The Prizewriter - The new SmackDown



by   |  LETTURE 806

The Prizewriter - The new SmackDown

Ed eccoci finalmente qui per parlare dell’evento di questa settimana in casa WWE: il Draft.

Per avere abbastanza spazio, e tempo, per trattare tutti i temi, divideremo il tutto in due episodi del Prizewriter: il primo con le premesse, ed il nuovo SmackDown; il secondo con le conclusioni, e RAW.

Partiamo dal considerare come sia stato veramente eccessivo il numero di spostamenti, addirittura 33 quelli da me contati, esattamente come era stato lo scorso anno, nel Draft di questo periodo. Inoltre molti di questi sono stati spostamenti inversi di quelli di un anno fa, come se fosse ormai la norma spostare wrestler da un roster all’altro ad ogni occasione, per palese mancanza di idee.

Fra questi, tanto per capire, Wyatt, Alexa, Miz, Murphy, KO, Lacey Evans, i RooDolph, Dana Brooker, Braun e Nikki Cross hanno fatto un bell’avanti e indetro.

E se c’è chi lo ha fatto per revitalizzare uno show (RAW) come i primi due nomi citati, gli altri lo fanno per non assopirsi loro, nei meandri del disinteresse .

Inoltre il ridraftare quelli già appartenenti al roster risulta sempre più pleonastico. Ancor più grave che neanche si siano sforzati di fare apparire i nuovi con un promo. Anche perché non avrebbero mai avuto tempo a sufficienza per tutti. Il problema è che con spostamenti così massicci, perdi anche il senso del draft: quello di novità, di nuovi orizzonti da esplorare, in favore di uno cambio di scenario per le stesse cose.

E qui viene il punto dolente per SmackDown, perché se gran parte dello show del venerdì si è spostato al lunedì sera, molti hanno compiuto il passo inverso. E allora abbiamo due faide che si sono spostate in toto, come quella del Messiah vs la Mysterio family, e quella di KO, stantia e unilaterale (povero Aleister) con Black, troncata improvvisamente la situazione con Wyatt,.

E non che queste avessero grande successo il lunedì.

Ma sappiamo che SDL sa trarre il meglio dal peggio, e dalle condizioni piu risicate, e che a parte quello di anno scorso dove FOX si prendeva molto pezzi grossi, ogni Draft sembra favorire RAW, per poi essere disconfermati nella conclusione da SDL, che mantiene un livello discreto di prodotto, per poi toccare qualche picco, a differenza dello show rosso che ormai naviga a vista da anni.

E quest’anno se consideriamo chi ha perso lo show del venerdì non possiamo che essere intimoriti…

I nomi più pesanti sono tre.

Cosa ha perso SmackDown con il Draft 2020

AJ Styles, dopo il passaggio di roster pochi mesi fa, sempre causa Paul Heyman.

Braun Strowman: il campione che ha regnato bene da Wrestlemania a Summerslam, e il personaggio piu interessante della WWE di oggi: The Fiend.

Ne perde un bel pezzo.

Non che non ci siano talenti fra i nuovi arrivi , ma sono appunto da valorizzare e ricostruire, cosa che SDL sa fare abbastanza meglio di RAW, anzi pare proprio il suo lavoro, basti vedere gli ultimi lavori fatti con Zayn arrivato come rottame da RAW, Strowman, Reigns,

Comunque analizzando come i nuovi del venerdi sera si integrano si parte da un buon livello di midcard. Al sempreverde Apollo si aggiungono due campioni da recuperare al 100 x 100, come i gia citati Aleister e KO; la incognita Sullivan; uno da innalzare come Murphy - che speriamo ci regali dei bei momenti col Messia, e meno con la famigilia Mysterio, che però affettivamente fa molto piu piacere ritorvare il venerdì -. Con i gia presenti Big E, il campione IC Sami Zayn, Corbin, e il pasticcio Mr MITB Otis non c’è che l’imbarazzo della scelta sul chi lanciare nell’upper.

La categoria femminile è rivoluzionata in toto, ma poggia sulle due solidissime basi di Bayley & Sasha. Finita la loro interminabile faida, se mai finirà, chi sarà la prossima ad andare verso l’alto?

Bianca Belair delle nuove arrivate para quella piu in odore di push, vedremo cosa hanno in serbo per la nuova Carmella e per la sempreverde e bravissima Mickie James, mentre le Riott Squad fanno bene alla divisione e sono bravine, ma pare non ci puntino, mentre Zelina, Billie Kay e Natalya sono li a fare numero. Spiace che la Vega sia vista ormai come lottatrice, perché come manager era la migliore in circolazione, mentre a vederla combattere pare un po’ sprecata.

Passiamo ai tag, e vediamo come sono stati sfaldati i Lucha House Party, il New Day e gli Heavy Machinery, e sono partiti Miz 'n Morrison, mentre i motociclisti sono desaparecidos.

Rimanevano solo i vecchi campioni, che immeritatamente, dopo mesi dominio, perdono a favore del solito nuovo giorno, solo per innalzare lo status di questi, e regalarci lo scambio di cinte con gli Street Profits e  ad accogliere così i nuovi New Day di SDL.

Oltre a questi due solo i girovaghi RooDolph, che insieme non dicono proprio nulla.

Aspettando il downgrade troppo lento di Jay Uso ed il ritorno del fratello, magari entrambi heel, al fianco di Reigns.

Che ci sia poi necessità di qualche coppia in piu?

Pare ovvio, e una potrebbe essere quella di padre e figlio Mysterio. Sarebbe un bel modo di dare interesse ad una categoria che vede ottimi nomi coinvolti, ma ha il problema atavico della WWE, non è costruita.

Notando poi una lieve carenza di jobber… andiamo al main event, perchè se prima erano in 3 giganti con Strowman Wyatt e Reigns a darsele, piu un’incognita.

SmackDown: la zona main event

Adesso abbiamo il meglio della federazione. Quelli su cui si è puntato di piu dall’inizio, i due ex Shield rimasti: Roman e Seth. Volendosi però già proiettare ad un inevitabile scontro, entrambi sono ora saldamente heel, con personaggi che non sembrano potere essere stravolti a breve, ma mai dire mai …

Seth deve assolutamente essere testato in altre contese, perché in quasi un anno lo abbiamo conosciuto solo contro KO e i Mysterios. La faida nascente con Murphy può essere utilissima a entrambi, sperando ci si distolga presto dalle interazioni con la famiglia messicana.

Che sia arrivato il momento di reclutare nuovi discipoli per il nostro Messiah? Un Black tutto solo e bastonato lo aspetterebbe a braccia aperte…

Passando invece al Tribal Chief, anche lui sperando si liberi presto della faida, sì buona, ma ampliamente terminata, con il cugino, cosa si può prospettare per lui in zona main event?

Qua appunto tutto è in ballo, perché bisognerà vedere chi dei nuovi arrivi sarà lanciato verso l’alto... O che vecchietto si debba riesumare. Ma considerando che Reigns è in versione Re Mida ci possiamo aspettare buone novità.

E poi c’è un certo Daniel Bryan, una leggenda del business che dopo il suo ritorno dall’infortunio ha solo raggiunto il main event una volta, con grande successo, dalla parte dei cattivi. Quel campione della terra che incarnava una gimmick così attuale ed anche istruttiva…

Ma adesso le stelle sono allineate per una sua riproposizione ai piani alti da face, e che scontri all’orizzonti con Roman e Seth!

La terra delle opportunità è sempre qua, e siamo sicuri che non deluderà neanche questa volta, sapendo riciclare prodotti altrimenti lasciati scadere nei bassifondi. Dando questi nuova luce, sotto forma appunto di una nuova opportunità.