AEW Dynamite 07/12/2022 Report (1/3) - La passione di Ricky Starks

Vediamo insieme cos'è accaduto nella prima parte di AEW Dynamite

by Rachele Gagliardi
SHARE
AEW Dynamite 07/12/2022 Report (1/3) - La passione di Ricky Starks

Benvenuti in un altro racconto dell’ultima puntata di AEW Dynamite, io sono Rachele Gagliardi e oggi mi occuperò di portarvi alla scoperta di tutto quello che è accaduto durante l'ultima puntata dello show del mercoledì sera. Iniziamo!

  • Dynamite Diamond Battle Royal

La battaglia inizia con il pubblico che urla: “Let’s go Ricky” in supporto a Starks. Ottima la prestazione di Dustin Rhodes che purtroppo però viene eliminato da Butcher. Grande invece il botch di Brian Cage, detto anche Internet Explorer, che vola oltre le corde 100 anni dopo la spinta di Jungle Boy, che poi alla fine lo elimina. Dopo svariate eliminazioni, Ethan Page si sente già il vincitore con l’aiuto di Matt Hardy, ma i due fanno male i calcoli perché Ricky Starks è duro a morire e prima elimina Matt Hardy e poi dice addio anche a Page vincendo il match. 

Non ha però il tempo di festeggiare, che parte la musica di MJF che si reca sul ring dicendo che tra poco sarà per la quarta volta ancora Dynamite Diamond Ring Champion, prima di aggiunge che Starks, se messo a confronto con lui, è sterco, per essere delicati. Starks si fa passare un microfono e MIO DIO PARTE UN ROAST CHE VOLO SU MARTE mentre lo critica per come si veste e atteggia! Poi gli dice che la differenza tra loro due è che quando le persone lo supportare dà una ragione a loro per farlo ancora, mentre nessuno può supportare o fidarsi di MJF. Poi continua facendo un discorso pieno di passione convinto delle sue capacità di rubare il titolo al campione, ma purtroppo si prende un calcio nelle parti basse, ma si rialza e non ci sta, facendogli una Spear allucinante che gli fa volare via anche i mocassini, prima di prendere il titolo e sollevarlo. GRANDE RICKY STARKS CHE PROMO ASSURDO!

Vediamo un filmato/promo che ci anticipa il match titolato tra Darby Allin e Samoa Joe.

Passando al backstage, vediamo un promo di Jon Moxley che dice che rispetta Hangman Page perché cade sempre da cavallo, ma si rialza sempre e aggiunge anche che in AEW non ci sono chiacchiere, ma si passa direttamente all’azione.

  • TNT Championship: Samoa Joe (c) vs Darby Allin

Iniziamo subito bene con Samoa Joe che fuori dal ring prende Allin e lo sbatte contro le barricate come se fosse niente, prima di togliere un pezzo di copertura dal pavimento e alla fine riesce a sbattercelo sopra provocandogli un dolore assurdo. Dopo la pausa, Samoe Joe sta ancora dominando il match e lancia fuori Allin facendogli colpire l’angolino prima. Ad un certo punto, dopo minuti di sofferenza, lo skater butta il campione contro i gradoni e poi gli fa una Coffin Drop fuori dal ring, ma alla fine serve a poco perché quando ne ritenta un’altra dentro al ring, Joe lo imprigiona nella sua Coquina Clutch fino a farlo svenire per vincere il match e rimanere campione. Dopo la contesa però, Allin si alza e provoca Joe prendendosi prima una testata in faccia e poi viene caricato per una Muscle Buster direttamente sullo skateboard e così salutiamo la schiena e le costole di Allin, ma non felice il campione lo strozza di nuovo. MA WARDLOW ARRIVA DI CORSA E LO FA SCAPPARE. 

Orange Cassidy backstage sfida Kip Sabian proponendogli un match titolato, ma lui si sente troppo acciaccato per lottare, quindi il campione gli lascerà scegliere un rivale misterioso per Rampage.

QUI SECONDA PARTE

QUI TERZA PARTE

Aew Dynamite
SHARE