The Worst For Business: debutto di Raw (e mio) su DMAX, le reazioni a caldo



by   |  LETTURE 6611

The Worst For Business: debutto di Raw (e mio) su DMAX, le reazioni a caldo

Buongiorno e benvenuti dal vostro SimoneSian a questo nuovo numero di TW4B, la rubrica che mette a confronto ciò che i fan vogliono con quello che effettivamente la WWE ed il wrestling in generale ci propongono. Poco fa si è conclusa la prima puntata di Raw trasmessa su DMAX!

Abbiamo dunque assistito al ritorno sulla televisione in chiaro del wrestling commentato in italiano dopo più di 10 anni e per chi non ha mai avuto Sky (come il sottoscritto) è stata sicuramente una serata molto importante ed emozionante, ma com'è andata? Sarà un numero molto particolare perchè, per la prima volta, scriverò i commenti "a caldo"

Non abbiamo ancora i dati né sappiamo il parere di nessuno, quindi mi sento obbligato a fare qualche precisazione. Non prendete ciò che dirò come verità assoluta, perchè vi darò il mio modesto parere da ragazzo che si occupa di wrestling web da anni, ma anche e soprattutto da semplice fan dello sport entertainment.

Inoltre parlerò solo del passaggio su DMAX, quindi tralasciando il fatto che per Dplay ovviamente alcuni discorsi non avranno senso. Parlerò da persona che semplicemente ama la WWE. E nella consapevolezza che tante persone, fan e soprattutto non fan, non hanno intenzione di spendere per guardare il wrestling in tv.

Mettiamola così.

WWE in chiaro dopo anni: le prime impressioni

Devo essere onesto, quando ho letto i giorni e gli orari delle trasmissioni ho pensato che il tutto non avrebbe potuto funzionare. Insomma, riflettendoci un po' ero giunto alla conclusione che i veri fan della WWE probabilmente non sarebbero stati disposti ad aspettare quasi una settimana per vedere le puntate, mentre chi conosce poco o niente il prodotto probabilmente non avrebbe aspettato le 23.15 per guardarsi una puntata.

Successivamente sono arrivate le notizie delle repliche il sabato e domenica mattina e già le cose hanno iniziato a convincermi di più. Ora si è appena concluso il grande debutto, con gli immancabili Luca Franchini e Michele Posa al tavolo di commento.

Da fan risentire un episodio del mio show preferito interamente tradotto e commentato in italiano è stato davvero emozionante, nonostante alcuni fortunatamente non gravi scivoloni dei commentatori. Franchini che imita l'accento giapponese quando parlano le Kabuki Warriors, ad esempio, non mi è particolarmente piaciuto.

Ma sono gusti, e quindi è qualcosa di assolutamente personale. Oltre questo, però, onore a coloro ai quali comunque è affidato il compito di riportare il nostro sport preferito al top in Italia. Molto strano anche il fatto che sia stato completamente tagliato tutto il segmento della presentazione della nuova cintura degli Stati Uniti, decisione che sicuramente farà scalpore tra chi questa puntata l'aveva già vista in lingua originale.

WWE su DMAX: nuovi fan per la disciplina?

Penso però che il motivo principale per cui dobbiamo sperare che la WWE su DMAX dia ottimi risultati è quello che possa far aumentare i fan italiani della disciplina, proprio come fece nell'ormai lontano 2003, quando conquistò me e molti altri grazie al passaggio su Italia 1, divenendo uno degli sport più seguiti dai ragazzi per qualche anno.

Insomma, la vera domanda è: la WWE, così posizionata nel palinsesto, può davvero attirare nuovo pubblico? Da reporter di questo sito, devo ammettere che spesso la cosa peggiore da fare è quella di dover seguire i promo in inglese-americano, con l'aggiunta di parole in slang.

Quindi, mettendomi nei panni di uno che non ha mai seguito la WWE, mi rendo conto che forse vederli parlare in americano mentre faccio zapping non mi convincerebbe a fermarmi sul canale 52 del digitale terrestre. Come vi ho già detto, ero molto scettico e non ero nemmeno sicuro di voler seguire l'episodio (che tra l'altro avevo già visto 6 giorni fa).

Ma soffermandomi un attimo mi sono reso conto che in fondo la mia voglia di vederla è aumentata spropositatamente e molto in fretta. Avere in tempo reale la traduzione di tutti i promo e capire velocemente le storyline grazie anche ai commentatori, che inoltre riempiono con qualche curiosità i tempi morti, mi ha intrigato.

Inoltre ho notato che molti volti che in qualche modo sono rimasti nell'immaginario collettivo sono effettivamente ancora presenti, il che sicuramente è un bene. Nella puntata di Raw trasmessa poco fa, anche i vecchi fan che avevano perso interesse hanno potuto rivedere gratuitamente i loro idoli di qualche anno fa, tra cui in particolare Rey Mysterio, Big Show, Randy Orton e Bobby Lashley.

Come ultima riflessione vi riporto ad un altro numero di questa rubrica. Come avevo già scritto, ultimamente il wrestling sta facendo spesso parlare di sè anche in modi alternativi, al di fuori del ring. The Rock è ormai ovunque ed alcuni rumor lo vogliono addirittura vicino ad essere il prossimo Presidente degli Stati Uniti, John Cena sarà presto protagonista di "Fast and Furious", il già citato Big Show ha fatto un successone con la sua sitcom e presto arriverà la biopic su Hulk Hogan.

Tutti questi fattori, uniti al ritorno in chiaro degli show di Stamford, aiuteranno a riportare l'interesse degli italiani verso questa disciplina? Lo vedremo con il tempo. Noi, ovviamente, facciamo il tifo e vi invitiamo a collegarvi su DMAX per gustarvi gli episodi in italiano. Anche se, probabilmente, li avrete già visti prima in qualche altro modo.