Jim Cornette commenta i problemi tra CM Punk e Adam Page



by   |  LETTURE 1317

Jim Cornette commenta i problemi tra CM Punk e Adam Page

Il celebre manager della WWE, Jim Cornette ha parlato della questione tra Adam Page e CM Punk. I problemi tra CM Punk e Hangman Adam Page sembrano essere nati in seguito ad un promo sul ring in vista del match titsto per l'AEW World Championship al ppv Double Or Nothing di maggio. CM Punk sentiva che Adam Page si fosse messo in affari da solo con alcune sue parole tanto da vendicarsi poi chiamandolo sul ring in un momento dove non era in programma una sua apparizione a Dynamite.

Jim Cornette: "Adam Page è poco intelligente"

Parlando durante il suo podcast Experience, Jim Cornette ha affrontato la situazione tra le due Superstar AEW: “CM Punk ha dovuto vincere la cintura da Adam Page. Potrebbe essere una cosa piuttosto bizzara. Se si guarda indietro ai vecchi tempi con una mentalità di CM Punk in qualche modo da vecchia scuola, se fosse stato 20 o 30 anni prima con un Harley Race, ad esempio, le cose sarebbe andate diversamente. Se un ragazzo fa il doppio gioco a CM Punk in un promo in diretta TV, chi dice che l'altro non lo avrebbe fatto da un'altra parte. Allora poi è normale che CM Punk non può fare altro che difendersi ovviamente".

Sul rapporto tra CM Punk e Adam Page: “Hangman Adam Page è un giovane atleta di bell'aspetto ma è un uomo con la testa vuota. Penso che scommetterei ancora su CM Punk contro di lui".

Sono diverse le voci circolate nelle ultime ore su questa questione. CM Punk ha accusato Kenny Omega e gli Young Bucks di essere stati degli irresponsabili per aver messo in giro delle bugie sul suo conto e aver fatto fuoriuscire storie private false, come il licenziamento di Colt Cabana che sarebbe stato causato da lui.

CM Punk è adesso diventato nuovamente campione del mondo AEW battendo Jon Moxley nel main event di All Out. Prossimamente, riaffronterà MJF che si è smascherato a fine ppv, dopo aver vinto il Casino Ladder Match ma stavolta contro di lui dovrà difendere la sua cintura.