WWE TLC 2019: i nostri pronostici


by   |  LETTURE 4142
WWE TLC 2019: i nostri pronostici

Siamo giunti all’ultimo PPV in casa WWE del 2019. Arrivato un po’ dal nulla, TLC presenta una card priva di match imperdibili, ma che proprio per questo potrebbe regalare uno show soddisfacente, viste anche le scarse aspettative alla vigilia.

D’altronde si sa, il PPV di dicembre manca sempre di quel guizzo che, invece, tende a tornare con l’inizio del nuovo anno. Ma non perdiamo tempo e partiamo con l’analisi e i pronostici dell’edizione 2019 di TLC: Tables, Ladders and Chairs.

Raw Tag Team Championship: The Viking Raiders vs ???:
Come annunciato a WWE Backstage (neanche a Raw…), i Viking Raiders risponderanno a una Open Challenge a TLC e metteranno i propri titoli in palio.

Visto che Erik e Ivar hanno sconfitto praticamente tutta la divisione di coppia dello show rosso, ho subito pensato che ci sarebbe stato un arrivo a sorpresa in questo match, ma poi ho capito chi saranno gli sfidanti: si tratta di The O.C., che a Crown Jewel è diventato il “miglior tag team al mondo”, riuscendo anche nell’impresa di sconfiggere i campioni.

Siccome Anderson e Gallows non hanno mai ricevuto una title shot dopo tale evento, credo saranno loro due a presentarsi domenica notte, ma il loro tentativo non avrà successo. Infatti i Raiders manterranno le cinture aggiungendo altre vittime al loro regno del dominio.

In particolare, penso che i Viking Raiders rimarranno campioni almeno fino ad uno scontro con gli AOP, che stanno costruendo come un tag team veramente temibile.
Vincitori e ancora campioni: Viking Raiders

Aleister Black vs Buddy Murphy:
A molti questo match potrebbe sembrare casuale e non degno di un PPV, ma io sono contentissimo che l’incontro tra Buddy Murphy e Aleister Black godrà di questa esposizione, sia perché sono un grande fan di entrambi gli atleti, sia perché ne potrebbe uscire un buonissimo match, forse uno dei migliori dell’anno in WWE.

È vero, la costruzione del feud è banale e sa molto di Kickoff, però con un giusto minutaggio e con la giusta intensità la federazione potrebbe farci un bel regalo di Natale anticipato. E se il match dovesse riuscire a coinvolgere il pubblico e i telespettatori questo sarebbe un ottimo passo in avanti per le due Superstar protagoniste che, essendo in rampa di lancio, hanno disperato bisogno di accrescere la propria popolarità.

Sembra che si stia puntando su entrambi, ma penso che in questo frangente la vittoria andrà a Aleister Black, che più di tutti non può permettersi una sconfitta, non dopo tutti i promo registrati nell’ultimo anno.

Spero che questa sia la volta buona che Black venga lanciato come una vera star, con storyline sempre più importanti nel futuro; per quanto riguarda Buddy Murphy, spero che questa sconfitta non lo penalizzi troppo.
Vincitore: Aleister Black

SmackDown Tag Team Championship: Ladder Match: The New Day vs The Revival:
La sospensione di Robert Roode è stata decisiva per la creazione di questo match che, a dirla tutta, abbiamo visto troppe volte negli ultimi mesi.

È vero, i Revival non hanno mai avuto una chance seria di riprendersi le cinture, ma sulla carta questo non era un incontro che mi invogliava a vedere il PPV. Questo fino a che la WWE non ha deciso di rendere la contesa un Ladder Match.

La rivalità rimane poco entusiasmante, ma questo tipo di match è ciò di cui la divisione di coppia ha bisogno e questi due team sono gli unici che potessero usare il match con le scale nel modo migliore possibile.

Sarà, dunque, interessante vedere cosa ne verrà fuori e le mie aspettative sono piuttosto alte. Difficile pronosticare i vincitori, con entrambe le coppie che potrebbero uscire da TLC con i titoli alla vita; vado con il New Day, perché sono campioni da appena un mese e perché questo è l’unico ruolo che, al momento, Big E e Kofi Kingston possono ricoprire.
Vincitori e ancora campioni: The New Day

Tables Match: Rusev vs Bobby Lashley:
Da dove cominciamo… la rivalità tra Rusev e Bobby Lashley ha completamente diviso l’opinione pubblica ed ha offerto segmenti che mai avremmo pensato di vedere su un ring di wrestling, specialmente nel 2019.

Nonostante alcune idee fossero veramente assurde, tendo a difendere questa storyline principalmente per il mio gusto dell’orrido, ma capisco chi non riesce a sopportarla. Un’osservazione, però, va fatta: grazie a questo feud Rusev è tornato over come ai tempi del Rusev Day (e forse con un personaggio meno bidimensionale), Lana è più odiata che mai e finalmente anche Bobby Lashley ottiene delle reazioni ben precise dal pubblico, sempre meglio di quell’anonimato che si portava dietro fino a qualche mese fa.

Buona l’idea di aggiungere una stipulazione speciale, che offre l’occasione di costruire un match più “estremo” tra questi due lottatori. Sono fermamente convinto che tutta questa fiera dell’assurdo non serva ad altro che a rendere le due Superstar rilevanti, quindi sostengo che questo primo scontro sarà vinto da Bobby Lashley, che ha bisogno di un’affermazione molto più di quanto ne abbia bisogno Rusev, il quale sarà comunque accompagnato dal sostegno del pubblico.
Vincitore: Bobby Lashley

Bray Wyatt vs The Miz:
Niente stipulazioni speciali, niente titolo in palio, niente The Fiend e niente luci rosse, solo un match classico ed una storyline scritta veramente bene.

Basta questo per vendere il prossimo incontro di Bray Wyatt, quello che alla vigilia risulta essere il suo primo nella versione Firefly Fun House. I segmenti con The Miz sono stati i migliori momenti delle ultime puntate di SmackDown (forse le uniche ragioni per cui seguire lo show) ed hanno dimostrato come questo nuovo personaggio di Wyatt abbia ancora tante risorse nascoste.

In realtà questo feud non è altro che un modo per allungare la rivalità del campione universale con Daniel Bryan, che con tutta probabilità tornerà poche settimane prima della Royal Rumble con un nuovo look ed una nuova attitudine.

Proprio per questo, The Miz non è altro che un piccolo ostacolo nel percorso di Bray Wyatt e gode di pochissime chance di vittoria. Sarà molto interessante vedere come sarà sviluppato questo incontro ma ho la sensazione che possa presentarsi a sorpresa The Fiend per sconfiggere l’A-Lister in una manciata di secondi.
Vincitore: Bray Wyatt

WWE Women’s Tag Team Championship: Tables, Ladders and Chairs Match: The Kabuki Warriors vs Becky Lynch e Charlotte Flair: Per il secondo anno consecutivo, Asuka, Charlotte Flair e Becky Lynch saranno sullo stesso ring in un TLC Match, ma questa volta abbiamo l’aggiunta di Kairi Sane e dei Women’s Tag Team Championships.

Il match ha tutte le carte in regola per risultare buono, ne abbiamo avuto prova già lo scorso anno, ma devo fare delle critiche sul come siamo arrivati a questo scontro. Non che mi dispiaccia non vedere il titolo di Raw in palio, perché effettivamente lo show rosso non ha alcuna sfidante credibile al momento, il problema è che la costruzione del match è stata troppo lenta ed ha subito un’accelerazione solo lunedì scorso; peraltro, la relazione di “amicizia” tra The Man e Charlotte non è stata minimamente spiegata e pare molto forzata.

Il pronostico è difficile: da una parte sembra che la federazione sia pronta a dare le cinture a Lynch e Flair per ravvivare la divisione femminile, ritirando fuori la storia di Becky 2 Belts, ma dall’altra credo (e spero) che questa rivalità serva solo a posizionare Asuka come prossima sfidante al titolo di Raw, magari per un incontro alla Royal Rumble.

Il match meriterebbe di essere il main event, ma ho paura che l’insuccesso di Survivor Series scoraggi la WWE a dare un altro main event di un PPV alle donne.
Vincitrici e ancora campionesse: The Kabuki Warriors

Tables, Ladders and Chairs Match: Roman Reigns vs King Corbin:
Sarà questo il main event di TLC 2019, lo scontro finale di quella che è stata la rivalità principale di SmackDown durante l’ultimo mese e mezzo.

Che possa piacere o no, questa storyline è stata perfetta per Roman Reigns, il quale è riuscito ad essere tifato come mai prima d’ora, mentre Baron Corbin si è ulteriormente consolidato come uno dei migliori heel della compagnia.

Si è trattata di una storia molto semplice ma scritta bene, che si è riuscita a riprendere anche da segmenti bruttini come quelli della mascotte del Big Dog e del cibo per cani. A mio avviso la stipulazione stona un po’ per il tipo di rivalità a cui abbiamo assistito, anche perché solitamente il TLC Match non termina per schienamento, ma capisco che sia stata una scelta quasi obbligata se veramente questo dovesse essere il main event della serata.

Vincerà Roman Reigns nonostante le intromissioni di Dolph Ziggler, con il Big Dog che ha bisogno di essere lanciato in modo molto credibile in vista della Royal Rumble, dove è uno dei maggiori favoriti alla vittoria della Rissa Reale.
Vincitore: Roman Reigns

TLC 2019 è un PPV che più di transizione non esiste e che è conforme alla nuova politica della WWE per gli eventi speciali di minore importanza: meno match decisivi, card annunciata a pochi giorni dallo show, pochi match titolati e tanto spazio al wrestling.

La vicinanza con Natale ed il periodo delle feste non aiuta TLC, che rischia di passare inosservato da quasi tutti. Alla fine la card non è neanche così pessima: ci sono due o tre match che potrebbero risultare godibili e che potrebbero salvare questa edizione del PPV di dicembre.

Sono tanti, però, i grandi lottatori lasciati fuori da questo evento: molti titoli non sono in palio, molte Superstar in rampa di lancio non hanno trovato spazio per un match, molte storyline non erano ancora pronte per un incontro in PPV, vedi AJ Styles vs Randy Orton, Bayley vs Lacey Evans e soprattutto Kevin Owens vs Seth Rollins.

Sicuramente non siamo alla vigilia di un evento imperdibile e memorabile, ma spero che la compagnia sfrutti questo show per continuare l’attenta costruzione di alcune Superstar, perché dopo le feste sarà già tempo di Royal Rumble e quindi di Road to WrestleMania.

P.S.: ci siamo finalmente liberati del Chairs Match!!! Con questo è tutto, auguro un buon TLC a tutti e la prossima volta che risentiremo sarà già per la stagione di wrestling più interessante dell’anno.