The Prizewriter - AAA WWE Main eventers: WANTED, part 3



by   |  LETTURE 1114

The Prizewriter - AAA WWE Main eventers: WANTED, part 3

Ed eccoci arrivati all'ultima edizione speciale del PrizeWriter sui main eventer della WWE. Dopo aver analizzato la pochezza di nomi con uno status elevato del main roster non potevamo andare a parlare di quelli che muovono i propri passi ad NXT. In quello che è certamente il prodotto di maggiore qualità trasmesso dal colosso mondiale del wrestling. Paradossale come poi invero quasi nessuno dei personaggi che avevano un enorme successo ad NXT, come personaggi principali dello show oro e nero, si sia confermato a quegli alti livelli dopo la chiamata a RAW e SDL. L'unico è Rollins, con la recente, e vedremo se duratura, aggiunta all'esclusivo club di McIntyre. Per i vari Zayn, Owens, Balor, Nakamura, Joe, Black, ma anche Baszler e Belair, possedere uno status consolidato è una chimera.
Quindi ci toccherà considerare la rilevanza attuale del soggetto, ma anche quella in prospettiva di una promozione. Quindi estremamente a rischio.

Iniziamo dalla competizione maschile.
Sono molti i personaggi di spicco della divisione. Fin troppi. Infatti si auspica un giro di promozioni a breve. Ma iniziamo da coloro che rappresentano più di chiunque altro la storia dello show del mercoledì  sera. Stiamo parlando degli ex DIY. Johnny “Wrestling” Gargano e Tommaso Ciampa. I due character italoamericani. Fratelli di mille battaglie prima, e poi fratricidi assetati di vendetta. La loro infinita rivalità è una delle più intense del panorama recente, e i loro match hanno fatto la storia. Potranno anche uscire con le ossa rotte dall'ultimo TakeOver, ma il loro status, e la nostra riconoscenza nei loro confronti, non possono venire intaccati. Si spera solo che continuino ad infiammare il loro ring oro e nero ancora a lungo, anche perché per loro ruoli di primo piano nel main roster paiono difficili. E non potremo mai stancarci delle loro gesta il mercoledì sera, data la completezza e la poliedricità dei due assi.

Abbiamo poi il campione NXT più longevo di sempre. Adam Cole. And that’s Undisputed!

Un performer che più complete di così non si potrebbe. Tecnica sopraffina, carisma alle stelle, personaggio azzeccatissimo. Perfetto per dominare NXT con i suoi sgherri della UE, ancora a lungo. Ma sarà all’altezza del main roster?

Ed il gioco di parole è voluto. Non è neanche così basso Adam, supera di poco l’1 e 80, come affermati Main eventer in WWE: Seth, AJ… Ma un conformazione fisica abbastanza minuta, e una testa invece molto sproporzionata in grandezza, lo fanno apparire molto più  basso e sgraziato. Per lui vedo un ruolo un po’ alla KO. Grandissimo performer, ma non abbastanza “da copertina” per il main event.

Abbiamo poi Keith Lee, che si sta confermando un pezzo da 90. Arrivato finalmente nel giro titolato massimo, pur senza avere perduto il titolo secondario, la WWE sembra davvero stravedere per lui. Nell’ultimo periodo si è di molto contenuto in ring, e non gli abbiamo più visto compiere i voli e le acrobazie che l’hanno reso famoso… Motivo in più per vederlo molto bene, limitato e dominante, nel main roster. Di tutti i nomi di NXT sembra quello più pronto per la promozione, e credo sia quello che abbia il futuro più roseo davanti. Anche se data la spocchia e l’espressività lo vedrei molto meglio come heel.

Discorso opposto per Finn Balor. fatta la storia dello show,e dopo un inizio grandioso a RAW, scelto come campione universale inaugurale, sappiamo tutti la sfortuna che lo colse. È che lo porto, a distanza di anni a capire di avere fallito il grande salto.

E a volere tornare sui propri passi, dove era diventato leggenda. Mentre a RAW e SDL era solo una controfigura del suo potenziale. L’inizio è scoppiettante, con il passaggio fra le file dei cattivi. Adesso, messo da parte il Demon King, è il Prince. un character né buono né cattivo, pronto a sfidare all’ultimo sangue chiunque gli si pari di fronte. Ed ora pronto a puntare il titolo. Per quello che ha significato per NXT, siamo di fronte AL main eventer, per eccellenza. Capace solo di garantire qualità. Ma tornerà mai nel main roster, e come? Rivedremo mai il demone? Queste domande sono di difficile risposta. E non fanno che aumentare l’interesse nei suoi confronti.

Ma andiamo avanti verso un ragazzo che recentemente ha dimostrato di non avere ancora fatto il passo in avanti necessario per passare dall’uppercard al main event di NXT.

Il sogno vellutato. Sebbene il presente non paia dei migliori, con una strana alleanza con Lumis che li porterà verso i titoli di coppia (??), e l’allontanarsi dal titolo massimo, il futuro è nelle sue mani. Il suo carisma è strabordante, come il talento in ring. Il personaggio è più unico che raro lo mette in pole position per un futuro radioso nel main. Main eventer ora? Non ancora. Main eventer futuro? Hell Yeah.

Ma.

Proiettandoci verso il futuro, ma neanche troppo, perchè il futuro è ora ad NXT chi ancora può ambire al ruolo di main eventer? Karrion Kross quel ruolo pare esserselo già preso dal suo travolgente esordio. Ha tutto per sfondare in WWE, ossia è enorme, di bell’aspetto, ha poco carisma, e poco talento in ring, e un personaggio e un contorno accattivante. Già qualcosa in più di Corbin dai! E poi soprattutto ha Scarlett!

Se in così poco tempo ha scalato le gerarchie di NXT, allora potrà aspirare al main roster di qui a poco. Ed il main event non sarà per lui una chimera.

Come nomi futuri non manca di certo la scelta. Anzi… Che imbarazzo…

Damian Priest, Cameron Grimes, Walter, Tyler Bate, Pete Dunne. Potrebbero tutti aspirare al main event dello show oro e nero,e poi chissà?

Ma andiamo alle ragazze! Quando avevo redatto l’editoriale riguardante RAW Charlotte Flair era ancora ad NXT. Non era mia intenzione ometterla. Quindi non spreco ulteriori parole per definire quella che a mio avviso è la migliore wrestler della storia. E sicuramente una se non la main eventer in senso assoluto della WWE intera.

A detronizzarla del titolo vinto a WMania ci ha pensato Io Shirai, nel match con anche la campionessa detronizzata da Charlotte: Rhea Rypley.

Stiamo parlando del meglio che la WWE ha da offrire per il futuro a tinte rosa.

Io è una performer fra le migliori al mondo in ring. Male or female. Il cambio di look, e di atmosfere la rendono forse la wrestler più sensuale ed affascinante al mondo.

Potrebbe la WWE riuscire a dilapidare tale potenziale? Non credo si possa arrivare a tanto.

Se parliamo di Rhea invece parliamo di una che pare nata per fare quello che fa. A 22 anni, con un personaggio che le pare cucito addosso, ed una capacità di bucare lo schermo con uno sguardo da attrice navigata. Se per Lee ero tranquillo a riguardo del suo futuro da main eventer, qua ne sono certo. Abbiamo di fronte il futuro indiscusso della divisione femminile WWE.

Anche qua per prendere il posto poi delle già citate migliori, la scelta non manca. Anche se c’è da fare più costruzione che nei maschietti. Ma Tegan Nox, Shotzi Blackheart, Dakota Kai, Raquel Gonzalez, e Chelsea Green hanno le carte in regola per un futuro al top del brand oro e nero. Più defilata una veterana come Candice LeRae. Che meriterebbe un giro al top col maritino, più di chiunque altra…

Insomma, il futuro di NXT è in buone mani, le promozioni nel main rimangono tasto dolente, ma ci auguriamo che in futuro potremo ammirare le vette toccate ad NXT, riproposte ad alti livelli dagli o dalle stesse!

Il viaggio nei main eventer WWE è terminato! Spero per lo meno di esservi stato di compagnia nei miei sproloqui! Alla prossima!!