The Prizewriter - Il venerdì del villaggio



by   |  LETTURE 829

The Prizewriter - Il venerdì del villaggio

Ciao cari e care fans, periodo movimentato in casa Stamford.

Il preludio al preludio di WrestleMania è iniziato, e molte delle mie speranze per l'anno appena iniziato sono già state strozzate.

Avremo però, una, anzi due, Royal Rumble che non erano così incerte da tanto tempo...
Di cui parleremo nei prossimi numeri.

La scena titolata mondiale è in evoluzione, e sottoscrivendo ogni parola del nostro tribal chief Marco Enzo Venturini nel suo ultimo Dirty Deeds, non resta che chiederci se riusciremo a vedere - non per la bassa qualità che offrirebbe, ma per il contagio del campione - Drew Mcintyre contro Goldberg. Quest'ultimo che sebbene sia inappropriato ed irritante, continua a fare il suo lavoro, ossia far parlare di sé...

Un po' come quei vecchi calciatori che strappano stipendi e svernano in qualche squadra di provincia.
Senza pretese alcune di fare buone cose, ma solo quella di continuare a monetizzare.

SmackDown, conferme da show di punta

A SDL abbiamo visto una puntata sontuosa, che conferma quanto lo show del venerdi sia attualmente il migliore della federazione.
Si, meglio anche di NXT, che dopo un New Year's Evil sottotono speriamo.si possa riscattare com un Dusty...Classic che onori il wrestling di coppia, come solo a Stamford sanno NON fare.

A tinte blu tutto è più luminoso, luccica, e si mette in mostra meglio.

Vengono riesumati alcune performer di livello dal loro torpore, come Shinsuke Nakamura, che con la sua sublime presenza e le sue manovre di Strong Style si è elevato, elevando il livello della contesa come solo i grandi del wrestling sanno fare, in un Gauntlet gestito così bene e così coinvolgente come non se ne vedono da tanto...
Spettacolare la rinascita inaspettata del giapponese, che davvero messo nelle condizioni è uno dei migliori al mondo. Un artista vero che fa spiacere vedere nei bassifondi. E rabbia perdere contro Otis...

Abbiamo nuovi tag champ, che finalmente si sono amalgamati con un senso, con un nome finalmente, Dirty Dawgs, basta che non ci facciano tornare in mente il Big Dawg ...

Big E che convince, anche se non è il vero campione intercontinentale, è tutto un complotto ai danni di Sami Zayn, che vi prego dategli veramente la gimmick del complottista che è una favola.
E poi magati fatelo stare un po' più in ring.

C'è Sasha contro Carmella, le due potrebbero regalare altre perle come il match di TLC...
E sopratutto abbiamo Reigns che rende interessante anche un GM che compete per il titolo.
Un Adam Pearce che nei mesi è diventato non sgradita presenza fissa, a limitare un po' il fatto che i wrestler si facessero i match da soli, e adesso giustamente viene premiato per il suo buon lavoro, con più esposizione, ben riposta.

RAW, va veramente tutto male

Lunga vita a SDL, e corta vita a RAW. Dove, come se non bastasse, la assenza di McIntyre rende tutto ancora più scialbo (non che il povero scozzese potesse salvare la situazione...).

Fra un Ric Flair sempre più patetico, come direbbe Randy, un Riddle che continua a fare brutti job, Ricochet le cui ali di cera si sono sciolte da un po', faide inutili come Sheamus/Lee, Miz e Morrison che ormai hanno la credibilità e la minacciosita dei Bollywood Boyz, e pure la faida Orton vs Wyatt, con il posto di McIntyre come trait d'union fra i due che viene preso dal Triplo, e trasforma il segmento nello sledge hammer che brucia, e nell'ennesimo caso di cecità indotta degli ultimi mesi, dopo Lee con Kross a NXT e quello celeberrimo, purtroppo, per quanto ci ha scartavetrato le balle, di Rey, che adesso il raggio infuocato sparato da Bliss sembra addirittura piu noioso che cringe.

Alla fine non si lavora tutta la settimana in attesa del weekend, e non è venerdi il nuovo sabato?
Intanto attendiamo la domenica,con la Rumble di cui presto parleremo...
A presto!