The Prizewriter - Nuovi vicini della porta accanto



by   |  LETTURE 1643

The Prizewriter - Nuovi vicini della porta accanto

Un caloroso saluto agli appassionati e alle appassionate di wrestling, qui per una nuova edizione del Prizewriter, l'editoriale più heel del wrestling web.

In queste settimane pre Survivor Series, la WWE del main roster è riuscita nell'impresa di azzerare l'interesse, dopo un ottimo Hell in a Cell. E ci credo, chi si emozionerebbe per una sfida di roster neonati? Basti pensare che nel team di RAW ci saranno almeno 3/5 che un mese fa erano a SDL. Come nelle peggiori trame del wreslingmercato.

Fra un match di qualificazione, e la impossibilità di portare avanti discorsi titolati nuovi per quasi tutti i campioni (a maggior ragione i neolaureati), pochi elementi si elevano nella mediocrità.
Uno su tutti la nuova power couple del lunedì sera: Bray Wyatt e Alexa Bliss.

Dopo i tentativi di rendere interessante la coppia intergender "The Man e The Man's Man" un anno fa, il nuovo RAW ha chiamato a sé due ingombranti personaggi del venerdì. E sono sadici e squilibrati!

Come detto nell'edizione del draft, la federazione ha puntato all-in sui protagonisti della Firefly FunHouse: essi hanno il compito di salvare uno show dal disinteresse e dall'abulia che lo contraddistinguono. Riusciranno a farlo da soli? Probabilmente no, ma qui sta la loro grandezza. Come già faceva benissimo da solo il buon Bray, ma ancor di più con l'intromissione della piccola psicopatica - sebbene l'apporto della ex campionessa sia più che altro scenico - possono innalzare lo status e la profondità di chiunque scelgano di tormentare, andando a scavare nel passato di lui (e in futuro, perché no, di lei) riportando alla luce le ombre. Se sono riusciti anche nell'impresa di rendere interessante Braun Strowman...

No one is safe... campioni avvertiti

Il loro minaccioso incedere fra le anime di RAW non lascia nessuno al sicuro.
Potrebbero prendersela con chiunque in ogni momento, vista la loro versatilità.
Visto che ultimamente hanno preso di mira chiunque che sia heel o face, pur mantenendosi coerenti; hanno o determinato una dinamica di cambio di allineamento nel malcapitato di turno.

La Puntata della FFH è una garanzia di intrattenimento, mai banale, a volte profondo, di cui RAW ha il massimo bisogno, per variare uno spartito troppe volte monotono e ripetitivo.
E viste le assenza di altri contendenti seri per entrambi i titoli, maschile e femminile, a riciclarsi in quanto tali anche nel breve.

Archiviata la epopea contro McIntyre, Randy Orton necessita della faida con Wyatt, colpevolmente troncata a SDL ormai 3 anni fa.

Le ultime scenette nella casa delle lucciole, con i riferimenti alla stamberga di Bray nella palude, bruciata da Mr RKO, e poi ricorstruita in veste allegorica come la FunHouse, sono quanto di più azzeccato.

Per dare a Randy un avversario serio, e per riprendere un discorso che aveva visto affossare completamente il character del vecchio Wyatt. Proprio nel momento del suo massimo splendore. Ricordo come fosse molto tifato, nonostante heel. E di come venne annientato da Randy, in una faida a senso unico. E lo spreco ancora maggiore: Randy perse presto quel titolo a favore di Mahal...

Andando ad Alexa , una 5 time champ, con innegabili doti, merita al più presto di tornare a competere per l'alloro, e di mettere fine ad un regno macchiettistico come quello di Asuka, che ha azzerato il livello della competizione. Dato che le uniche due sfidanti credibili sono impantanate nell'essere campionesse di coppia.

Bisogna però dire come Bliss debba ancora calarsi alla perfezione nelle nuove vesti, denotando qualche difficoltà nell'interpretazione di un personaggio così deviato. Nulla che non si possa migliorare.
Passare da wrestler ad attore non è così semplice, se non sei Windham Rotunda...

Insomma il movimento più importante dell'ultimo draft è indubbiamente il loro, con buona pace del Messiah, che prima che lambisca il mainevent di SDL ne passerà di tempo... Non ci resta che restare collegati, per questo e poco altro, in attesa di sviluppi.