Bank Statement – Che la festa abbia inizio!


by   |  LETTURE 511
Bank Statement – Che la festa abbia inizio!

In effetti è proprio il caso di festeggiare e brindare all’inaspettato: senza preavviso, senza alcuna costruzione, nel finale di Monday Night Raw si è svolto un Women’s Tag Team Fatal 4-Way Championship Match tra le campionesse in carica, ovvero le IIconics, le Kabuki Warrios, il duo Fire ‘n Desire composto da Mandy Rose e Sonya Deville, e infine la strana coppia, ovvero Alexa Bliss e Nikki Cross.

E come per magia, proprio il duo più improbabile arriva fino in fondo con The Goddess che schiena Kairi Sane ottenendo l’unico titolo del main roster che ancora le mancava. Adesso sta a lei e alla sua nuova amica scozzese portare alla ribalta i titoli di coppia femminili e dare loro quel prestigio che manca nonostante le prime campionesse siano state due Horsewomen come Sasha Banks e Bayley, prima di finire ostaggi del duo australiano.

Conoscendo Alexa Bliss sappiamo per certo che i suoi segmenti sono sempre tra quelli che riescono ad intrattenere maggiormente il pubblico, sia che si tratti di un match, sia di un talk show sullo stage, e avendo accanto una scheggia impazzita come Nikki Cross non c’è dubbio che l’interesse possa solo aumentare.

La speranza è tutto ciò aiuti proprio i titoli ad acquisire rilevanza nei mesi a venire, in attesa di nuove avversarie di rilievo. In tutta questa storia c'è solo un rimpianto: il non aver programmato tutto questo proprio per SummerSlam.

Il resto della programmazione settimanale in WWE offre un solo spunto di riflessione degno di nota: Natalya. A dimostrazione del fatto che per creare segmenti di qualità servono atleti e superstar di qualità, The Queen of Hearts ha dimostrato ancora una volta, qualora ve ne fosse bisogno, che quando c’è talento si riesce a passare tranquillamente da buoni a cattivi in pochi secondi, ed essere lo stesso applauditi.

La canadese è attualmente considerata face, eppure nel match di Raw in cui faceva coppia con Trish Stratus contro Charlotte Flair e Becky Lynch, riesce a farsi squalificare per non aver mollato la sua Sharpshooter applicata a Becky che era aggrappata alle corde.

Non contenta, Nattie vuole infierire sulla campionessa trascinandola a centro ring ma Trish interviene per separare le due. Tuttavia ciò non è visto di buon occhio da Natalya che spintona malamente via la sua connazionale.

Di certo non un comportamento da babyface. Eppure il pubblico ci sta, prima si stupisce e poi applaude tutto. Il segmento è talmente buono che la sera successiva si replica a SmackDown, dove stavolta la vittima è Ember Moon, attaccata fuori dal ring e bloccata anche lei nella Sharpshooter fino al count out dell’arbitro.

A salvare the War Goddess nientemeno che la sua avversaria a SummerSlam, Bayley, anch’essa spintonata da Natalya. Con queste premesse è lecito aspettarsi un signor match tra Natalya e The Man in quel di Toronto tuttavia, a meno di un improbabile ritorno di Ronda Rousey, dubito che Becky Lynch possa lasciarsi sottomettere così facilmente, pertanto pronostico una vittoria per l’attuale campionessa.

Stesso risultato per il titolo di SmackDown: nonostante le buone prestazioni delle ultime settimane Ember Moon non ha ancora uno status tale da poter ambire a scalzare Bayley dal suo trono, in attesa che lo stesso venga reclamato da una certa Queen.

Charlotte Flair, infatti, ha in programma a SummerSlam un match stellare contro Trish Stratus ed è molto probabile che l’incontro sia un passaggio della torcia generazionale. Se così dovesse essere è chiaro che Charlotte non potrà far altro che reclamare il suo trono a SmackDown.