APRON RING

WWE NIGHT OF CHAMPIONS 2015; LA REVIEW UFFICIALE

-  Letture: 731
by Gai Dillinger Maito

Buongiorno a tutti carissimi appassionati della storica WWE da Gai Dillinger Maito, oggi, come promesso darò la review dell'ultimo PPV della federazione, Night of Champions. Alla fine rimane sempre un PPV che porta avanto lo standard degli PPV precedenti, anche se i contesti sono molto più curati che nella prima parte dell'annnata, andiamo subito a vedere nel dettaglio; KEVIN OWENS SCONFIGGE RYBACK CONQUISTANDO L'INTERCONTINENTAL TITLE; Buon opener anche in questo caso, ed il plauso va dato ai partecipenti che sono riusciti a dare interesse all'incontro ed a rendere partecipe il pubblico tramite un incontro sulla norma, ma nulla più.

Ma il finale? In tanti speravano (anzi, speravamo) che l'ex Kevin Steen uscisse dal PPV con la cintura alla vita, e siamo stati ricompensati dando quindi nuova vita all'esperienza nel main roster di Kev dopo la faida con John.

Cintura soffiata ad un Ryback che ha sì dato anche lui impegno (anche grazie a lui il pubblico ha cominciato ad interessarsi al match) e non lo si può negare. VOTO; 6 RUSEV SCONFIGGE DOLPH ZIGGLER; Tralasciando il discorso sul noioso ed illogico feud che intercorre tra loro, dopo una prima parte abbastanza tediante ne è seguita un'altra nettamente meglio nell'attività, segno che anche quì almeno si è cercato di rendere buono un incontro contornato da un bruttissimo feud, fino al finale.

Dico ciò perché senza il finale (che getta altra benzina sul fuoco) i due avrebbero potuto fare ancora bene, ed al termine le cose restano incompiute e scombussolate. Che situazione. VOTO; 5 I DUDLEY BOYZ SCONFIGGONO VIA DQ IL NEW DAY PER I TAG TEAM TITLES; Io non metto in dubbio l'operato ottimo del New Day, ma è triste pensare che lo scenario attuale della divisione tag debba usufruire per forza delle "vecchie glorie" per acquisire interesse.

Detto questo, altro match quasi sufficiente caratterizzato dai segmenti comedy del New Day e dal lavoro dei Dudley's nel far salire il match di livello. Mi ripeto anche in questo caso, il finale arriva troppo presto e repentinamente imbastardendo l'incontro, in quello che è soltanto un pretesto per allungare la faida in vista di lidi più idonei.

Direi quasi un grosso angle. VOTO; 5,5 CHARLOTTE SCONFIGGE NIKKI BELLA CONQUISTANDO IL DIVAS TITLE; Ok che la frittata con Nikki è bella che cotta e quindi è ammessa qualsiasi cosa da quà in poi, ed ok che Charlotte era forse la candidata più idonea per essere la sfidante di Nikki al momento.

Io non so se l'infortunio di Charlotte fosse reale o fatto in kayfabe, ma nel caso della seconda ipotesi, era davvero necessario quel booking? Charlotte cade male sulla gamba d'appoggio dall'apron ring e avverte per tutto il match il dolore al ginocchio,e Nikki ne approfitta per sballottarla in lungo e in largo per alcuni minuti finché la agazza non si riprende e riesce a vincere il match.Ritmo molto lento, poco contenuto nel contempo e ripeto, se l'infortunio è fittizio è stato anche un brutto booking.

Però Charlotte ha vinto, almeno quello... VOTO; 5+ LA WYATT FAMILY SCONFIGGE ROMAN REIGNS, DEAN AMBROSE E CHRIS JERICHO; All'inizio pensavo che il terzo uomo dei face fosse il fan che avesse fatto irruzione nel ring (...) ma infine si è rivelato essere il rientrante Jericho, una decisione non così assurda e che ci può stare.

Incontro portato avanti in modo dinamico ed a passo sostenuto com'era prevedibile (soprattutto dal team dei face), seppur con azione sul ring non entusiasmante. Un 6 men tag quasi nella norma diciamo. Personalmente non avrei optato per QUEL finale che ha messo il match abbastanza in cattiva luce e voi lo sapete, ed io avrei optato per una vittoria basica degli heel, senza quell'incomprensione che però protegge gli ex segugi e rafforza l'alone attorno alla figura di Braun Strowman.

Sempre dal finale, vedremo se Jericho tornerà on screen a partecipare con loro, oppure (sensazione mia) il segmento dopo il match testimonia che Y2J avrà abbandonato la loro causa e si sia dissociato. VOTO; 6 JOHN CENA SCONFIGGE SETH ROLLINS CONQUISTANDO L'U.S.

TITLE; John Cena e Seth Rollins sul ring e fuori interagiscono che è una bellezza e questo è riprovato, quindi questo match non fa eccezione. Hanno messo in moto sin fal primo minuto in una ardua lotta ben combattuta e raccontata, sul filone di ciò che si è visto a Summerslam ma comunque riuscendo a differenziare il tutto, ben fatto.

Magari avrei concesso altri minuti in cui far lavorare i due ma direi che ci si può ritenere soddisfatti, apprezzabile infine il cambio di titolo. VOTO; 7,5 SETH ROLLINS SCONFIGGE STING CONSERVANDO IL WWE WORLD HEAVYWEIGHT TITLE; Non mi aspettavo qualcosa che facesse sgranare gli occhi e mangiare le unghie, ma lo stesso si è lavorato cercando di rendere questo icontro bello e direi che Seth Rollins e Sting ci siano riusciti.

Inoltre complimentoni ad entrambi, Rollins dopo la lotta con Cena riesce comunque a preservare la sua figura tenendo testa a Sting, anche per la vittoria meschina che non cambia comunque il mio giudizio, mentre Sting credo parli da sè.

A 56 anni riesce a tenersi comunque in nuona forma riuscendo a stare al passo dell'incontro, un performer formidabile e non mi stancherò mai di dire questa cosa che ribadisco sin dal suo ultimo periodo in TNA. Ripeto, non è stato qualcosa di mozzafiato ma lo stesso si sono viste cose concrete per lottato ed intensità, la sostanza c'è stata.

Probabile infortunio di Sting che secondo me scolorisce il match, ma che comunque viene portato a termine con successo. L'angle a fine match potrebbe significare l'uscita di scena per The Icon e l'ingresso del rientrante Kane, inviperito nei confronti del suo ex assistito.

Decisione di booking che ha senso e continua bene la narrazione (fortunatamente Kane è tornato al momento giusto), anche se in quest'equazione non dobbiamo dimenticare la costante della Money in the Bank briefcase.

VOTO; 6,5 VOTO PPV; 6,5. Come dicevo prima, PPV che continua il trend della federazione, anche se ovviamente non arriva lla valutazione buona di Summerslam. Personalmente avrei inserito più contenuto nei primi match della card, perché averli lasciati così incompleti nello svolgimento è davvero un peccato e la scelta l'ha pagata l'intero PPV, anche se resta il fatto che la maggior parte delle faide son curate bene, non in modo eccellente ma almeno non ci scadono nel noioso (eccezion fatta per la faida tra Rusev e Dolph che spero finisca il prima possibile e quella che vede impegnati Neville e la Cosmic Wasteland).

Buona scelta di booking alla fine che apre altre diramazioni in vista di Hell in a Cell. Bene ragazzi, la review è terminata ed io vi saluto calorosamente. Appuntamento prossimamente sempre quì e se Dio vuole ci rileggeremo per Hell in a Cell.

Ciao! #YouHaveCompletePermissionToWorshipUsNOWWW .

Powered by: World(129)