Eric Bischoff non ha dubbi: "CM Punk è sopravvalutato"



by   |  LETTURE 1338

Eric Bischoff non ha dubbi: "CM Punk è sopravvalutato"

CM Punk non è più apparso in AEW da quando ha provocato una rissa nel backstage al termine del PPV ‘All Out’. In conferenza stampa, l’ex star della WWE ha attaccato duramente The Elite, Hangman Adam Page e Colt Cabana, creando scompiglio nello spogliatoio e ostentando ancora una volta la sua natura ribelle.

Tutti i protagonisti di quella rissa sono stati immediatamente sospesi da Tony Khan, ma la All Elite Wrestling ha comunque subito un enorme danno di immagine. Il fuoriclasse di Chicago è ancora ai box e non si conosce il suo futuro, anche perché si sta ancora riprendendo da un infortunio al tricipite.

Alcuni ritengono che non abbia senso continuare ad investire su di lui, mentre altri sarebbero lieti di rivederlo in WWE a nove anni di distanza dall’ultima volta. Ricordiamo che il ‘Second City Saint’ aveva lasciato la compagnia di Stamford nel 2014 a causa di alcuni dissidi con la dirigenza.

Nell’ultima edizione del podcast ‘Strictly Business’, Eric Bischoff ha affermato che CM Punk è sopravvalutato.

Eric Bischoff attacca CM Punk

“Io non sono mai rimasto particolarmente colpito da CM Punk” – ha esordito Bischoff senza giri di parole.

“Penso che sia sempre stato sopravvalutato e che abbia sfruttato la mistica creatasi intorno a lui quando militava in WWE. La All Elite Wrestling ha provato a mantenere quella mistica, ma si è capito subito che Punk non era più lo stesso.

Fin dal suo primo promo in AEW, si è avuta la sensazione che non avrebbe funzionato. Non so esattamente cosa sia successo dietro le quinte con The Elite e non voglio assecondare le teorie del complotto. Forse CM Punk aveva davvero buone ragioni per essere arrabbiato, ma avrebbe dovuto evitare di comportarsi in quel modo in conferenza stampa.

Si sarebbe dovuto confrontare con Tony Khan privatamente, faccia a faccia, magari con un avvocato presente. Non puoi andare in conferenza stampa e distruggere il tizio che ti paga lo stipendio e gli atleti con cui devi lavorare” – ha aggiunto Eric. Non resta che attendere ulteriori aggiornamenti.