.

Intercontinental Championship: Nigerian Drum Fight: Big E vs Apollo Crews:
Il titolo intercontinentale verrà difeso in un Nigerian Drum Fight o, in parole più semplici, un No Disqualification Match.

A mio parere, questa sfida non è affatto all’altezza di WrestleMania: alla vigilia di Fastlane avevo elogiato questa rivalità e l’upgrade di Apollo Crews, e sono ancora di questa opinione, semplicemente non penso che il Grandest Stage of Them All sia il palcoscenico adatto una rivalità come questa, che poteva terminare in un normale PPV di transizione.

Avrei di gran lunga preferito una difesa titolata a più persone. La stipulazione speciale aiuterà di certo il match ma ho paura che il pubblico possa avere una reazione piuttosto fredda. Nonostante Apollo Crews potrebbe soffrire pesantemente da una sconfitta come questa, credo che sia giusto premiare Big E e questa sua run in singolo concedendogli un bel momento di festa con i fan.
Vincitore e ancora campione: Big E

WWE Women’s Tag Team Championship: Nia Jax & Shayna Baszler vs ???:
Le nuove avversarie di Nia Jax e Shayna Baszler saranno le vincitrici del Tag Team Turmoil della prima serata.

Devo dire di non avere grosse aspettative per questo match, sia perché questa card ha incontri di gran lunga più interessanti, sia perché la divisione di coppia femminile è fin troppo regnata dal caos.

Le campionesse hanno svolto il loro ruolo molto bene negli ultimi mesi ma sono state rese protagoniste anche più del dovuto, andando ad interferire anche in quelle che dovevano essere le rivalità per i titoli in singolo.

Penso che sia arrivato il momento di fare un passetto in avanti con i tag team e credo che anche Nia Jax e Shayna Baszler meritino di voltare pagina, perciò pronostico un cambio di titolo, chiunque saranno le loro avversarie.

In particolare, gradirei molto uno split decisivo delle due campionesse, magari con una Shayna Baszler stanca delle ripetute distrazioni dovute a Nia Jax e Reginald, un elemento che le porterebbe alla sconfitta. Ho pronosticato Natalya e Tamina come vincitrici del Tag Team Turmoil, quindi vado con loro anche per il pronostico di questo incontro.
Vincitrici e nuove campionesse: Natalya & Tamina

United States Championship: Riddle vs Sheamus:
Anche qui, un match solido ma che non si porta dietro quella dose di hype che ogni match di WrestleMania dovrebbe avere.

Per ora, l’avventura nel main roster di Riddle si sta rivelando un discreto successo e piano piano si sta facendo conoscere anche a coloro che non seguono NXT; non vedo perché si vorrebbe interrompere il suo regno titolato visto che non è neanche cominciato da molto, ma la scelta di Sheamus come sfidante un po’ mi mette il dubbio.

Infatti Sheamus ha goduto di una gestione importante durante l’ultimo anno, specialmente da quando è approdato a Raw, ma ha anche subito diverse sconfitte importanti contro Drew McIntyre e Bobby Lashley ed ho paura che un nuovo fallimento potrebbe affossarlo in via definitiva.

La vittoria di Riddle andrebbe a creare un bel momento con i fan ma, data la considerazione di cui sta godendo Sheamus da parte della WWE, credo che sarà il Celtic Warrior a far suo il titolo degli Stati Uniti.
Vincitore e nuovo campione: Sheamus

Kevin Owens vs Sami Zayn:
Incredibilmente Sami Zayn e Kevin Owens guadagnano un posto nella card di WrestleMania e rinnovano la loro interminabile rivalità.

Dico incredibilmente perché da sempre abbiamo sognato questo match in un palcoscenico così importante e lo abbiamo voluto così tanto che mai avremmo pensato di vederlo realmente, soprattutto dopo che la loro faida si è conclusa anni fa.

E invece la WWE ci ha sorpreso riproponendo questa contesa ed io non potrei essere più contento. C’è solo un problema, un qualcosa che mi preoccupa profondamente: Logan Paul. Comprendo il motivo della sua inclusione e devo dire di non aver neanche disprezzato la storyline, ma mi terrorizza l’idea che il finale di questo match possa essere sporcato da un’influenza esterna.

Avrei tanta voglia di vedere un gioiellino di match di wrestling, così come lo abbiamo già visto tra i due a NXT o a Battleground 2016, ma penso proprio che la presenza di Logan Paul sarà decisiva. Nello specifico, credo che Paul volterà le spalle a Sami Zayn, stanco delle sue teorie cospiratorie, e darà l’assist a Kevin Owens per la vittoria.

Spero almeno che, prima di questo finale, i due ci regalino un gran bell’incontro.
Vincitore: Kevin Owens

Raw Women’s Championship: Asuka vs Rhea Ripley:
Finalmente il Raw Women’s Championship torna ad essere difeso in PPV e lo fa in grande stile con un match tra la campionessa Asuka e la semi-debuttante Rhea Ripley.

Un match sulla carta grandioso, che forse neanche mi sarei immaginato di vedere in questa WrestleMania. Il problema è che la costruzione è stata inesistente e, per quel poco che c’è stata, troppo affrettata; ed è un peccato perché il potenziale sarebbe immenso.

Ma ciò che mi lascia ancor più perplesso è l’illustre assenza di Charlotte Flair. Non so cosa stia succedendo dietro le quinte, ma l’assenza di The Queen mi puzza e non capisco come possa essere stata considerata l’idea improvvisa di estrometterla dalla lotta per il titolo di Raw.

Non fraintendetemi, il match (se costruito bene) sta in piedi anche senza Charlotte, ma sono veramente stupito nel vederla fuori da WrestleMania. Così stupito che non escluderei l’ipotesi di un suo inserimento all’ultimo secondo.

Come successo a Drew McIntyre, il brusco cambiamento di WrestleMania 36 ha portato via a Rhea Ripley un’ovazione da paura, anche se forse lo scorso anno non avrebbe vinto comunque. Quest’anno è l’occasione giusta per farle recuperare quanto perso.

Inoltre direi che è anche l’ora di togliere il titolo ad Asuka e di dare una ventata d’aria fresca alla stantia divisione femminile dello show rosso. Se Charlotte Flair dovesse essere veramente inserita nella contesa, mi piacerebbe vedere The Nightmare vincere con uno schienamento proprio su colei che l’ha sconfitta nella scorsa edizione dello Showcase of the Immortals.
Vincitrice e nuova campionessa: Rhea Ripley

The Fiend vs Randy Orton:
Personalmente, questa è una delle storyline che più mi ha appassionato negli ultimi mesi.

Ci sono stati dei difetti abbastanza evidenti, come la sua eccessiva lunghezza, puntate settimanali prive di spunti interessanti ed un’attesa smisurata prima del ritorno sulle scene di The Fiend dopo esser stato bruciato vivo a TLC, ma complessivamente l’elemento sovrannaturale ha vinto di nuovo ed anche l’inserimento di Alexa Bliss è risultato funzionale.

Sarà interessante capire da che parte si schiererà il pubblico presente nello stadio, visto che la WWE è stata piuttosto confusionaria con gli allineamenti all’interno di questa rivalità.

Purtroppo, dopo il ritorno di Bray Wyatt a Fastlane, la storyline non ha goduto di chissà quale arricchimento ed il momentum sembrerebbe essere sceso un pochino. Sono spaventato da come possa essere portato avanti il match, perché è difficile eliminare dalla memoria la grossa delusione che si rivelò essere lo scontro tra Orton e Wyatt a WrestleMania 33, ma proprio in virtù di quel fallimento mi auguro che si possa solo che migliorare.

L’assenza di una stipulazione speciale ed adatta alla rivalità mi stupisce (e preoccupa) ma spero che la WWE abbia comunque in mente qualcosa per rendere questo incontro unico nel suo genere. Vado con la vittoria del nuovo The Fiend, perché se dovesse perdere anche questo match vuol dire che ci sarebbero seri problemi per questo personaggio.
Vincitore: The Fiend

WWE Universal Championship: Roman Reigns vs Edge vs Daniel Bryan:
Siamo arrivati al vero main event di questa WrestleMania, il match meglio costruito dell’anno.

Nonostante Roman Reigns vs Edge fosse già un incontro di cartello, la WWE ha incredibilmente deciso di inserire nell’equazione Daniel Bryan, anche senza Yes Movement e sommossa popolare come nel 2014. Ed il bello è che tutto ha avuto perfettamente senso.

C’è chi dice che il suo inserimento non fosse necessario, e posso anche concordare, ma non si può negare che la federazione ha spiegato per bene questa scelta e la storia narrata non ha avuto alcun buco logico.

Alla fine, mi sento di dire questa decisione controversa ha migliorato la costruzione di questo main event. Un altro punto a favore di questo match è il fatto che, a coppie, tutti i contendenti hanno un motivo per avercela con gli altri ed ognuno di loro ha un motivo valido per voler vincere il titolo universale.

Recuperate i segmenti di Daniel Bryan ed Edge dell’ultima puntata di SmackDown per avere una prova di ciò che sto dicendo. Ma chi la spunterà alla fine? Devo dire che il match è ben composto e non è così facilmente prevedibile, ed anche per questo credo che sarà molto divertente ed incerto fino al pinfall finale.

Secondo me sarà Roman Reigns ad imporsi e a portare definitivamente a termine la sua crociata per essere riconosciuto come il legittimo Tribal Chief. Non nego, però, che sarei molto contento di vedere Daniel Bryan trionfare di nuovo contro tutto e tutti.
Vincitore e ancora campione: Roman Reigns

WrestleMania 37: cosa avrà in serbo la WWE per noi?

Nel bene o nel male, la WWE è riuscita a costruire una edizione di WrestleMania abbastanza consistente.

Ci sono alcuni match che non sembrano molto da WrestleMania, ma ce ne sono anche alcuni per cui nutro un hype superiore alla media. Complessivamente, la seconda serata risulta molto più appetibile della prima, come è anche giusto che sia.

In questa Night Two, il main event e Randy Orton vs The Fiend hanno una costruzione molto solida e Asuka vs Rhea Ripley e Kevin Owens vs Sami Zayn possono rivelarsi come dei match di wrestling molto validi. Spero di assistere ad uno show di wrestling divertente, una vera e propria festa, con anche, perché no, qualche piccola sorpresa.

Ancora una volta ripeto che il vero protagonista dell’evento sarà il pubblico e spero vivamente di assistere a qualche momento che provochi un pop estremo dei fan presenti al Raymond James Stadium. Nella speranza di essere alla vigilia di una edizione storica del Grandest Stage of Them All, auguro a tutti voi una buona WrestleMania!

Qui per i pronostici della prima serata.