Cambio titolato arriva stanotte sui ring di AEW Revolution

Finisce con un nuovo campione una delle contese più attese dell'ultimo ppv mandato in scena dalla AEW

by Roberto Trenta
SHARE
Cambio titolato arriva stanotte sui ring di AEW Revolution
© AEW Fair Use

Fino a qualche ora fa, la AEW ha mandato in scena il suo ultimo ppv, ovvero AEW Revolution, con lo show che era interamente dedicato all'ultimo match di Sting sui ring della AEW, prima del suo definitivo ritiro dal wrestling lottato a ben 64 anni compiuti.

Dopo una mirabolante carriera, vissuta sui ring di WCW, TNA, WWE e AEW, The Icon ha deciso di appendere definitivamente gli stivali al chiodo, disputando il suo ultimo match nello stesso ppv nella quale aveva debuttato qualche anno fa sui ring della All Elite Wrestling. All'interno della card dell'evento, però, c'erano tanti altri match attesi dai fan della AEW, come ad esempio il match titolato valido per l'International Championship tra il campione Orange Cassidy e l'ex WWE Roderick Strong.
Ad avere la meglio, dopo un match abbastanza massacrante, è stato però lo sfidante, il quale ha utilizzato a suo vantaggio l'infortunio alla schiena arrivato qualche giorno fa a Cassidy, per schienare il campione e strappargli così il titolo, non dopo averlo colpito con spot veramente cruenti e duri.

Alla fine del match, c'è stato anche un colpo di scena, quando è tornato sui ring AEW anche Kyle O'Reilly, il quale ha abbracciato il suo vecchio tag team partner, mostrando un look tutto nuovo, con i capelli molto più lunghi di prima.

Sting ed il ritiro che doveva arrivare prima di Revolution

In una recente intervista ai microfoni di Sports Illustrated, però, sono emersi alcuni retroscena sul ritiro di Sting, con The Icon che ha infatti affermato. "Volevo appendere gli stivali al chiodo molto prima, forse già a dicembre. Ma adesso che Ric è con me, sento di poter andare avanti fino a Revolution.

A Marzo dell'anno prossimo compirò 65 anni. Voglio lasciare ai fan un ricordo che valga qualcosa". Sting ha vissuto una vera e propria "rinascita" all'interno della All Elite, debuttando nel 2020 dopo che i medici della WWE gli avevano sconsigliato di lottare.

L'icona della WCW non si è mai risparmiato, dando sempre il massimo sul ring, e stringendo una grande alleanza con Darby Allin.

SHARE