Booker T: "Tony Khan dovrebbe pensare soltanto a risolvere i problemi della AEW"



by   |  LETTURE 708

Booker T: "Tony Khan dovrebbe pensare soltanto a risolvere i problemi della AEW"

Booker T ha criticato duramente Tony Khan in seguito alle sue parole sulla WWE. L'Hall Of Famer della compagnia di Stamford ha invitato Tony Khan di concentrarsi sui disordini della sua federazione, invece di pensare alla WWE.

Di recente infatti, Tony Khan ha suscitato scalpore per le sue parole nei confronti della WWE. Con AEW Grand Slam, il capo della AEW ha descritto il suo ppv come il vero gioiello del mercato del wrestling, piuttosto che lo show all'estero in Arabia Saudita. Un chiaro riferimento quindi al ppv WWE dell'Arabia Saudita, Crown Jewel.

Booker T: "Tony Khan non deve pensare alla WWE"

Booker T ha contestato le recenti parole di Tony Khan, chiedendosi se il presidente della AEW sia stupido. Parlando nel suo podcast Hall of Fame, la leggenda WWE ha rivelato: "Tony Khan non penso sia stupido ma forse ha comportamenti di questo tipo. Invece di preoccuparsi per sè stesso, di preoccuparsi per la sua federazione, preoccuparsi per il caos che sta accadendo all'interno della sua AEW in questo momento, pensa alla WWE. Non cerca di risolvere i suoi problemi, no, pensa a cosa sta facendo la WWE. Penso che prima di iniziare a vedere cosa sta facendo la WWE, deve risolvere la sua situazione".

Booker T si è mostrato davvero rispettoso nei confronti di Tony Khan, ma ha svelato che quel rispetto deve iniziare a guadagnarselo: “A volte bisogna guadagnarsi il rispetto. Non te lo guadagni sempre andando là fuori a parlando. Penso che avrei molto più rispetto per Tony Khan se si occupasse dei suoi affari, e sappiamo tutti di cosa si tratta, abbiamo visto la conferenza stampa post All Out. Sappiamo tutti cosa è successo dopo”.

Il caos cui si riferisce Booker T è nato, dopo che CM Punk nella conferenza stampa post All Out ha criticato i membri dell'Elite e Colt Cabana. Tutto ciò, ha di seguito scatenato una rissa nel backstage con gli Young Bucks e Kenny Omega che sono stati poi sospesi assieme all'ex Superstar WWE.