NXT: The Future Is Now #9 - Ready for Toronto


by   |  LETTURE 980
NXT: The Future Is Now #9 - Ready for Toronto

Siamo finalmente giunti ad uno dei TakeOver più importanti dell’anno, quello che si svolgerà questo sabato notte nel weekend di SummerSlam, ospitato per l’occasione dalla città di Toronto.

Dopo ben quattro anni di spettacoli a Brooklyn, la WWE ha deciso di cambiare destinazione per il weekend più caldo dell’estate e di conseguenza NXT tornerà per uno speciale in Canada per la seconda volta.

Abbiamo davanti a noi una card leggermente più lunga del solito e basata sulla ricostruzione di NXT di cui abbiamo parlato il mese scorso. Analizziamo, dunque, ogni match di NXT TakeOver: Toronto. Iniziamo con la finale del Breakout Tournament che ha visto otto debuttanti sfidarsi in un torneo ad eliminazione diretta per guadagnare una chance ad un titolo a propria scelta e, soprattutto, per farsi conoscere nel modo giusto dal WWE Universe.

Ho già avuto modo di dire che questa è stata una grande idea ma, eccetto per il primo match tra Angel Garza e Joaquin Wilde, i singoli incontri non sono stati così entusiasmanti e tutti i lottatori sono stati proposti come dei semplici mid-carder.

La finale si disputerà in un palcoscenico molto importante e vedrà scontrarsi Cameron Grimes (l’ex Trevor Lee) e Jordan Myles (l’ex ACH), un match nel quale spero che tutti e due riescano a dare il massimo, presentandosi al meglio anche ai fan più occasionali che ancora non li hanno visti in azione.

Nonostante le gimmick poco definite e le movenze fastidiosissime di Jordan Myles, credo che entrambi avranno una discreta carriera a NXT e al momento vedo Cameron Grimes come più slanciato. Tuttavia sostengo che la vittoria finale andrà a Jordan Myles ed il motivo sarà più chiaro con le mie prossime considerazioni.

Credo, infatti, che ci sarà un cambio di titolo nel triple threat match con in palio l’NXT North American Championship. Il ritorno di Pete Dunne nel brand nero-giallo simboleggia una difficoltà nel trovare nuovi e credibili avversari per Velveteen Dream, che detiene la cintura da ormai più di sei mesi; nonostante la crescita di personaggi quali Keith Lee, Dominik Dijakovic e Damien Priest, il campione nord-americano non ha più avuto uno sfidante all’altezza e negli ultimi mesi solo la breve parentesi con Tyler Breeze ha revitalizzato la cintura.

Secondo la mia teoria, siamo pronti ad assistere all’inizio del regno di Roderick Strong, membro dell’Undisputed Era troppo spesso sottovalutato e che è tornato a far parlare di sé dopo la sua meravigliosa performance contro Matt Riddle a NXT TakeOver: XXV.

Siccome, però, un match singolo tra Velveteen e Roderick non avrebbe venduto abbastanza, Pete Dunne è stato aggiunto alla contesa; questo creerà anche l’occasione per organizzare un finale poco chiaro, con Roddy che ne uscirà da campione a seguito di un’azione confusa.

A questo punto, penso che Jordan Myles, che è stato presentato come un babyface, sfiderà Roderick Strong per la cintura nord-americana. La stipulazione del triple threat consentirà, comunque, al match di essere altamente godibile e all’altezza di uno show del genere nonostante la costruzione debole e frettolosa.

Per la prima volta in due anni, NXT ci regalerà uno speciale della serie TakeOver che comprenderà due match femminili, e direi che questa volta era veramente inevitabile. Candice LeRae cercherà vendetta nei confronti di Io Shirai, l’ex amica che l’ha tradita dopo aver perso anche l’ultima chance che aveva a disposizione per vincere l’NXT Women’s Championship.

Credo che queste due atlete siano le migliori che la divisione femminile di NXT possa offrire e sarebbe stato veramente un peccato escludere questo incontro dalla card finale dell’evento. Il nuovo personaggio di Io Shirai da heel sembra funzionare ed ha bisogno di essere sviluppato ancora di più, mentre per Candice LeRae si tratta del primo vero e proprio feud a NXT, dopo mesi e mesi in cui è rimasta impantanata nelle storyline di Johnny Gargano.

Credo che l’ultima parola in questa rivalità la avrà Candice, che la vedo proiettata come non mai alla rincorsa del titolo femminile, ma se ci dovessero essere più match tra le due, dubito fortemente che riesca a vincere il primo.

Mi sarebbe piaciuto vedere un match senza squalifica tra Candice LeRae e Io Shirai date le loro doti nei match “extreme”, una stipulazione che potrebbero anche usare per una potenziale rivincita nelle prossime settimane; in questo caso, pronostico una vittoria della giapponese questo sabato.

Devo dire che ho una certa attesa per questa contesa e spero che queste due atlete ci regalino uno spettacolo da ricordare. Bobby Fish e Kyle O’Reilly tornano alla caccia ai titoli di coppia sfidando gli attuali campioni, gli Street Profits, freschi freschi di apparizioni a Raw.

Diciamo che la categoria tag team sta vivendo un periodo di crisi anche a NXT, dove mancano delle vere coppie e dove la più credibile è rappresentata dall’Undisputed Era che, però, ha già avuto i titoli alla vita per ben due volte.

Dopo l’addio dei Viking Raiders sembrava che il brand nero-giallo avesse deciso di puntare su Montez Ford, Angelo Dawkins ed il loro grande carisma, ma sembra che l’arrivo di Paul Heyman come Direttore Esecutivo di Raw abbia velocizzato le apparizioni dei due nello show del lunedì sera; è vero che quello degli Street Profits a Raw non è considerato ancora come un vero e proprio debutto, ma se sono in diretta ogni settimana è perché il creative team li sta presentando al WWE Universe e quindi presumo che presto inizieranno anche a lottare a Raw, magari già dopo SummerSlam.

Quindi sembra che ci sia già il bisogno di nuovi campioni di coppia a NXT, dopo poco più di due mesi. La scelta sembra sia ricaduta su Fish e O’Reilly. Certo, sembra un bel passo indietro per le storyline (non fraintendetemi, i due sono due fenomeni sul ring e nell’extra ring), ma un nuovo regno dell’Undisputed Era potrà essere molto utile a ricostruire una divisione di coppia che sembra decisamente persa.

Attenzione perché il match di sabato potrebbe essere qualitativamente sorprendente. Shayna Baszler difenderà l’NXT Women’s Championship dall’assalto di una determinatissima Mia Yim, che dopo delle vittorie importanti (soprattutto su Bianca Belair) ha attaccato Marina Shafir e Jessamyn Duke sfidando ufficialmente la campionessa.

Il regno del terrore (non perché sia orrendo, anzi) della Queen of Spades supera, dunque, la minaccia di Io Shirai e si appresta ad affrontare un ostacolo da una parte inaspettato: Mia Yim non è di certo l’avversaria che avremmo immaginato per uno degli eventi più importanti dell’anno ed anche la sua costruzione è stata poco convincente.

Certo, la storyline vuole che la coppia Shafir-Duke sarà assente a Toronto e che Shayna Baszler dovrà vedersela da sola contro la sfidante, ma l’idea che ho alla vigilia della contesa è che questa sia sostanzialmente una difesa titolata di transizione; sarei estremamente sorpreso di vedere Mia Yim uscire da TakeOver indossando la cintura, e non ne sarei neanche contento perché questa lunghissima supremazia della Baszler merita di terminare in un modo ben più epico.

Credo che l’intenzione sia di aspettare che Candice LeRae abbia finito la sua rivalità con Io Shirai per darle una seria opportunità titolata, o che la WWE stia aspettando il ritorno di Dakota Kai, che ha già una storia alle spalle con Shayna Baszler.

Fosse stato per me, avrei organizzato un triple threat che comprendesse anche LeRae e Shirai. Spero che il match possa comunque garantire spettacolo e che serva anche per porre Mia Yim sotto una luce diversa, perché, fino ad adesso, il suo percorso a NXT non mi ha convinto per niente.

Arriviamo al main event, un Three Stages Of Hell tra Johnny Gargano e Adam Cole: il primo match sarà una contesa singola, il secondo sarà uno Street Fight, mentre la stipulazione del terzo, se necessario, sarà scelta direttamente dal General Manager William Regal.

Un modo creativo per chiudere questa rivalità, che riprende tutti gli step che hanno portato a questo scontro finale; dalla stipulazione del match “al meglio dei tre” (cenno a TakeOver: New Orleans), al match singolo nel quale il leader dell’Undisputed Era vinse la cintura (cenno a TakeOver: XXV), allo Street Fight, tipologia di match in cui Gargano ha già combattuto.

L’incognita sulla terza stipulazione speciale è piuttosto interessante, anche perché non dà per scontato il fatto che ci si arrivi per forza e rende più imprevedibile l’intera contesa.

Sono rimasto, forse, un po’ deluso dalle scelte per i primi due match di Cole e Gargano, soprattutto perché la decisione di combattere sotto le regole classiche non è da un super cattivone come Adam Cole, ma siamo sinceri, questi due hanno già dimostrato di non aver bisogno di grandi aiuti da regole particolari per mettere in scena un capolavoro.

Il regno titolato del Panama City Playboy sta procedendo alla grande e non vedo alcun motivo per concluderlo qui, senza averlo sfruttato fino a fondo. Adam Cole è una grande risorsa per NXT, mentre Johnny Wrestling, si sa, funziona sempre meglio nel ruolo dell’underdog che insegue i suoi sogni.

Inoltre, credo nella difesa di Adam Cole per un motivo preciso: l’Undisputed Era chiuderà NXT TakeOver: Toronto con tutti i titoli alla vita. Penso che sia arrivato il momento di far guidare un intero show ad una stable che negli ultimi mesi si è dimostrata interessante e costantemente accattivante e la serata canadese segnerà l’apice della carriera a NXT di questi quattro lottatori, che raggiungeranno l’obiettivo che si erano posti all’inizio di questo 2019.

Se poi pensiamo che il prossimo TakeOver sarà War Games, vi lascio immaginare l’idea di un War Games Match con tutti i titoli maschili di NXT in palio. Date le magistrali performance che NXT ha regalato negli ultimi mesi, credo che anche questo TakeOver ci lascerà a bocca aperta, vista la capacità di questo brand di evolversi ed innovarsi continuamente, senza mai dormire sugli allori. Con questo, auguro un buon TakeOver e, più in generale, un buon weekend di SummerSlam a tutti.