AEW Dynamite 21/02/2024 Report (3/3) - Tra sogni, realtà e futuro

In attesa dello scontro decisivo a Revolution Samoa Joe rimarca la sua supremazia

by Cristina Cerutti
SHARE
AEW Dynamite 21/02/2024 Report (3/3) - Tra sogni, realtà e futuro
© Youtube AEW/Fair Use

Ci concediamo una pausa pubblicitaria, e quando torniamo Tony Schiavone è nuovamente sul ring pronto ad introdurre il suo prossimo ospite che questa volta è Wardlow. Quando il rappresentante dell'Undisputed Kingdom raggiunge il ring non sembra affatto felice, ed esorta Tony Schiavone ad andarsene prima che gli metta le mani addosso.
Wardlow si sfoga un po' su tutto: sul pubblico, sì, ma anche sul fatto che non sia ancora diventato AEW World Champion.

Secondo lui dovrà pur dire qualcosa che lui, professionalmente, sia cresciuto nel vivaio della compagnia e racconta con quale facilità schiaccerebbe gente del calibro di CM Punk o MJF (che da Worlds End viene nominato forse per la prima volta), e tira in ballo l'attuale campione Samoa Joe.
Wardlow recrimina il fatto che Samoa Joe si atteggi come se fosse il numero uno al mondo, ma lui sa benissimo che non è così, e si rivolge direttamente a lui con un “I'm better than you and you know it” che noi siamo abituati a sentir risuonare diversamente.

Lo sfogo di Wardlow va avanti con lui che si definisce il re senza corona della All Elite Wrestling ed è ora che inizi a mangiare da re anziché nutrirsi con gli avanzi come ha fatto finora, e non c'è nessuno che possa fermarlo.

E se casomai qualcuno volesse provarci non sarà più solo Wrestling: sarà guerra. Prima che il main event inizi c'è ancora tempo per scoprire che Will Ospreay sarà in diretta a Dynamite la prossima settimana.

Will Ospreay sarà anche a Revolution, dove affronterà Konosuke Takeshita. E ora... It's main event time!

  • Samoa Joe, Swerve Strickland & Brian Cage vs. “Hangman” Adam Page, Rob Van Dam & HOOK
HOOK e Samoa Joe aprono ufficialmente le danze per questo ultimo incontro della serata.

Un assortimento un po' bizzarro: in vista di Revolution fa un po' strano vedere Swerve e Samoa Joe gomito a gomito. Certo, in altri contesti ci siamo abituati a questa scelta prima di uno scontro importante, ma rimane il fatto che a titolo puramente personale è una cosa che non apprezzo.
Joe inizia il match per il suo team e si sbarazza con una certa facilità di HOOK.

Subentra Swerve Strickland, il che fa uscire di testa Adam Page che si fa strada verso il ring. I due si ritrovano ancora faccia a faccia (nonostante la loro rivalità fosse già stata ampiamente vinta da Strickland 2-0) e iniziano a darsi battaglia senza esclusione di colpi.
C'è spazio anche per l'One of a Kind Rob Van Dam, che va a segno con alcune delle sue mosse caratteristiche prima che arrivi Brian Cage a rovinargli la festa.

Ma ci pensa Hangman e riportare l'ago della bilancia dalla parte del suo team, lavorando duramente su Brian Cage e concedendosi anche il tempo di rivolgere un sorriso beffardo a Swerve.
Il match prosegue principalmente a vantaggio del team face, con alcuni picchi di epicità tra cui la Power Bomb con cui Hangman scaraventa Swerve Strickland attraverso il tavolo dei commenti.

Non prima che Swerve, però, sbagli obiettivo e anziché rifilare un calcio dei suoi a Page lo infligge a Samoa Joe.
Tocca dunque al campione in carica, aiutato da qualche incursione di Brian Cage, archiviare la pratica e lo fa chiudendo Rob Van Dam nella sua Coquina Clutch che conferisce la vittoria al suo team.

Il nostro appuntamento si chiude con Samoe Joe che solleva la sua cintura sotto lo sguardo attento e frustrato di Page e Strickland. Grazie a tutti per essere arrivati fino a qui e alla prossima!

Aew Dynamite Samoa Joe
SHARE