Booker T contro The Elite: “Non possono assolutamente trollare le persone”



by   |  LETTURE 1355

Booker T contro The Elite: “Non possono assolutamente trollare le persone”

Dopo il ritorno avvenuto qualche settimana fa in AEW, The Elite, nella puntata della scorsa settimana di Dynamite, ha lottato contro i Death Triangle e in molti hanno notato che sia Kenny Omega che gli Young Bucks hanno trollato più volte CM Punk, inoltre Dynamite è andato in onda a Chicago, città natale di Punk.
In molti hanno criticato quei segmenti e tra questi c’è lo stesso Booker T, Hall of Famer della WWE, che ha aspramente criticato The Elite.

“Dimmi che non ho visto… quello che effettivamente ho visto”

Durante il suo podcast Hall of Fame con ospite Brad Gilmore, Booker T ha affermato di essere rimasto abbastanza allibito per ciò che ha visto durante il match tra The Elite e i Death Triangle: “Sono perplesso su quella situazione proprio  perché non penso che ci fosse qualcosa di gustoso al riguardo. Non credo che rimaneggiare quello che è successo un paio di mesi fa invece di lasciarlo andare via sia  qualcosa di positivo per quanto riguarda quella società e se Tony Khan sapesse che Punk non firmerà e che quindi non tornerà più sui ring AEW, probabilmente staranno pensando di spostare il loro quartier generale da Chicago in qualsiasi altra città. Punk è un idolo a Chicago e rischieresti di prendere solo i fischi. Saranno heel, saranno comunque fischiati, quindi appoggiarsi a questo, è solo un rimaneggiamento di ciò che è successo nella mischia nel backstage di All Out. Non fa nulla per quella società”

Booker T ha poi affermato che ciò che ha visto è abbastanza infantile, soprattutto se arriva da gente di un certo livello: “Penso solo che sia una roba infantile, di una tristezza infinita. Ho avuto certi ragazzi di un certo spessore in questo business che neanche immaginate. Se qualcuno sbaglia, gestiamo la situazione, cerchiamo di risolverla e andiamo avanti normalmente; cosi era una volta, ora invece la situazione è diversa. Ora è diverso perché nessuno fa niente, nessuno si fa il c**o per migliorarsi. Non c’è mai una conseguenza reale, nessuna multa, ripercussione, nessuno con le p***e che corre in giro. Tutto ciò ha molto a che fare con il coraggio di correggere gli errori, si lascia sempre andare giustificando. Non c’è una scaletta da seguire  e rispettare, capisci?”