AEW Rampage 17/11/2023 Report - Hai un amico in me

MJF si ritrova ancora una volta con le spalle al muro, ma Samoa Joe è un alleato troppo irresistibile

by Rachele Gagliardi
SHARE
AEW Rampage 17/11/2023 Report - Hai un amico in me
© AEW Twitter/Fair Use

Benvenuti in un altro racconto di AEW Rampage, io sono Rachele Gagliardi e oggi mi occuperò di portarvi alla scoperta di tutto quello che è accaduto durante l'ultima puntata dello show del venerdì sera targato AEW. Iniziamo!

  • TNT Championship: Christian Cage (c) (w/ Luchasaurus & Nick Wayne) vs Trent Beretta

I due si attaccano subito e Christian si spappola come un pancake fuori dal ring dopo aver preso la rincorsa verso il suo avversario, prima di procedere a perdere tempo e giocare sporco. Dopo il break, Trent Beretta guadagna un po’ di fiducia ed inizia ad atterrare il campione tentando anche degli schienamenti, che però non vanno a buon fine, compreso quello post Strong Zero. Christian approfitta di una distrazione di Luchasaurus per atterrare il suo avversario e pestargli il collo per lanciare un messaggio ad Adam Copeland e arriva la Killswitch vincente. 

Chris Jericho fa un promo dal tavolo di commento, dove dichiara che lui e Kenny Omega batteranno gli Young Bucks sul loro territorio a Full Gear.

  • "Timeless" Toni Storm (w/ Luther) vs Emi Sakura

Oh wow, ma allora possiamo ancora vedere Toni Storm a colori wow! A parte gli scherzi, la campanella suona e Toni Storm presenta tra le mani di Emi un copione, ma lei lo strappa e poi inizia a malmenare malissimo la neozelandese. Nonostante i piccoli aiuti che le dà Luther, l’ex campionessa AEW continua a soffrire sotto i colpi e le sottomissioni di Emi Skaura, ma non cede. Al ritorno dal break, finalmente la diva di Hollywood prende il controllo, il pubblico la carica e tenta un Hip Attack, ma viene catturata dalla sua avversaria, che però poco dopo fallisce un Moonsault e questa volta se lo prende l’attacco all’angolino seguito da un Piledriver della vittoria.

Renee Paquette intervista Jay Lethal e Eddie Kingston nel backstage. Lethal prende in giro Kingston e tra i due parte una bella discussione finché il resto degli amici di JL non arrivano a dividerli e a portare via il loro amico. Kingston intanto, rimasto da solo, ha un faccia a faccia con Ortiz che però finisce senza che possiamo vedere altro.

  • Roderick Strong (w/ Mike Bennett & Matt Taven) vs Action Andretti

Mentre sta entrando, Action Andretti viene attaccato da Roderick Strong e l’arbitro fa suonare la campanella, con Andretti che non si arrende e atterra il suo avversario con una serie di mosse veloci. Il giovane continua a prendere di mira il collo di Roderick con varie mosse. Al ritorno dal break, Action Andretti riprende il controllo dopo che era andato all’ex WWE, ma purtroppo durante una Spanish Fly al volo, Roderick atterra davvero sul collo, e per qualche istante c’è un bel po’ di preoccupazione da parte sia dell’arbitro che del Kingdom, e arriva anche il dottore a bordo ring, mentre il pubblico applaude e intanto per fortuna Roderick si rialza e alla fine è lui a vincere.

  • L'intervista andata male di Jay White

Renee Paquette si siede per un’intervista con Jay White che dice che MJF sta facendo il lavaggio del cervello a tutti facendo credere di essere lui il campione, ma che Jay White è meglio di lui e di chiunque altro, solo che Maxwell arriva ad attaccarlo e in mezzo a loro si mette anche Juice Robinson, che però si becca uno schermo della TV addosso ed inizia a sanguinare. A quel punto, MJF e JW arrivarono sul ring mentre continuano a darsele di santa ragione, prima che possano intervenire i Gunns per tentare di fare il salvataggio per il loro alleato, ma il campione li atterra riprendendosi il titolo mentre prova ad attaccare di nuovo lo Switchblade, ma alla fine viene atterrato, e mentre i tre stanno cercando di porre fine a MJF e la sua carriera, ecco che Samoa Joe arriva e lo salva. I due dopo, si stringono la mano.

Si conclude qui anche questo racconto dell'ultima puntata di Rampage, una puntata che per essere teoricamente quella dello show minore della federazione, che raramente ci regala delle perle, è stata molto, ma molto interessante. Con la speranza che a voi sia piaciuta la puntata e questo report, vi auguro una buona giornata e noi ci vediamo al prossimo racconto targato AEW. Woooo!

Samoa Joe
SHARE