“Non sarò mai più al 100%”: Bryan Danielson torna a parlare della sua salute fisica



by RACHELE GAGLIARDI

“Non sarò mai più al 100%”: Bryan Danielson torna a parlare della sua salute fisica
© AEW YouTube/Fair Use

Durante AEW x NJPW Forbidden Door 2, Bryan Danielson è salito sul ring con un grandissimo wrestler proveniente dal Giappone, ovvero Kazuchika Okada, con i due che si sono affrontati in quello che da molti è stato definito un dream match, e a vincere è stato proprio l’American Dragon che purtroppo si è anche infortunato.

A comunicarlo è stato lui stesso nella media scrum post event, dicendo: "Pensavo di lottare mercoledì. Non credo che succederà perché, in questo specifico momento, pensiamo che mi sia fratturato l'avambraccio destro a circa dieci minuti dalla fine.” 

Anche se poi alla fine è tornato effettivamente a lottare, intervistato da Sports Nightly, Bryan Danielson ha confessato che sì sta bene, ma non tornerà più com’era prima ovviamente.

Addio al vecchio American Dragon

"Sta andando bene. Penso che lottando continuamente su di esso, sto rallentando la guarigione al 100%. A noi lottatori più vecchi piace dire che non ci aspettavamo mai più di essere al 100%. Quindi penso che sia un po' la mia attuale posizione. Funziona completamente [il braccio]. Posso fare pull-up e posso fare tutti questi diversi tipi di cose. Non succederà nulla all'osso perché ci hanno messo una canna con nove viti.

La parte pericolosa se dovesse rompersi di nuovo, ha detto il medico, è in realtà dove finisce l'asta, lì è più facile che si rompa perché l'asta stessa agisce come un fulcro che potrebbe piegarsi contro. Però ecco, si tratterebbe di un danno muscolare e ai nervi. In parte è perché ho lottato per 10 minuti con un braccio rotto e poi parte di esso è solo il lavoro che facciamo.”

La gravità dell’infortunio l’hanno vista tutti una storia di Instagram che aveva postato la moglie Brie Bella, scrivendo: "Non sono sicura se essere orgogliosa o castigarlo per altri 10 minuti di lotta con questa frattura. Sicuramente peggio di quanto pensassimo.”

Bryan Danielson