Wardlow: "Double Or Nothing doveva essere la serata migliore della mia vita"



by   |  LETTURE 1100

Wardlow: "Double Or Nothing doveva essere la serata migliore della mia vita"

Wardlow ha parlato dei problemi riguardanti MJF nel ppv Double Or Nothing dello scorso maggio. Wardlow ha rivelato di essersi presentato al ppv senza sapere se avesse o meno ancora un match in programma.

Il campione in carica TNT ha fatto irruzione sulla scena AEW nel 2019 come sicario al fianco di MJF. Con lui, MJF ha avuto vita facile finché lo aiutava a combattere le sue battaglie per lui. La loro collaborazione è durata nel Pinnacle, la fazione composta anche da Shawn Spears e gli FTR.

Tuttavia, l'atteggiamento di MJF sullo schermo nei confronti di Wardlow è diventato sempre più difficile, spesso MJF rimproverava la sua guardia del corpo che vedeva semplicemente come un aiutante ricordandogli che  lavorava per lui e non per la AEW. Wardlow ad un tratto, ne ha avuto abbastanza, durante AEW Revolution cha voltato le spalle a MJF e ha lasciato l'anello di fedeltà al suo ex datore di lavoro per il suo avversario CM Punk che grazie all'oggetto riuscì a vincere. Ciò causó una grande faida tra MJF e Wardlow, con la guardia del corpo che cercava di mettere le mani sul suo ex capo ogni settimana. Dopo tante battaglie, Wardlow è riuscito ad assicurarsi un match uno contro uno con MJF a Double Or Nothing per concludere la faida. I problemi stavano sorgendo già dietro le quinte e in vista di Double Or Nothing, le voci secondo cui MJF non sarebbe apparso all'evento a causa del suo malcontento relativo al suo contratto, si facevano sempre più numerose. MJF si è poi presentato per il match e Wardlow lo ha battuto, demolendolo con dieci powerbomb e costringedolo a lasciare il ring in barella.

Wardlow commenta la serata di Double Or Nothing

Parlando con Stephanie Chase di Digital Spy, Wardlow ha riflettuto sugli eventi che hanno accompagnato quella notte a Las Vegas: “Quella dovrebbe essere considerata una delle migliori serate della mia vita e in realtà non lo è stata. Tutto quello che stava succedendo con Max in quel momento e poi nella mia vita personale era assurdo. Proprio niente stava andando per il verso giusto ed è un po' triste che tutto ciò si sia accumulato in quella grande serata con così tante cose che l'abbiano rovinata. Tutte le cose con Max e tutto quello che stava facendo. Voglio dire, mi sono presentato quel giorno senza sapere se dovevo o meno lottare. C'è molto altro che potrei dire a riguardo, ma quella sarebbe dovuta essere una delle migliori serate della mia vita e ovviamente, il risultato è stato fantastico, non ne ho mai avuto l'occasione per godermelo. Mi sento come se stessi ancora cercando di tornare in una notte tipo quella. In questa vita e in questo business però non tutto va alla perfezione”.