Elite e CM Punk lontani dalla AEW? Alcune personalità del wrestling dicono la loro



by   |  LETTURE 1479

 Elite e CM Punk lontani dalla AEW? Alcune personalità del wrestling dicono la loro

Un veterano del wrestling professionistico ha svelato che secondo lui CM Punk e le grandi star dell'Elite dovrebbero essere licenziate dalla AEW per ciò che è successo dopo la conferenza stampa post All Out.

Durante la mischia mediatica post All Out, CM Punk ha criticato duramente Colt Cabana, Hangman Adam Page e gli EVP dell'azienda, l'Elite. Le sue parole avrebbero poi causato una rissa nel backstage con lo stesso CM Punk, gli Young Bucks, Kenny Omega e Ace Steel protagonisti. Tutto ciò, ha poi portato alla sospensione di tutti gli uomini coinvolti alla rissa con il titolo del mondo AEW e i Trios Title che sono stati dichiarati vacanti.

CM Punk e l'Elite meritano di essere licenziati? 

Il celebre manager di wrestling, Dutch Mantell noto in WWE con il nome di Zeb Colter, ha espresso il suo pensiero sulla questione così come hanno fatto diverse personalità del mondo del wrestling.

Durante l'edizione più recente del suo Story Time, il celebre manager ha svelato che CM Punk e tutti i membri dell'Elite sarebbero stati tutti licenziati in una federazione normale, ma riconosce che ciò sia difficile da vedere nell'attuale mondo del wrestling professionistico.

Anche Alan Angels ha voluto parlare di un possibile addio dalla AEW di CM Punk e dell'Elite: “Se questo fosse accaduto in una federazione normale sarebbero stati tutti licenziati perchè dovrebbero essere tutti licenziati. Ma ora il wrestling è diverso, è cambiato e non ci si comporta più come una normale federazione, hai bisogno di queste persone per aumentare gli ascolti televisivi. Non si possono licenziare soltanto perché non sono in grado di controllarsi".

Inoltre, Dutch Mantell ha suggerito anche che CM Punk e tutti gli altri soggetti coinvolti nella rissa dovrebbero essere puniti dal punto di vista economico con qualche riduzione del loro stipendio a causa di quello che è successo: “Forse non è la cosa giusta licenziarli. Vorrei andare oltre il licenziamento. Voglio dire se non saranno licenziati, magari vanno sospesi e multati. Ai lottatori importa tanto dei soldi e questa è l'unica cosa giusta che potrebbe muovere qualcosa".