WWE WrestleMania 36: i nostri pronostici (Seconda Parte)


by   |  LETTURE 5578
WWE WrestleMania 36: i nostri pronostici (Seconda Parte)

Benvenuti alla seconda parte dei pronostici di WrestleMania 36. Aleister Black vs Bobby Lashley:
La non disponibilità di molte Superstar ha portato alla creazione di questo match totalmente a caso. La WWE sta promuovendo questo come il primo scontro tra Aleister Black e Bobby Lashley come una scusa per l’organizzazione di questo match, ma non c’è un minimo di storia tra i due.

Nelle ultime settimane Aleister Black ha squashato in modo impressionante due jobber, ma ciò non toglie che non è stato costruito nemmeno un minimo di attrito con Bobby Lashley. Vincerà Aleister Black nella speranza che il 2020 abbia qualcosa di meglio in serbo per lui.
Vincitore: Aleister Black

SmackDown Tag Team Championship: Ladder Match: The Miz & John Morrison vs The Usos vs The New Day:
La WWE ha pensato di regalarci un bel Ladder Match a più coppie come contesa valida per i titoli tag di SmackDown, un match nel quale saranno coinvolti sei atleti che in un match del genere possono splendere.

Indubbiamente queste tre coppie sono le migliori che la divisione dello show blu può offrire e sarebbero in grado di costruire un ottimo incontro anche senza sfruttare questa stipulazione speciale. Purtroppo tutto l’hype che si potrebbe trovare è rovinato dai rumors che vogliono che The Miz non abbia partecipato alle registrazioni di WrestleMania.

Per correttezza non scriverò quale match si dice che abbia sostituito la battaglia per i titoli di coppia, ma certamente si tratta di una delle modifiche in negativo che la federazione ha dovuto riportare alla card del Grandest Stage of Them All.

Pronostico la conferma dei campioni solo perché, probabilmente, i titoli non saranno in palio.
Vincitori e ancora campioni: The Miz & John Morrison

Intercontinental Championship: Sami Zayn vs Daniel Bryan:
Questo si prospetta come un ottimo match, purtroppo posizionato nella parte bassa della card.

Nonostante la rivalità con Braun Strowman sia finita in modo strano, Sami Zayn e la sua cricca hanno subito cambiato target e si ritrovano a difendere il titolo intercontinentale da Daniel Bryan, accompagnato dal suo nuovo alleato Drew Gulak.

Sono molto contento che questi due atleti abbiano un match singolo a WrestleMania, ma mi sarebbe piaciuto se la loro storyline fosse stata esplorata un po’ di più e se avesse avuto una maggiore tridimensionalità rispetto alla semplice battaglia campione-sfidante.

Il problema è che Sami Zayn non è stato per niente costruito come campione, tanto che io stesso, da suo fan, mi ritrovo sorpreso della scelta di portare lui con la cintura alla vita a WrestleMania piuttosto che Shinsuke Nakamura.

Nonostante Daniel Bryan potrebbe riportare un po’ di lustro ad una cintura bistrattata negli ultimi mesi, questo incontro mi sembra troppo improvvisato e penso che il regno di Sami Zayn non sia iniziato per finire in questo modo dopo aver dato così poco.
Vincitore e ancora campione: Sami Zayn

SmackDown Women’s Championship: Bayley vs Lacey Evans vs Tamina vs Naomi vs Sasha Banks:
Questo era veramente l’anno perfetto per organizzare un match tra Bayley e Sasha Banks, ma alla fine ci ritroviamo solo con un Fatal 5-Way ad eliminazione che coinvolgerà anche Lacey Evans, Naomi e Tamina.

Con il senno di poi, conoscendo le condizioni sotto le quali si svolgerà WrestleMania 36, meglio spostare lo scontro tra le due amiche a SummerSlam, ma questa contesa mette in luce tutte le difficoltà nel gestire la divisione femminile di SmackDown, che per tutto il 2019 ha dato veramente poco.

Secondo me sono ancora Sasha e Bayley a giocarsi la vittoria finale: da una parte la campionessa potrebbe allungare il suo regno per poi arrivare in seguito ad uno split con The Boss, dall’altra quest’ultima potrebbe sorprendere l’amica diventando colei che interrompe il suo interminabile regno da campionessa.

Di certo il secondo è uno scenario da WrestleMania, ma è veramente adatto a questa WrestleMania? Data la poca considerazione di cui sta godendo questo match, è possibile che la WWE decida di riproporre il tradimento tra Sasha e Bayley in tempi migliori e con modalità più convincenti? Io credo di sì, e se si vuole allungare la narrazione Bayley necessita di vincere.

Attenzione, non è detto che non sia proprio la campionessa a tradire l’amica, spostando più avanti nell’anno solo il cambio di titolo.
Vincitrice e ancora campionessa: Bayley

NXT Women’s Championship: Rhea Ripley vs Charlotte Flair:
Questo è un match veramente difficile da pronosticare, forse il più incerto dell’intera card.

Si tratta di uno di quei match che più di altri mi dispiace che non si svolga all’interno di uno stadio come inizialmente previsto. Da una parte abbiamo Rhea Ripley, stella promettente che negli ultimi mesi ha stravolto NXT e che si è già tolta qualche soddisfazione nel main roster nel periodo di Survivor Series.

Dall’altra abbiamo Charlotte, il volto della divisione femminile che, nel bene o nel male, gira sempre intorno a qualche titolo. La WWE ci sta raccontando la classica storia dell’underdog inesperto che si prepara ad affrontare la sua più grande sfida, ma non sono sicuro che in questo caso si arrivi ad un lieto fine.

Rhea Ripley ha avuto molto nell’ultimo periodo e forse sconfiggere Charlotte sarebbe un po’ troppo; inoltre, siamo così sicuri che la compagnia abbia intenzione di mostrare la sua stella più lucente, la vincitrice della Royal Rumble, come sconfitta da una semi-debuttante che è ancora a NXT? È vero anche che dare il titolo di NXT a Charlotte sarebbe un problema per il brand nero-giallo, perché prima o poi qualcuno glielo dovrà levare e torneremmo al problema iniziale.

Potrebbe essere la Ripley stessa a riprendersi il titolo in futuro, ma in questa WrestleMania penso che The Queen si aggiudicherà la contesa, specialmente ora che non ci sarà un folto pubblico ad esultare per l’eventuale impresa di Rhea Ripley.
Vincitrice e nuova campionessa: Charlotte Flair

Boneyard Match: AJ Styles vs The Undertaker:
Undertaker torna a competere a WrestleMania e lo fa in un match unico a cui è stato dato il nome di Boneyard Match.

Il suo avversario sarà AJ Styles, colui che ha condotto una rivalità diversa da quelle a cui ci ha da sempre abituato il becchino: niente mind games, niente effetti di luci o apparizioni improvvise, ma una storyline basata sulla vera vita di Undertaker, sull’uomo Mark Calaway, piuttosto che sul suo iconico personaggio.

Una scelta strana che si è rivelata intelligente, perché ha dato un briciolo di novità ad una rivalità che sarebbe potuta risultare datata e di scarso interesse. Ormai il personaggio di Undertaker è stato definitivamente sdoganato, specialmente dopo tutte le apparizioni off-character dell’ultimo anno, perciò la WWE ha fatto bene a rimanere al passo con i tempi.

Ciò che è stata sdoganata è anche la sua imbattibilità a WrestleMania, specialmente dopo la sconfitta con Roman Reigns, quindi AJ Styles potrebbe seriamente avvicinarsi alla vittoria, specialmente ora che The Phenom è stato ridotto allo stato di puro uomo.

Tuttavia credo che Undertaker si aggiudicherà questo particolare incontro, che sarà simile a quello tra Bray Wyatt e John Cena a livello di produzione ma che sarà ambientato in un cimitero, dove i due partecipanti daranno vita ad una vera rissa da strada.
Vincitore: The Undertaker

Universal Championship: Goldberg vs Braun Strowman:
“Abbiamo Breaking News gente, Elias sarà a WrestleMania nonostante l’attacco di King Corbin.

E… ah sì, Goldberg se la vedrà ora con Braun Strowman”. Questo è stato l’annuncio della WWE circa il forfeit di Roman Reigns. Era un annuncio che andava fatto perché ormai tutti sapevano di questo imprevisto e persino Triple H e Roman Reigns stesso l’avevano confermato, ma non c’è stato il minimo tentativo di costruire un qualsiasi tipo di attrito tra il campione e Braun Strowman, neanche con un video registrato.

Per come sono strutturati gli incontri di Goldberg, il Monster Among Men rappresenta anche una sfida interessante, ma non è quello che il pubblico voleva vedere e l’ufficialità arrivata solo alla vigilia dell’evento non aiuta.

Personalmente, avrei svolto John Cena vs Bray Wyatt nella prima sera per poi far scontrare il vincitore con Goldberg: pensate che bel momento sarebbe stato vedere The Fiend di nuovo con il titolo dopo i tristi avvenimenti di Super ShowDown.

Per quanto riguarda il pronostico mi sento di dire che Da Man si terrà il titolo universale: l’idea non è allettante ma dopo tutte le volte in cui Strowman ha fallito l’incasso ad un titolo massimo sarei veramente sorpreso di vederlo nelle vesti di nuovo campione con queste circostanze.

A questo punto molto meglio allungare il regno di Goldberg fino a quando la programmazione non riprenderà la sua normalità e fino a quando potrà essere riorganizzato il match contro Roman Reigns.
Vincitore e ancora campione: Goldberg

WWE Championship: Brock Lesnar vs Drew McIntyre:
Grazie all’esclusione di Roman Reigns il match per il titolo WWE sarà sicuramente il main event della seconda serata di WrestleMania, una posizione che doveva essere sua di diritto fin dal principio.

Io sono uno di quelli che era rimasto felicemente sorpreso dalla prestazione di Drew McIntyre alla Royal Rumble ma che non credeva che sarebbe stato possibile per lui sconfiggere Brock Lesnar allo Showcase of the Immortals.

Devo dire che durante questi mesi mi sono ricreduto: il wrestler scozzese è stato costruito veramente bene e si presenta come la peggiore minaccia per The Beast. Tutti i segmenti andati in onda a Raw sono stati efficaci e la storia che stanno raccontando è palesemente quella che vedrà che McIntyre sconfiggere Lesnar.

Però si sa, non si può mai dare Brock Lesnar sconfitto a priori e questa emergenza potrebbe costringere la WWE a rivedere i propri piani e a proporre una difesa del campione. Tuttavia l’avanzamento della storyline è stato così convincente e lineare che credo che la federazione vorrà dare al pubblico a casa una grande gioia come la consacrazione di Drew McIntyre e la caduta di Brock Lesnar.

Lode a come è stata portata avanti la storyline: adeguata, convincente ed efficiente; una storia vecchio stile che vede chiaramente la firma di Paul Heyman.
Vincitore e nuovo campione: Drew McIntyre

È difficile commentare questa WrestleMania nel complesso, perché siamo intrappolati in una situazione surreale, dalla quale neanche la WWE (nonostante i tentativi) ne è immune.

Continuare o rimandare? Non è una scelta che ci compete: indubbiamente le condizioni a cui si deve sottostare ci convincono dell’idea che sarebbe stato meglio posticipare il Grandaddy of Them All, ma sul come ci sono tantissimi punti interrogativi ai quali nessuno di noi sarebbe in grado di rispondere.

Ovviamente l’hype un po’ manca, sia per il tipo di spettacolo che ci viene proposto sia per ciò che accade nelle nostre vite private quotidianamente. WrestleMania 36 è da prendere come una piccola parentesi che ci può regalare dei bei momenti, che è poi la principale ragione attraverso la quale la WWE si propone di portare questo spettacolo nelle nostre case.

Dispiace perché, a mio parere, la card è veramente buona: i match principali, ossia quelli costruiti da tempo e non modificati, sono all’altezza di una grande edizione di WrestleMania e sarà un peccato non vederli messi in scena in un grande stadio pieno di pubblico.

Voglio anche lodare la compagnia per questa Road to WrestleMania: per la prima volta in anni, i match sono stati pubblicizzati e costruiti non solo sullo star-power ma soprattutto sulle rivalità, attraverso delle storie solide e non scontate ed attraverso segmenti molto intensi.

Con queste parole vi saluto e mi auguro che WrestleMania 36 possa portarvi un po’ di allegria e spensieratezza, con la consapevolezza che torneremo presto alla nostra normalità e al wrestling per come lo conosciamo.