La libertà creativa in AEW ripaga? Ne parlano due Supertars



by   |  LETTURE 1674

La libertà creativa in AEW ripaga? Ne parlano due Supertars

Durante una chiacchierata con Skewed and Reviewed Gareth Von Kallenbach al San Diego Comic-Con, Jade Cargill e CM Punk hanno parlato della famosa libertà creativa che contraddistingue la All Elite Wrestling.

Infatti questo aspetto della compagnia è sicuramente quello che di più affascina i wrestler, che vengono attratti verso la AEW dopo che magari hanno lasciato le altre compagnie, come la WWE.

Funziona sì o no?

Sull’argomento ha iniziato ad esprimersi la campionessa TBS dicendo: "Questo è uno dei motivi per cui ho scelto All Elite Wrestling. Abbiamo il controllo del nostro personaggio, possiamo rappresentare noi stessi, il nostro vero io. Possiamo lavorare al di fuori della compagnia e sai che tutto quello che facciamo viene dal nostro cuore. Vi stiamo mostrando esattamente chi siamo e chi vogliamo essere. Questo è ciò che abbiamo approvato, sapete, è semplicemente piacevole. Non ho mai lavorato per un'altra compagnia, ma ho lottato con emozioni pure. Gioco a basket quindi tutto quello è quello che sono. Quello che vedi è solo un'estensione di chi sono, e lo apprezzo.”

CM Punk si è unito alla sua collega dicendo: “È super interessante per me, è affascinante ascoltare qualcuno come lei che ha detto che non ha lavorato per un'altra compagnia perché è importante per lei essere in grado di lavorare in un luogo dove lei può esprimere pienamente se stessa. Penso che sia una cosa che per me ha ucciso il wrestling per così tanto tempo. Tutto è stato silenziato, e attenuato, e sulla base della prospettiva di una persona. Quando non potete scegliere il vostro proprio nome, selezionare la vostra propria musica d’entrata, è molto limitata la cosa e molto creativamente soffocante.”

Durante la stessa intervista CM Punk ha anche parlato per la prima volta apertamente del proprio infortunio, aggiornando tutti i fans che si sono preoccupati molto per le sue condizioni da quando è assente. Per il momento ha dovuto lasciare la posizione da campione che riprenderà una volta rientrato andando a scontrarsi con il campione ad interim per cercare di affermarsi come campione unico.