Dal carcere alla AEW: Gypsy Rose Blanchard ospite a Dynamite



by RACHELE GAGLIARDI

Dal carcere alla AEW: Gypsy Rose Blanchard ospite a Dynamite
© Ricky Starks Twitter/Fair Use

La storia di Gypsy Rose Blanchard non è di certo una storia sconosciuta, infatti nonostante  il tutto sia avvenuto negli Stati Uniti, è arrivata anche fino a noi dato che si tratta di un caso di true crime davvero sconvolgente.

Per chi non lo sapesse però, Gypsy Rose Blanchard era la figlia di Dee Dee Blanchard, una donna che soffriva della cosiddetta sindrome di Münchausen per procura, ovvero un disturbo mentale in cui il soggetto finge che una persona accanto a lei, nella maggior parte dei casi si tratta di un figlio, sia malato, questo per attirare attenzione e compassione da parte delle persone, e spesso anche per creare intorno alla situazione delle truffe economiche con magari alcune raccolte fondi per aiutare la causa. Ebbene, Dee Dee aveva convinto sia la figlia Gypsy che inspiegabilmente anche diversi medici, che la piccola era malata, sottoponendola a delle vere e proprie torture fisiche e psicologiche che hanno rovinato la vita di questa ragazza, finché non ha preso coscienza della situazione e con un fidanzato conosciuto online, non ha deciso di porre fine alla vita della madre, andando in carcere e poi uscendoci a fine 2023.

Ovviamente ora Gypsy Rose deve recuperare una bella fetta della sua vita passata tra finte malattie e il carcere, e lo sta facendo alla grande anche andando a qualche show di wrestling, come mostrato in un suo recente post su Instagram, dove la vediamo in posa con il titolo di coppia di Ricky Starks e il wrestler stesso: “Grazie Ricky Starks e AEW Dynamite per averci invitati ad uno show fantastico stasera. Ci siamo divertiti molto!”

Anche il campione celebra la ragazza

Non solo però Gypsy Rose Blanchard ha condiviso questa esperienza sui social, ma lo stesso Ricky Starks su X/Twitter ha condiviso una foto insieme a lei con scritto: “Absolute”, ovviamente una citazione al suo nickname.

Aew Dynamite