Tully Blanchard dice addio alla AEW e alla ROH: ecco i dettagli



by   |  LETTURE 1248

Tully Blanchard dice addio alla AEW e alla ROH: ecco i dettagli

Ultimamente anche il roster della AEW si sta sfoltendo molto, con alcune personalità che decidono di non rinnovare il proprio contratto o chiedono di essere allontanate dalla compagnia per diversi motivi.

In un recente aggiornamento da parte dei colleghi americani di Fightful, veniamo a sapere che anche la leggenda Tully Blanchard ha deciso di separare la propria strada da quella della compagnia di Jacksonville.

Come abbiamo potuto vedere, l’uomo non è apparso a ROH Death Before Dishonor, dovre presumibilmente avrebbe accompagnato gli FTR sul ring, e in realtà i pareri riguardo questa assenza sono contrastanti; si parla infatti principalmente del fatto che il suo Prison Ministry Group è la ragione che lo ha tenuto lontano dall’evento con un altro impegno. 

In più è stato detto che ai talenti e al personale che chiedevano all’evento dove fosse Blanchard, è stato detto che se n’era “praticamente andato via” dalla Ring Of Honor e al momento non è elencato tra i nomi per i piani futuri della compagnia, che ricordiamo è sempre gestita da Tony Khan.

Brian Cage reagisce alla notizia. C’è tanta incertezza

Dopo quello che è stato rivelato, Brian Cage, che era parte della Tully Blanchard Enterprises, stable del padre della controversa Tessa Blanchard, ha aperto il proprio account twitter postando una sua foto con la maglia della stable e scrivendo: “Ughhhh, beh, qui oggi, lontano domani….”

Durante il pay-per-view è stato rivelato che il Prince Nana ha acquistato la Tully Blanchard Enterprises e rinominato la fazione The Embassy. Anche se la stable continua ad includere Cage, Gates of Agony (Toa Liona & Kaun) e Jonathan Gresham come membri, c'è incertezza sul futuro di Gresham dopo che l'ex campione del mondo ROH ha chiesto a Tony Khan il suo rilascio a seguito di un litigio backstage perché il wrestler si è sentito poco rispettato. Si attendono ulteriori sviluppi sulla questione.