Dirty Deeds - Verità scomode: WWE, ora levagli quella valigetta quanto prima



by   |  LETTURE 5792

Dirty Deeds - Verità scomode: WWE, ora levagli quella valigetta quanto prima

Le ultime settimane di SmackDown ci hanno ricordato qualcosa che, francamente, ci eravamo abbastanza dimenticati. Tra Big Dog che tornano più cattivi e cazzuti che mai, figli di papà che si rivelano bravi ben oltre più rosea aspettativa, campioni intercontinentali presi a tre per volta (e tutti fuoriclasse!), amiche che scoppiano piano e amiche che non scoppiano ma si fanno le Sister Abigail tra loro, del resto, ci sono piccoli dettagli che possono sfuggire alla memoria. Come il fatto che in WWE ci sia attualmente un regnante Mister Money in the Bank.

Eh sì, è servito il ritorno in pompa magna (?) di The Miz & John Morrison per togliere dalla naftalina non tanto la storica e ambita valigetta in sé, quanto colui che la detiene. Ve lo ricordate? Si chiama Otis, e a maggio sembrava la Superstar più amata dell'intero main roster.

La sua ascesa, tanto improvvisa quanto ingiustificabile, era partita da una serie di simpatici (e "legittimi") tweet rivolti all'amica Mandy Rose, con cui il buon Otis ha trascorso una discreta fetta di carriera ai tempi del Performance Center. Uno scherzo tra due veri amici, divenuto storyline dopo un infausto bacino natalizio sulla guancia. E da allora ogni uomo medio che ama il wrestling ha trovato il suo eroe: bello grasso, unto e ignorante al punto giusto, ma che senza una vera logica faceva cadere tra le sue braccia la bellona del quartiere. Più "sogno americano" di questo cosa c'è?

Otis, il Mister Money in the Bank a prova di uomo medio. Ma ora basta

Peccato che maggio sia passato, e un po' tutti si sono resi conto che perfino la WWE è qualcosa di più serio di tutto questo. Otis e la stessa Mandy Rose non sono nemmeno stati fortunatissimi, perché il culmine della loro storyline è avvenuto al contrario di come sarebbe dovuto avvenire, e cioè senza nessuno spettatore (in una vicenda narrativa che era puro fanservice). Eppure la valigetta è stata assegnata un mese dopo quel culmine, e l'ha vinta comunque Otis. Senza che comunque il pubblico fosse tornato.

Già all'epoca quella decisione era apparsa la più sbagliata possibile, nel frattempo sono passati quattro mesi e la situazione è se possibile peggiorata. Perché l'oblio della valigetta era quasi preferibile rispetto al suo utilizzo come artificio comedy. Un oggetto che da 15 anni rappresenta una minaccia, la più chiara e imprevedibile che il main roster presenti. E che ora serve per strappare la risata a quello stesso uomo medio di cui sopra. Uno che crede che una coscia di pollo mezza addentata sia divertente. Ahah, il cibo, il grasso, ma quante risate.

Ora, l'errore è stato fatto e porvi rimedio non è certamente qualcosa di automatico. Ma proseguire in questo supplizio non si può. Fate incassare quella maledetta valigetta a Otis, perdendo, contro chi vi pare. Fosse pure il 24/7 Champion R-Truth. Oppure fategliela mettere in palio contro un avversario qualunque e assegnatela a un altro proprietario. Perché intanto è stata perfino spostata a Raw Mandy Rose, riprova definitiva che era stato sbagliato tutto. E ora manca l'ultimo passo: restituire dignità a quel Money in the Bank insultato con il solo scopo di solleticare le insicurezze dell'uomo medio.