Le ultime indiscrezioni su CM Punk: potrebbe non tornare mai più in AEW



by   |  LETTURE 1468

Le ultime indiscrezioni su CM Punk: potrebbe non tornare mai più in AEW

Quello di CM Punk passerà alla storia come uno dei casi mediatici più emblematici di sempre. Una sfuriata vera e propria in diretta mondiale, durante una conferenza stampa post PPV, e una rissa nel backstage che ha portato alla sua sospensione e alla privazione del titolo di World Champion (ne abbiamo parlato anche nel nostro The Greater Good).

Un comportamento che Eric Bischoff ha definito imperdonabile e che, secondo molti, potrebbe aver segnato la parola fine sulla sua carriera in All Elite. Anche Wade Keller di PWTorch ha così dichiarato: "Non penso proprio che CM Punk torni a lottare in AEW.

Non è una cosa certa al 100%, ma tutti gli indizi lasciano propendere verso questa direzione. E probabilmente il suo contratto verrà rescisso".

CM Punk potrebbe non lottare più in AEW

Un altro indizio è arrivato durante la puntata di AEW Grand Slam dove Chris Jericho ha fatto la storia, diventando campione mondiale della ROH per la prima volta in carriera.

Il commentatore Ian Riccaboni aveva citato numerosi campioni del passato, omettendo il nome di CM Punk, forse uno dei più storici della Compagnia. Per il momento Tony Khan si è rifiutato di commentare pubblicamente sullo status del wrestler di Chicago perchè ci sono dei procedimenti legali in atto.

Nonostante l'assenza di CM Punk, Dynamite ha ottenuto ultimi ascolti nelle ultime settimane, superando anche il milione di spettatori nella puntata pre Grand Slam (e adesso si attendono proprio gli ascolti dello speciale).

Anche Alan Angels ha voluto parlare di un possibile addio dalla AEW di CM Punk e dell'Elite: “Se questo fosse accaduto in una federazione normale sarebbero stati tutti licenziati perchè dovrebbero essere tutti licenziati.

Ma ora il wrestling è diverso, è cambiato e non ci si comporta più come una normale federazione, hai bisogno di queste persone per aumentare gli ascolti televisivi. Non si possono licenziare soltanto perché non sono in grado di controllarsi".