The Worst For Business: WWE mainstream in Italia? Forse è il momento



by   |  LETTURE 8888

The Worst For Business: WWE mainstream in Italia? Forse è il momento

Buongiorno e benvenuti dal vostro SimoneSian a questo nuovo numero di TW4B, la rubrica che mette a confronto ciò che i fan vogliono con quello che effettivamente la WWE ed il wrestling in generale ci propongono. In un periodo in cui tutti ci sentiamo particolarmente patriottici e l'Italia dovrebbe restare più unita che mai, ho deciso di parlare proprio del nostro Paese e del rapporto che abbiamo con la WWE.

Da qualche giorno è stato confermato che è in fase di sviluppo un film dedicato alla vita ed alla straordinaria carriera di Hulk Hogan, interpretato dal Thor della Marvel Chris Hemsworth. Che sia l'occasione giusta per far tornare il wrestling davvero mainstream in Italia?
In America il wrestling è senza dubbio tra gli spettacoli più popolari, tanto che l'attuale presidente Donald Trump, protagonista per un periodo nemmeno così breve di una rivalità con il suo amico e consigliere Vince McMahon, ha chiamato anche il Chairman della WWE come consigliere per le azioni da attuare durante la pandemia mondiale in corso.

In Italia però le cose vanno molto diversamente e da ormai parecchi anni il wrestling nel nostro Paese è considerato uno sport piuttosto di nicchia, spesso messo da parte. Anzi, molti sono gli haters che lo ritengono uno sport in cui "Ci si danno botte finte e basta" oppure "Da bambini"

Da noi infatti il WWE Universe è cresciuto esponenzialmente negli anni compresi tra il 2003 ed il 2007, quando SmackDown era trasmesso su Italia 1, ma una volta chiuso quel periodo molti lo hanno gradualmente abbandonato.

Nell'ultimo periodo, però, alcuni episodi fanno ben sperare noi appassionati.
Recentemente infatti il nostro sport preferito si sta riportando pian piano davanti agli occhi del grande pubblico anche nel nostro Paese, grazie soprattutto al cinema.

Nel 2008 "The wrestler" con Mickey Rourke aveva affrontato il tema con un capolavoro del genere drammatico, ma rivolgendosi principalmente agli appassionati del grande cinema oppure a coloro che il wrestling già lo seguivano.

In questi mesi invece il film per bambini "Sognando il ring" e quello sulla vita di Paige "Una famiglia al tappeto" (nonostante la mia recensione non troppo positiva) hanno avuto un discreto successo tra i più piccoli, mentre la sitcom "The Big Show show" ha convinto quasi tutti, divertendo anche chi di wrestling ne capisce davvero poco o niente.

Solo in questo momento mi sono reso conto che praticamente questa sta diventando una rubrica di cinema, più che di wrestling, ma tralasciamo questo piccolo particolare. Oltre questi film direttamente incentrati sul Mondo del wrestling, non possiamo non citare The Rock, che ormai è uno dei Divi di Hollywood più famosi e che non disdegna di ricordare continuamente il suo passato da wrestler, e tutti sono in attesa di vedere John Cena protagonista del prossimo film della saga "Fast and furious"
Tra coloro che hanno parlato di wrestling in questo periodo anche alcuni tra i più famosi YouTuber: Victorlaszlo88 (aiutato in parte anche da noi di WorldWrestling.it) si è particolarmente appassionato al personaggio di The Fiend, dedicando un video al Demone ed uno alla Firefly Funhouse.

Altri suoi colleghi che hanno spesso dimostrato di seguire con piacere la WWE sono Yotobi, uno degli youtuber più seguiti a livello nazionale, e MikeShowSha, che ha in passato intervistato molti atleti, tra i quali gli attuali campioni Drew McIntyre, Becky Lynch e Braun Strowman.

Milioni di seguaci hanno dunque trovato sulla propria bacheca i volti dei nostri idoli, il che sicuramente non è un male, e magari anche dei non appassionati di wrestling hanno guardato i video per seguire i loro youtuber preferiti.


Ci tengo inoltre a ricordare che molti main eventer hanno origini italiane e la cosa potrebbe essere sfruttata al meglio. In primis Roman Reigns, la cui madre è originaria di un paesino vicino a Padova, ma anche Mandy Rose (Amanda Saccomanno) e Sonya Deville (Daria Berenato) hanno evidentemente qualcosa in comune con noi.

Inoltre Fabian Aichner è il primo wrestler al 100% italiano in WWE dai tempi di Bruno Sammartino. Non vorrei rovinarvi l'infanzia, ma i vari Nunzio e Santino di italiano avevano veramente poco.
Qualcosa si sta muovendo e, pochi giorni fa, la notizia bomba: Chris Hemsworth sarà Hulk Hogan!

Hemsworth è una star Hollywoodiana che tutti conosciamo grazie al suo ruolo di Thor nei film Marvel, ma anche vari film d'azione e sentimentali in cui ha dimostrato il suo talento recitativo a tutto tondo. Il vero punto focale su cui bisogna puntare per riportare in auge la WWE in Italia per me è uno: HULK HOGAN.

Hogan è un volto già conosciutissimo da chiunque al Mondo ed è senza dubbio colui che più di tutti rappresenta il wrestling, anche e soprattutto tra chi il wrestling effettivamente non lo ha mai seguito.

Insomma, tra i veri appassionati di wrestling c'è chi lo ama e chi lo odia per motivi più o meno condivisibili, ma se l'obbiettivo è colpire anche chi di wrestling non capisce nulla per convincerlo a tornare a seguire la WWE non c'è modo migliore.

Tra reality show, scandali, partecipazioni a film internazionali (indimenticabile il suo "Thunderlips" in Rocky 3) la Hulkamania ha regnato sovrana negli anni Ottanta e Novanta ed un suo ritorno in versione cinematografica potrebbe cambiare molte cose.

Nell'immaginario collettivo il wrestler professionale ha i capelli lunghi ed i baffoni gialli, non possiamo negarlo.
In conclusione, per quanto io non ami particolarmente l'Hulkster come persona, sicuramente come personaggio potrà far breccia nei cuori degli italiani e potrebbe essere l' "arma" decisiva per far tornare la WWE in Italia ai fasti di un tempo.

Voi cosa ne pensate? Incrociando le dita sperando che ciò che ho pronosticato si avveri, vi auguro una buona giornata. Alla prossima, un saluto, dal vostro SimoneSian.