AEW Dynamite 06/03/2024 Report (1/3) - Tra vecchi meriti e nuove opportunità

Samoa Joe è ancora preso tra due fuochi: quello di Swerve e quello di Wardlow

by Cristina Cerutti
SHARE
AEW Dynamite 06/03/2024 Report (1/3) - Tra vecchi meriti e nuove opportunità
© Youtube AEW/Fair Use

Bentrovati per un nuovo appuntamento con AEW Dynamite! Siamo ancora freschi di AEW Revolution, ancora commossi per l'addio di Sting, ancora scossi dal sick bump assolutamente gratuito di Darby Allin e per nulla stupiti dalla notizia della sospensione di Sammy Guevara, ma qui alla Gas South Arena di Duluth, Georgia, è già tempo di ripartire.

Siamo anche alla premiere season, possiamo dire che il 2024 targato All Elite Wrestling inizia qui ed inizia con Will Ospreay contro Kyle Fletcher, con il titolo FTW in palio tra HOOK e Brian Cage e con le parole di Swerve Strickland, Darby Allin e (purtroppo) di Matthew e Nicholas Jackson.

Are you ready? Let's get ready to fight! Iniziamo con Tony Schiavone posizionato al centro del ring pronto ad ospitare uno dei grandi delusi di Revolution: accompagnato dall'immancabile Prince Nana, Swerve Strickland. Il pubblico gli tributa l'accoglienza di sempre imitando il ballo di Prince Nana e con il consueto botta e risposta “Whose house? Swerve house”, ma il leader della Mogul Embassy li interrompe dicendo che non si merita questa accoglienza, perché non è riuscito a conquistare il titolo nel match contro Samoa Joe e Adam Page.

In lui si è fatto strada il dubbio di non essere destinato ad avere quel titolo, si è quasi convinto di essere quello che ci si avvicina sempre ma non ci arriva mai. Il pubblico cerca di infondergli sicurezza con il consueto coro “You deserve it”, ma Swerve dice apertamente che sente che da domenica scorsa qualcosa è cambiato.

Dice di aver sentito come se il pubblico tifasse per lui per davvero, ha saputo di persone che hanno attraversato il paese per essere presenti, con la speranza di vederlo fare la storia... Ed è a queste persone, a questo pubblico che lui sente di dovere qualcosa.

E da questo punto di vista, prosegue Swerve, nulla cambierà: darà ancora la caccia a Samoa Joe, ma soprattutto darà la caccia al titolo. Tony Schiavone sgattaiola fuori dal ring non appena le note del tema d'ingresso di Samoa Joe interrompono le parole di Swerve e The Samoan Submission Machine fa capolino.

Joe trova divertente che uno che solo pochi giorni prima è stato malmenato abbia il coraggio di dire cose del genere, ma lui è lì per farlo ritornare con i piedi per terra e affrontare la realtà.

Ma Samoa Joe non ha molto tempo per spiegare il suo concetto di realtà perché arriva l'Undisputed Kingdom al gran completo. Adam Cole dice a Swerve di essere un vero fallimento e di essere quel fuoco di paglia che il pubblico dimenticherà nel giro di qualche mese, e dopo uno scambio di fuoco tra lui e Swerve lancia un'idea: Swerve e Samoa Joe contro i ROH Tag Team Champions Matt Taven e Mike Bennett.

Proprio qui, proprio ora!

  • Swerve Strickland & Samoa Joe vs. Matt Taven & Mike Bennett
Il match è stato subito voluto da Swerve, Cole avrebbe preferito posticiparlo a settimana prossima nello speciale Big Business, e inizia con Swerve e Joe che tentano di cogliere di sorpresa il duo dell'Undisputed Kingdom, ma finiscono per passare in svantaggio e rimanerci per una buona parte dell'incontro, dominando senza troppi problemi Samoa Joe.

Occorre attendere l'ingresso di Swerve per veder ristabilire un po' di equità nell'incontro e a portarlo addirittura a favore del suo team, chiudendo l'incontro con un JML Driver su Matt Taven. Ed è un bene che questo match si sia svolto ora, perché a incontro concluso si fa avanti Wardlow, che a Revolution ha ottenuto una title shot proprio contro Samoa Joe.

Per dimostrare a Wardlow di essere lui il campione e di non avere speranze con lui, Samoa Joe afferra Swerve alle spalle e lo tramortisce con la Coquina Clutch (se facessero un altro Three Way io potrei quittare, sappiatelo).

  • FTW Championship: HOOK (c) vs. Brian Cage
Il giovane campione prova a sorprendere Brian Cage già all'uscita dei tunnel (appena reintrodotti) e inizialmente sembra riuscirci, ma quando l'azione si sposta sul ring ci vuole poco per vedere Cage ribaltare la situazione e dominare HOOK.

Il figlio di Taz è dunque chiamato a giocare d'astuzia e una volta fuori dal ring lo fa munendosi di estintore e spruzzandone il contenuto in faccia a Brian Cage, ma non basta: Cage cerca quindi la Spear, ma HOOK si sposta e va a vuoto colpendo le transenne.

Quando rientriamo dal break pubblicitario vediamo diversi oggetti sul ring e Brian Cage ancora in totale controllo della situazione, e vi rimane almeno fino a quando HOOK non lo sorprende con un Suplex che lo fa atterrare sulle puntine.

HOOK insiste e finisce per ottenere la vittoria con la sua Red Rum. PARTE DUE PARTE TRE

Aew Dynamite Samoa Joe
SHARE