AEW Collision: PAC torna dopo l'infortunio per contrastare l’Elite

Dopo averci avvertiti a AEW Revolution, il Bastard è tornato per aiutare i suoi amici contro il trio di cattivi

by Rachele Gagliardi
SHARE
AEW Collision: PAC torna dopo l'infortunio per contrastare l’Elite
© AEW X/Fair Use

Durante l’ultima puntata di AEW Dynamite, una puntata che ha dato il via ad una nuova stagione per lo show più longevo della All Elite Wrestling con anche un nuovo logo e un nuovo stage, ha fatto il suo approdo ufficiale nella federazione anche Kazuchika Okada.

Per l’occasione, il wrestler è andato a schierarsi dalla parte degli Young Bucks, con i due che sono tornati di recente come Matthew e Nicholas Jackson, gli EVP cattivi che non perdono mai l’occasione di sfruttare la loro posizione per inserirsi in faide o dar fastidio ai propri colleghi o sottoposti. 

Il trio si è poi ripresentato a AEW Collision il 9 marzo prendendosela con Eddie Kingston, già nel loro mirino da Dynamite, e Penta El Zero Miedo, ma non hanno calcolato che stava per arrivare qualcuno a salvarli, e stiamo parlando di PAC che finalmente è tornato in All Elite dopo il suo recente infortunio, andando faccia a faccia con il Rainmaker per poi avviare una bella rissa a suon di pugni, calci e gomitate.

PAC ha poi preso il microfono in mano e ha detto che è ufficialmente tornato, e se stavano cercando guai glieli avrebbe procurati. Eddie Kingston ha poi lanciato una sfida all’Elite per un trios match a AEW Dynamite Big Business il 13 marzo.

Eravamo stati avvertiti

Durante la diretta dedicata al pay-per-view AEW Revolution del 3 marzo, sono andate in scena diverse sorprese, come ad esempio la vittoria dell'International Championship da parte di Roderick Strong o il ritorno dell'amico Kyle O'Reilly, mentre invece in un altro segmento, un altro ex WWE ha suggerito ai fan della AEW che a breve avremmo potuto rivederlo sui ring della compagnia.

Stiamo parlando di PAC, l'ex Adrian Neville della WWE, il quale dopo mesi di assenza ha mandato in onda un messaggio proprio sui teleschermi di Revolution, parlando con un linguaggio abbastanza oscuro e misterioso.

SHARE