L’ex Cesaro: “In AEW mi sento come un bambino in un negozio di caramelle”

Quella sensazione di essere arrivato nel posto giusto al momento giusto ha colpito lo svizzero

by Rachele Gagliardi
SHARE
L’ex Cesaro: “In AEW mi sento come un bambino in un negozio di caramelle”

A AEW x NJPW Forbidden Door, Claudio Castagnoli, ex Cesaro in WWE, ha fatto il suo debutto in AEW, sostituendo Bryan Danielson nel suo incontro programmato contro Zack Sabre Jr.. 

Claudio ha lasciato la WWE nel mese di febbraio, quando il suo contratto è scaduto e ormai lui stava facendo veramente poco nella compagnia. Infatti ha deciso di non rinnovare e proseguire con la sua vita e carriera.

Durante la conferenza stampa che viene solitamente fatta dopo i pay-per-view della AEW con Tony Khan e alcuni wrestler che hanno combattuto, Claudio ha voluto commentare la sua decisione di unirsi alla compagnia di Jacksonville.

Sembra di essere qui da una vita

"A volte, le stelle si allineano per un momento perfetto. È quello che è successo stasera. Spero che Bryan stia bene, so che Bryan tornerà. È perfetto. Ho appena parlato con Mox, ci conosciamo da 10-12 anni, ci conosciamo da molto tempo. Viaggiavamo insieme e ci allenavamo insieme, lo facciamo ancora e parliamo ancora. È perfetto. Alla fine della giornata, sono sempre alla ricerca di nuove sfide. Qui in AEW, sono come un bambino in un negozio di caramelle", ha detto.

Per quanto riguarda i suoi dream match ora che è lì, il wrestler ha risposto: "Ero così entusiasta di condividere il ring con Zack Sabre Jr. Ho lottato con lui l'ultima volta nel 2009. Ci sono così tanti ragazzi che conosco da anni come Orange Cassidy, non stiamo parlando di quello che urla e urla tutto il tempo come un bambino. La cosa più importante è che i fan siano entusiasti. 

Contro chi volete vedermi lottare ora? Questa è sempre stata la cosa più importante. Chi è il mio avversario dei sogni? Non mi interessa. Contro chi vuoi vedermi lottare? Qui in AEW, tutto questo può accadere. L'ultima volta che ho lottato con Kenny Omega è stato tipo il 2008. Siamo cresciuti molto da allora. Vale la pena menzionarlo. 

Potrei nominare letteralmente ogni persona che ho incontrato nello spogliatoio e nel backstage. Posso darvi una lista di persone con cui non voglio salire sul ring, ovvero nessuno. Non so se si può dire. Sono molto felice. Questa è la mia prima notte qui e mi sento come se fossi qui da anni. È fantastico.”

SHARE