AEW Dynamite 23/02/2022 Report - Lacrime di coccodrillo?

La prima parte del report di Dynamite, puntata trasmessa ieri sera da Bridgeport, Connecticut

by Luca Carbonaro
SHARE
AEW Dynamite 23/02/2022 Report - Lacrime di coccodrillo?

Mancano pochi giorni alla messa in onda di Revolution e la strada verso il primo PPV del 2022 in casa AEW inizia a farsi sempre più intensa. Tra grandi debutti, match di quallità e confronti verbali molto accessi, ecco cosa è accaduto nella puntata di Dynamite, trasmessa ieri sera da Bridgeport, Connecticut.

Tag Team Battle Royal Number One Contender's Match Lo show si apre con una Battle Royal che vede coinvolti i principali Tag Team della Compagnia. A vincere sono i Red Dragon grazie all'eliminazione di Matt Jackson da parte di Kyle O'Reilly.

I Red Dragon si sono quindi guadagnati una title shot per Revolution. Da segnalare come all'inizio del match siano continuati gli screzi tra Matt Hardy e i Private Party, alimentando le speculazioni di un imminente arrivo di Jeff Hardy in AEW.

Al termine dell'incontro "Hangman" Adam Page arriva sul ring per fare piazza pulita dei Red Dragon e Adam Cole, vendicandosi degli attacchi subiti nelle scorse settimane, ma questi ultimi si battono prontamente in ritirata.

Page prende il microfono e ironizza sul desiderio del suo sfidante di diventare il prossimo AEW World Champion, sottolineando come a Revolution il tutto si trasformerà in un incubo quando, per causa sua, finirà sotto terra.

Stacco nel backstage dove Tony Schiavone intervista Bryan Danielson in vista del suo match contro Daniel Garcia. L'American Dragon promette di mostrare al mondo intero cosa davvero possa fare un mentore e a Jon Moxley di sanguinare assieme a lui.

MFJ sale sul ring, accolto dai fischi del pubblico, e inizia a parlare di quanto stimasse CM Punk e di come per tutti questi anni fosse stato per lui una grande fonte di ispirazione. Nonostante i problemi di bullismo e le difficoltà a relazionarsi con altre persone sin da bambino, non ha mai smesso di ammirare Punk e prenderlo come esempio.

Il giorno in cui ha avuto la fortuna di incontrarlo è stato uno dei più belli della sua vita. Tutto è però cambiato quando Punk ha deciso di lasciare il business nel 2014 e deludere il mondo intero, MJF compreso.

Da quel momento in poi MJF ha deciso di prenderne le distanze e diventare migliore di lui in tutto e per tutto. CM Punk arriva sul ring con uno sguardo alquanto confuso sul volto e gli chiede se tutto quello che è appena uscito dalla sua bocca corrisponda a verità.

MJF rimane impassibile e decide di lasciare il ring con un'aria triste e alcune lacrime che scendono sul suo volto, mentre il pubblico continua a fischiarlo e Punk non sa cosa pensare. Fine prima parte

Aew Dynamite
SHARE