Jamie Hayter: "Ho rotto l'osso orbitale a Toni Storm a AEW Full Gear"



by   |  LETTURE 983

Jamie Hayter: "Ho rotto l'osso orbitale a Toni Storm a AEW Full Gear"

La divisione femminile della AEW è stata caratterizzata in questi mesi dalla rivalità tra due grandi atlete. Si tratta di Jamie Hayter e di Toni Storm che hanno iniziato a darsi battaglia sin dal debutto in AEW dell'ex star WWE andato in scena lo scorso marzo. Per il momento, il miglior incontro tra le due ragazze è stato al ppv Full Gear ed è stato vinto da Jamie Hayter, quest'ultima alla fine è riuscita a strappare così anche il titolo femminile della compagnia dalle mani di Toni Storm grazie all'aiuto della dottoressa Britt Baker e di Rebel. I fan potrebbero ricordare successivamente che per un periodo, da quel match in avanti, Toni Storm non è più apparsa in televisione. A spiegare il reale motivo dell'assenza della rivale ci ha pensato Jamie Hayter in un'apparizione al podcast 'Hawk vs. Wolf'.

Jamie Hayter spiega la vicenda con Toni Storm

L'attuale campionessa femminile della AEW ha confermato che un suo errore nel loro incontro durante Full Gear è stato il motivo della pausa forzata dai ring di Toni Storm: "Le ho rotto l'osso orbitale durante il match ma non volevo, le voglio tanto bene. Ci stavamo tenendo il polso mentre ci colpivamo. Uno dei colpi è andato male ed è finito a fargli tanto male. Le chiesi subito scusa. Mi dispiaceva davvero tanto, ero consapevole di aver fatto un casino. Lei però la prese bene e mi disse di non preoccuparmi".

Toni Storm e Jamie Hayter sono legate da una bell'amicizia anche prima di approdare in AEW, avendo creato un gran rapporto dopo aver lavorato insieme sia nel Regno Unito che in Giappone e dopo aver anche vissuto insieme durante la pandemia da COVID-19. 

Sulla gravità di quel problema, Jamie Hayter ha svelato che Toni Storm non sembrava prenderlo sul serio fino a quando non ha capito dopo la sua entità: "Non sapeva cosa fosse successo ma non era neanche offesa. Era tipo: 'Non ti preoccupare' ma aveva due occhi neri. Era tipo 'Ora il match sembra migliore e più intenso'".